INTERNATTUALE

Vaccini: perché è necessario il diritto a una scelta libera e consapevole

Vaccini sì, vaccini no. Ancora una volta l’Italia si spacca. Dopo le trivelle, il referendum e l’eutanasia, sono i vaccini adesso ad aver creato, on-line e non solo, delle vere e proprie faide, tra gli assertori che vogliono una vaccinazione obbligatoria, pena l’esclusione dalla scuola, e i detrattori che invece fanno leva sulla coscienza genitoriale e la libertà di poter scegliere le cure, o in questo caso gli antidoti, migliori per prevenire malattie e infezioni.

Immediata la reazione di coloro che pensano che una profilassi terapeutica sia assolutamente indispensabile per arginare il rischio di infezioni virali, sposando in pieno la proposta del ministro della salute Lorenzin, da cui ha avuto origine questa diatriba mediatica che da qualche giorno tiene banco sulle prime pagine dei quotidiani.

Io appartengo alla generazione dei “millennials” e ai miei tempi la vaccinazione era obbligatoria solo per alcune malattie. Fatte quelle, il modo alternativo per sviluppare gli anticorpi per le altre, se i genitori non volevano imbottire di antibiotici i propri figli, era quello di farsele attaccare.

Io ero un bambino molto sano. Mentre i miei amichetti a scuola si ammalavano di continuo: varicella, orecchioni, rosolia io non mi ammalavo mai.

Ancora ricordo mia madre che, non appena sapeva che i figli delle amiche si erano beccati qualcosa, portava me e mia sorella di casa in casa per farci giocare insieme un intero pomeriggio, sperando che fosse sufficiente per farsela attaccare.

E così anche io ho avuto la mia pertosse, il mio morbillo e tutto un iter di malattie che mi ha risparmiato una sequela di ulteriori iniezioni e conseguenti stati febbricitanti. Non ricordo, durante la mia infanzia o adolescenza, di morti precoci o diffusioni virali di malattie. Siamo stati bambini come quelli delle generazioni che ci hanno preceduto, con i nostri giochi nel cortile, le corse sfrenate, il naturale decorso di malattie a letto a base di gelato e televisione.

Credo fermamente nella medicina, ma, fatto un distinguo per casi in cui affidarsi alla scienza è assolutamente fondamentale, generalmente credo che bisognerebbe evitare l'(ab)uso di medicinali che invece sta fortemente condizionando la nostra vita.

Vitamine, integratori, anti-influenzali, ansiolitici. C’è un farmaco per ogni disturbo, per la gioia degli ipocondriaci che temono anche un banale raffreddore e la fortuna delle case farmaceutiche, che ci spingono verso questa ideale ricerca del perfetto stato di salute.

Una volta per curare un mal di orecchi o un la di gola, si tagliavano le maniche delle vecchie maglie di lana (quelle che a Napoli si chiamano “maglie della salute”) e le si riscaldava con il ferro da stiro, dopodiché bastava avvolgerle intorno al collo o vicino all’orecchio per sentire il calore sciogliere, letteralmente, il dolore.

Nessuno sciroppo, nessun miracolo della medicina, nessuna fretta di guarire. Persino un mal di denti lo si curava mettendoci su del liquore per attutire il dolore.

Dottori allarmisti e pazienti spaventati che cercano su Google i sintomi di malattie comuni che sul web si fanno gravi o addirittura terminali.

Persino la gravidanza diventa una corsa al parto a base di acido folico da assumere e costosissimi controlli per la salute del bambino, quando appena qualche decennio prima le nostre nonne sfornavano almeno quindici figli, tenendone per mano tre e aspettandone al contempo due, mentre si chinavano ogni giorno ai lavatoi pubblici per il bucato. E così, in una società che teme il morbillo come un attacco dell’ISIS, anche i vaccini si fanno indispensabile strumento di difesa contro minacce inesistenti, esasperando casi particolari come quelli della campionessa olimpionica Bebe Vio (colpita da meningite fulminante all’età di 11 anni), per diffondere, è proprio il caso di dirlo, un infondato allarmismo social(e).

La verità è che non c’è un vero e proprio pericolo di una qualsivoglia epidemia in Italia, né una reale necessità di fare dei vaccini un caso nazionale. È soltanto una questione di equilibrio e conoscenza. È chiaro che bisogna stare attenti ad una meningite fulminante, così come non ci si può ostinare a curare con rimedi omeopatici un sintomo che proprio non vuol passare, rischiando la vita. Ma, allo stesso tempo, bisogna guardarsi bene dall’entrare in un paranoico circolo vizioso senza soluzione di continuità.

È per questo motivo che il Movimento Giovanile del Risveglio ha organizzato una serie di slow walking (camminata lenta) in diverse città d’Italia sabato 3 giugno, per manifestare e difendere il proprio diritto ad una scelta consapevole.

È giusto, e anche doveroso, il desiderio genitoriale di voler proteggere i propri bambini, e la ferma volontà di farli crescere felici e, soprattutto, sani. Ma forse non dovremmo perdere di vista due cose fondamentali che, in questa storia, ci sono sfuggite: la prima è che quella della salute, così come la vita (e anche la morte) dovrebbe essere una libera scelta in risposta al proprio credo, alla propria etica, alla dignità con cui si desidera condurre la propria vita. Uno stato democratico, quale dovrebbe essere il nostro Paese, deve mettere a disposizione degli strumenti, lasciando però il libero arbitrio ai suoi cittadini se farne ricorso o meno, senza alcun tentativo di coercizione o forma coatta di attuazione. La seconda, e probabilmente più importante, è che il buon senso e la saggezza popolare continuano a rappresentare quel millenario sapere che da secoli l’umanità si tramanda oralmente. Perché, in fondo si sa, a volte per togliere il medico di torno, basta soltanto una mela.

Annunci

1 thought on “Vaccini: perché è necessario il diritto a una scelta libera e consapevole”

  1. Da bambini ci siamo vaccinati tutti e non siamo diventati autistici e ci siamo risparmiati tante malattie.
    Mi sa tanto di “polverone” per nasconderci le “sorprese della manovrina”….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...