LIFESTYLE

Alla scoperta di Amalfi, tra mare e suggestioni arabeggianti

Un viaggio ad Amalfi non può che iniziare con un autobus. Se le corriere avevano un fascino d’altri tempi, oggi gli autobus della SITA sono forse meno affascinanti, ma altrettanto suggestivo è il loro percorso che fiancheggia la costa. Vedute a strapiombo sul mare, e vicoletti stretti al limite del brivido per chi è seduto vicino al finestrino, che avrà così modo di vedere le delicate manovre dei pullman che si intrecciano come in una folcloristica danza.

Quello via terra però è un percorso che, in un weekend festivo, con partenza da Napoli, può anche impiegare fino a tre ore di viaggio. Ma non pesa il tragitto a dispetto degli affollatissimi bus, tra le risate dei bagnanti del posto in cerca di una spiaggia non troppo affollata, e le parlate dei forestieri attoniti che guardano l’intensità del mare blu e i paesini scoscesi, cercando di rubare uno scatto al volo con lo smartphone.

dal profilo instagram @marianocervone

Nel cuore di Amalfi è letteralmente impossibile non visitare il Duomo. Imponente struttura in marmo chiaro e scuro, anch’essa arrampicata come la città che la ospita, che mostra una chiara influenza bizantina negli intrecci marinareschi di funi e longobarda nei motivi floreali, a spirale e le figure animalesche. Ultimo baluardo architettonico di ciò che doveva rappresentare questa città quando insieme a Genova, Venezia e Pisa era una repubblica marinara nel X secolo.

Costruito nel 987 d.C. vede un lungo processo di trasformazione e ampliamento che vede i lavori protrarsi fino al 1900, portando la struttura alla conformazione odierna.

Dedicato a Sant’Andrea apostolo, di cui custodisce le reliquie, il duomo trova il suo cuore pulsante nel chiostro del paradiso. Varcando la soglia d’ingresso, si ha subito la sensazione di trovarsi in uno dei paesi dell’Africa nord occidentale, come il Marocco, tra le alte palme all’interno delle mura bianchissime, le linee ondeggianti della struttura, il ninfeo e la straordinaria policromia del campanile che si staglia contro il cielo azzurro.

È una sensazione di pace quella che provo, e la meraviglia per queste forme orientali è così forte che quasi mi aspetto di sentire la voce modulata del muezzin che ricorda ai musulmani il richiamo alla preghiera.

Chiostro del Paradiso, Duomo di Amalfi (instagram)

Pochi frammenti marmorei di stile cosmatesco sono gli ultimi silenziosi testimoni di una decorazione passata che doveva apparire molto ricca di colori, di oro, di dettagli. Anche il cristianesimo che è giunto qui è di influenza greca, come mostrano le croci con le braccia uguali o le immagini dei santi, in cui l’impronta giottesca sposa un gusto esotico, che non è riuscito a sottrarsi, nei secoli, all’iconoclastia, i cui frammenti superstiti fanno ipotizzare l’importazione del culto dei Santi Cosma e Damiano.Il primo ambiente interno è quello del Museo Diocesano, dove sono esposti alcuni dei paramenti sacri tra i più antichi d’Europa, come la preziosissima mitra, decorata con migliaia di perline e uno straordinario calice.

Si discende lungo la cripta, dove l’austerità della sala del tesoro cede il passo all’opulento barocco che adorna le reliquie di Sant’Andrea, ritratto in una bellissima statua bronzea. È risalendo la cripta che i visitatori restano piacevolmente stupiti scoprendo la ricchezza delle forme barocche, le cui colonne antiche sono state decorate da marmi commessi. Sull’altare maggiore troneggia una bellissima copia da Mattia Preti, che raffigura Sant’Andrea apostolo. Una magnificenza che trova il massimo compimento nella decorazione del soffitto.

All’uscita, mentre scendo le scale del duomo, scorgo una bellissima e sorridente sposa in posa per le foto di rito, e dal suo sorriso comprendo che è proprio in questa terra di limoneti e coloratissime ceramiche, dove il profumo dolciastro del gelsomino ti inebria, che abita la vera felicità.

il cuoppo della Pescheria CICA ad Amalfi

Proseguo il mio cammino inoltrandomi per le stradine di questa piccola cittadina, districandomi tra le botteghe di porcellane tipiche e bottiglie di limoncello, ma è il profumo del fritto della Pescheria Cica che cattura la mia attenzione, dove il pescato fresco si trasforma in squisito quanto caratteristico cuoppo le cui diverse tipologie, come in un fast food di qualità, prendono il nome dalle località limitrofe. Il risultato è uno street-food godibile, una frittura asciutta, profumata, saporita. Zeppoline tradizionali, zeppoline di granchio, pezzetti di baccalà, patatine fritte. I sapori del mare trasformano persino il gusto po’ aspro di uno spicchio dei caratteristici limoni in uno squisito frutto da mordere dal sapore un po’ acre.

Mi dirigo a Ravello, località prediletta dalla First Lady Jackie Kennedy negli anni ’60, e ancora si sente la magia glamour delle estati di quegli anni.

Scelgo Villa Rufolo, appartenuta, secondo la leggenda, al commerciante Landolfo Rufolo, protagonista tra l’altro di una delle novelle del Decamerone di Boccaccio.

Passò di mano in mano a diversi proprietari, fino a giungere a metà del 1800 a Francis Neville Reid, che comprese già l’enorme potenziale della struttura allora in uno stato di decadenza, e la restaurò riportandola agli antichi splendori.

Anche qui, come al duomo, scorgo nelle forme architettoniche e nei giochi del giardino, delle suggestive influenze orientali, tipiche del sud Italia.

Un giardino che rievoca suggestioni arabeggianti, che mi rimandano alla Sicilia, con padiglioni che conservano una maestosa decadenza, intervallata da una vegetazione di verdeggianti palme e piante.

Non riesco a godere del giardino inferiore, il cui spazio è occupato dai preparativi per il noto Ravello Festival, la rassegna concertistica che per tutta l’estate accompagna visitatori e turisti, rievocando idealmente la visita del compositore Richard Wagner nella villa, cui si ispirò per il giardino di Klingsor nel secondo atto del suo Parsifal.

Per il ritorno a casa scelgo un percorso di circa due chilometri, che collega l’altopiano di Ravello con la costa di Amalfi, seguendo le indicazioni attraversando scorci, paesaggi e paesi come Atrani, con le sue chiese barocche al tramonto e i suoi biancheggianti vicoli, sospeso tra case di gusto ellenico e panorami mozzafiato.

Un bagno al tramonto, tra acque cristalline e le strida dei gabbiani, prima di fare ritorno con un traghetto della TravelMar, che mi riporta a Salerno. E intanto mi godo il sole che si inabissa nelle acque, con il vento tra i capelli, prima di ritornare al mio treno che mi riporterà a Napoli.

Ciao Amalfi, terra di sole e felicità.

Sul mio profilo instagram il racconto fotografico completo del mio soggiorno ad Amalfi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...