CINEMA, INTERNATTUALE

“Ritorno al Futuro”: dieci invenzioni del film che oggi sono vere

Back to the future - film anniversary 2015

Vero e proprio cult degli anni ’80, Ritorno al Futuro, primo film di una fortunata trilogia, ritorna in auge per quella data, il 21 Ottobre del 2015, in cui Michael J Fox e compari viaggiarono nel futuro nell’ormai lontano 1989 a bordo della mitica (e ormai famosissima) DeLorean DMC-12. Nella pellicola, diretta da Robert Zemeckis, si ipotizzava di un futuro fatto di auto volanti, skateboard sospesi a mezz’aria e Nike che si allacciavano da sole una volta indossate. Per queste invenzioni probabilmente dovremo ancora aspettare a lungo, ma molte altre, invece, nel frattempo sono diventate realtà. Ecco allora le dieci invenzioni diventate vere in queste tre decadi:

  1. I DRONI:

Nel film molti dei noiosi compiti dell’uomo erano invece svolti da droni volanti: dal portare a spasso un cane al catturare immagini per organizzazioni giornalistiche tutto veniva fatto attraverso dei “robot volanti”. Oggi i droni sono una realtà diffusissima, dalla regia televisiva alla fotografia, si sono trasformati in pochi anni in strumenti indispensabili per operatori e specialisti del settore, consentendo di fare riprese prima impossibili o costosissime.

  1. PAGAMENTI ELETTRONICI:

Ritorno al Futuro immaginava una cosa che per l’epoca era impensabile, pagare senza denaro, e lo fa quando Terry chiede a Marty di donare 100 dollari elettronicamente. Oggi grazie a Paypal, alle carte di credito e a tanti altri strumenti digitali, è possibile farlo con pochi click, inviando bonifici, denaro, ricariche telefoniche o carte di credito in pochissimo tempo. Ma il film aveva anticipato anche i dispositivi wireless, senza fili, e quelli touch.

  1. RICONOSCIMENTO FACCIALE E DELLE IMPRONTE:

In una scena del film, Jennifer, fidanzata del protagonista e sua futura moglie, utilizza l’impronta digitale del suo pollice per aprire una porta nella sua casa del 2015, “senza maniglia”. Oggi il riconoscimento delle impronte è addirittura installato anche su dispositivi comuni come Personal Computer e smartphone come iPhone, così come il riconoscimento biometrico del volto, per accedere alle informazioni del proprio conto in banca e, perché no?, anche per aprire la porta di casa.

  1. CONSOLE DI GIOCO SENZA JOYSTICK:

Tra gli anni ’80 e ’90, per giocare a console come Nintendo e Commodore, attaccate per lo più ai televisori di casa, erano molto in voga i Joystick, controlli di gioco con fili, il cui comando principale era rappresentato da una piccola cloche e qualche pulsante. Quando nei primi anni 2000 PlayStation propose il rivoluzionario Joypad, composto per lo più da soli pulsanti, che qualche anno dopo divenne senza fili, era già tanto. Nessuno avrebbe mai immaginato che console come l’XBOX sarebbero addirittura andate oltre, permettendo ai giocatori di giocare senza l’ausilio di controlli di alcun tipo se non il loro corpo.

  1. SNEAKERS AUTO-ALLACCIANTI E ABITI CHE SI ADATTANO:

Marty nel film indossa delle Nike che si allacciano da sole, così come tutta una serie di abiti che si adattano al corpo. Oggi probabilmente siamo ancora distanti da quel tipo di tecnologia, ancora un po’ troppo futuristica e fantasiosa, ma c’è tutta una tecnologia da “indossare”, come le scarpe da corsa che ricaricano la batteria del cellulare, magliette che vibrano per farti seguire la tua strada. In compenso nel 2011 Nike ha creato una limited edition proprio come le scarpe di Marty, forse non si allacceranno da sole, ma i fan potranno avere la sensazione di indossare il futuro.

  1. VIDEO CHIAMATE E SOCIAL NETKORK:

In Ritorno al Futuro 2, Marty fa una videochiamata. Nessuno avrebbe mai immaginato che sarebbe stato precursore di servizi come Skype o FaceTime di Apple, che permettono di chiamare e vedersi anche da dispositivi mobile. Ma, guardando attentamente il film, sul display dell’interlocutore comparivano anche informazioni come la data di nascita, l’occupazione, l’orientamento politico e gli hobby. Tutte cose condivise digitalmente: facebook vi dice niente?

  1. VEICOLI CHE VANNO A… RIFIUTI.

Il Dottor Brown rifornisce la sua mitica DeLorean utilizzando i rifiuti. Forse noi non potremo ancora permettercele, ma Toyota ha già progettato, e ancora sta progettando muovendosi in questa direzione, un auto, la Mirai, a idrogeno, facendo una campagna promozionale proprio con gli attori della trilogia, Michael J Fox e Christopher Lloyd. Le auto a idrogeno sono una realtà da tempo ormai, e riescono a trasformare l’idrogeno e l’ossigeno in impulsi elettrici.

  1. SKATEBOARD SOSPESI:

Anche se gli “hoverboard” molto si rifanno agli skateboard del film, avendo comunque le ruote, tecnicamente non contano, molte società hanno creato (e testato) dei veri skateboard volanti, il cui costo medio si aggira intorno ai 10.000 dollari.

  1. VIDEO-OCCHIALI:

Da Google a Apple sono tanti i produttori che si sono ormai lanciati nel mercato dei cosiddetti “SmartEyeGlasses”, occhiali che permettono la realtà aumentata, che è possibile acquistare su eBay. Già in una scena del film, i figli (futuri) di Marty e Jennifer guardano la TV attraverso le lenti, ignorando la propria famiglia. La scena descritta vi ricorda qualcosa? La produzione di Google pare al momento essersi arenata per la fredda accoglienza del pubblico, ma la scena suona maledettamente REALE.

  1. PEPSI—EDIZIONE LIMITATA:

Sono tanti i marchi citati nella pellicola che negli anni hanno deciso di celebrarla. Tra questi Pepsi, che ha deciso di creare una speciale bottiglia in edizione limitata della “Pepsi Perfetta”. La bottiglia nel film costava 50 dollari, ma i comuni mortali potranno acquistarla nella vita vera ad un costo di poco più di 20 dollari, gratis invece per i partecipanti al ComicCon di New York.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...