ART NEWS

Gli indefiniti volti del potere di Galliano fino al 30 novembre alla NEA di Napoli

daniele-galliano-spazionea-napoli-were-gonna-a-real-good-time-together-internettualeSono poche le opere capaci di diventare un simbolo in così poco tempo. Tra queste c’è We’re gonna have a real good time together di Daniele Galliano, alla galleria Nea in Via Costantinopoli a Napoli.

Incuriosito dalle foto che continuavo a vedere su instagram, sono stato ieri allo spazio NEA ignaro che l’esposizione fosse soltanto fino al 30 ottobre. Per mia fortuna però il grande successo di pubblico, che avevo già percepito sui social, ne ha permesso la proroga fino al prossimo 30 novembre, così mi sono ritrovato anche io di fronte ai tanti volti indefiniti dell’artista piemontese.

A curare la mostra per la galleria napoletana di Luigi Solito è Graziano Menolascina.

In un mondo, quello odierno, fatto soprattutto di immagine, di fotografia, di social, Galliano priva i suoi ritratti delle fattezze volto, dell’identità, di quei tratti somatici che consentirebbero all’osservatore di distinguere gli uni dagli altri. E invece eccoli lì, tutti uguali in quelle giacche e cravatte che indossano come maschere o come armature, ma sempre per fingersi ciò che nemmeno lontanamente sono o saranno.

Sono i politici, i bancari, gli affaristi, gli uomini di potere che da secoli governano il mondo, mentendo, simulando, dissimulando. Volto e anima scivolano via, lasciando lineamenti indefiniti. È il momento della loro dissoluzione, che l’artista cattura come grido di protesta sociale.

Un’indagine, quella di Galliano, non soltanto artistica, ma sociologica, che va a colpire proprio quei punti della strategia comunicativa su cui ogni uomo di potere, e dunque di immagine, si finge altro da sé innalzandosi a modello per la società: identificazione, individuazione, imitazione e interiorizzazione.

Con la prima l’uomo fa riferimento a figure e modelli rispetto ai quali si sentirà uguale, creando un “noi”, che possa essere inteso come famiglia, patria, come gruppo di pari, via via ad arrivare all’intera umanità.

L’individuazione invece è quel processo con cui il soggetto fa riferimento alle caratteristiche che invece lo distinguono dagli altri, lo rendono unico, interponendo una barriera tra sé e il mondo. Attraverso il processo dell’imitazione, intesa come riproduzione conscia e inconscia di modelli comportamentali, l’individuo si muove in maniera differente in uno specifico contesto sociale. Infine l’interiorizzazione è quella fase in cui l’individuo fa suoi questi modelli, questi comportamenti, questi meccanismi sociali creando una ben precisa immagine di sé stesso, come prodotto finale di un processo, quello dell’identità, che è contestuale e relazionale.

Privando gli individui del loro volto, di questa identità costruita su di una precisa strategia, Galliano depaupera i suoi uomini del loro potere di manipolazione della società, della loro capacità di finzione per ottenere voti, denaro, tornaconti personali.

I 70 ritratti dell’artista, oli su carta che vengono a comporre un’opera unica, si amalgamano tra loro per l’armonia delle forme e dei colori, dando la sensazione allo spettatore di osservare una moltitudine in lontananza, senza una reale percezione e capacità identificativa, quasi a lasciare implicitamente intendere che ognuno di questi uomini, come in un sottile gioco di specchi e riflessioni, potrebbe essere, nel suo piccolo contesto societario, ognuno di noi.

Per maggiori informazioni:

www.spazionea.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...