CINEMA

Rings: Samara di nuovo al cinema nell’era di internet 2.0

L’ultimo decennio cinematografico è senza dubbio quello dei reboot. Da Spiderman a Superman, da Jurassic Park ai Ghostbusters sono tantissimi i franchise al cinema mutuati da vecchie saghe cui provano a ridare vita le nuove reclute di Hollywood. A metà strada tra remake e sequel sono i film che giovano delle nuove tecnologie: dal bianco e nero ai colori, dall’alta definizione al 3D, in una storia della cinematografia che si perpetua dalla notte da sempre.

L’ultimo arrivato in questo filone è Rings, dal 10 novembre al cinema, film tratto dall’originario The Ring del 2002 con Naomi Watts, a sua volta omologo di una originale serie di film nipponici Ringu di Hideo Nakata, che ne diresse anche il sequel statunitense, e di cui questa nuova pellicola si propone a sua volta come ideale seguito.

matilda-anna-ingrid-lutz-in-rings-2016-internettuale
l’attrice Matilda Anna Ingrid Lutz in una scena di Rings (2016)

La storia ruota intorno a Julia, interpretata dalla giovane Matilda Lutz, che già dal 15 settembre al cinema al cinema con L’Estate Addosso di Gabriele Muccino.

Invariata la storia, cambia la tecnologia. I protagonisti della pellicola dopo aver visto un filmato dal significato oscuro ricevono una telefonata che gli darà sette giorni di vita. Ma qui non ci sono più tubi catodici e nastri VHS. Samara, questo il nome dello spirito che perseguita gli spettatori della clip, entra nell’era dell’internet 2.0. Il video adesso si diffonde tramite un link inviato via mail da un mittente sconosciuto.

Omaggio alla vecchia saga dei primi anni 2000, un vecchio, quanto un po’ dissonante telefono a rotella, che emette il fantomatico quanto terrificante squillo della chiamata della morte: “sette giorni”.

Nuovi effetti speciali per una escalation del terrore che i trentenni ricorderanno già sul volto della Watts, che qui gioca al rialzo, fino a trasformare il video di Samara in un fenomeno virale che si propaga senza controllo su ogni mezzo di comunicazione. Tablet, televisori ultrapiatti, persino gli schermi sui sedili di un aereo che si incendia e precipita.

Rings, secondo le prime immagini diffuse dal trailer della Universal punta sulla spettacolarizzazione del terrore, facendo di Samara una piaga sulla terra in cerca di vendetta, in un film, meno thriller e più horror, che ricalca un po’ lo schema, quello del pericolo di morte ad ogni angolo, di un’altra saga dell’orrore, Final Destination.

Insieme alla giovane Lutz, ritroviamo Vincent D’Onofrio, già volto del serial Law & Order: Criminal Intent.

Rings è la rilettura contemporanea di quello che ormai è un classico dell’orrore, l’opportunità per scoprire cosa succede spostando la storia di quindici anni in avanti, e cosa ha ancora da dirci Samara Morghan dall’oltretomba.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...