INTERNATTUALE, LIFESTYLE

Ho vissuto tre giorni senza linea dati sul telefono: ecco cosa è successo

Qualche giorno fa ho deciso di cambiare il mio costoso piano tariffario per il traffico dati: sono prevalentemente a casa col WI-FI e non ha molto senso pagare un abbonamento di 5 GB al mese per quei pochi momenti in cui sono fuori. Così mi loggo sul sito del mio operatore e disattivo il rinnovo dell’offerta, in attesa di sceglierne uno più adatto alle mie esigenze.

Nel frattempo sono stato invitato da alcuni amici per il fine settimana in centro. Con mia sorpresa scopro solo al mio arrivo che sono scoperto da traffico dati poiché l’ultima offerta finiva prima di quanto avessi inizialmente previsto.

Uno smarrimento che ha continuato a farmi percepire la vibrazione del telefono in tasca anche quando di fatto il cellulare era semplicemente in stand-by, immobile.

Superata la mia smania iniziale di tirarlo fuori ogni tre minuti per controllare messaggi WhatsApp e notifiche varie, ho iniziato a metabolizzare che avrei vissuto senza linea dati per tutto il weekend.

Ho provato a rubarla ai miei amici, ma dalla stanza in cui ero il segnale non era eccellente. Mi sono appoggiato a quella di Bar e negozi via via, ma per qualche arcano motivo le connessioni “#FREE” non funzionano mai adeguatamente.

iphone 6 instagram app social - internettualeComincio a camminare per le vie della città e dinanzi al mare, ad uno scorcio, la particolarità dei posti o dei piatti al ristorante, con piglio à la Mario Testino for Vogue, faccio quelle che penso siano le foto del secolo, pronto a condividerle immediatamente su instagram, già pregustando la pioggia di cuori per le “genialate” del momento. Ma solo dopo ricordo di non poterlo fare, così, dopo lo scatto, resto ancora un po’ in contemplazione, imprimendo nella mia mente e nel mio cuore le immagini che normalmente mi sarei fiondato a “filtrare” subito dopo e postare on-line, ignorando i presenti e quanto mi circondasse per almeno dieci minuti in attesa del geo-tag o di distinguere un effetto vintage dall’altro dal mio schermo inondato dal sole.

Mi è ritornato in mente quando negli anni ’90, fieri delle nostre Olympus compatte e rullini da 36 foto, centellinavamo gli scatti con maggior attenzione, godendoci di più i luoghi, le sensazioni, i profumi, il sole sulla pelle.

Sono entrato in un grande magazzino: come ogni punto commerciale che si rispetti ha una radio in streaming personale, che trasmette lo stesso genere di canzoni e passa soltanto le proprie pubblicità. Ascolto un brano anni ’50, che immediatamente avrei “shazammato” alla ricerca del titolo e della voce che mi sorprende. Avrei preso lo smartphone, tentato di aprire l’app con celerità e probabilmente smadonnato per quei minuti infiniti che Shazam prende all’inizio prima di avviarsi completamente ed essere operativo.

Sono invece rimasto lì, incantato. Ancora oggi non so chi cantasse o di quale brano si tratti e non posso riascoltarlo cercandolo su YouTube. Ma quella sensazione, quel momento di gioia, la tenerezza è dentro di me. Certo, forse in futuro lo dimenticherò, ma quel momento io l’ho VISSUTO.

Il weekend si è concluso con una serata-pizza. Sono stato presso una nota pizzeria della città, dove ho aspettato circa un’ora. Un’attesa nel vicolo estenuante, con il rischio che piovesse, la pressione della folla che spintona e un molesto negoziante di graffe di fronte che ha letteralmente seviziato la gente che affollava il vicolo con uno stereo sparato a tutto volume con scadente musica italiana a palla.

Probabilmente avrei ingannato l’attesa ignorando i miei amici e sbizzarrendomi a condividere stati goliardici su facebook, selfie tra la calca per sentirmi figo o messaggiando con qualcun altro. Ma ho aspettato. Ho letto l’impazienza negli occhi dei miei amici, ho guardato le luci nel vicolo, ho ascoltato il chiacchiericcio delle persone intorno a me.

Ci affatichiamo a condividere momenti che non viviamo nemmeno. Perché la verità è che non ci importa nemmeno più divertirci, ma di farlo sapere agli altri. Oggi forse tendiamo troppo a digitalizzare la nostra vita, a cercare di rendere eterno (e trendy) quel “carpe diem” oraziano che dovremmo semplicemente vivere, sentire, percepire nell’anima.

P.S. in più ho risparmiato il 30% della batteria. È una buona cosa anche questa.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...