ART NEWS

Il mistero degli Etruschi, lunedì 30 ottobre alle 21.10 su RaiStoria

Quella degli Etruschi, al pari di ben più note civiltà, è senza dubbio una cultura che affascina e continua ad affascinare. Non soltanto per quell’aura di mistero che aleggia intorno ai luoghi e gli oggetti rinvenuti, ma anche per la loro forma e la loro elevata fattura.

Mi ci sono voluti ben due moduli universitari per conoscerla, e chissà quanti ancora per scoprirne le tante scoperte e campagne di scavo che ancora sono fatte.

Già i Medici nel ‘500 ne avevano scoperto la suggestione, anticipando di secoli quello che poi si trasformerà in antiquariato e vera passione per il passato. Cosimo I infatti si faceva chiamare Magnus Dux Etruriae, riscoprendo le originarie radici etrusche di Firenze e della Toscana in genere. Ma tale passione proseguì anche nel XIX secolo con Carlo Alberto di Savoia che per il Castello di Racconigi volle un Gabinetto Etrusco per ricevere ministri e alti dignitari.

Quelli del XIX secolo e del XIX sono gli anni del collezionismo, delle spedizioni archeologiche, della scoperta del passato. Nasce e si diffonde il mistero etrusco, con la scoperta delle prime tombe e la decifrazione di una scrittura oscura.

Ma se come me siete affascinati da questa civiltà, l’occasione per farlo con una nuova produzione arriva lunedì 30 ottobre alle 21.10 su RaiStoria (canale 54 del digitale terrestre) con una puntata della nuova serie di Viaggio nella bellezza completamente dedicata alla Fortuna degli Etruschi. Storia e cultura con interviste degli archeologi e ricercatori, ma anche direttori di musei che proveranno a raccontare la storia senza sensazionalismi e misteri tipici di certa televisione.

Soddisfatto il ministro della cultura, Dario Franceschini, che non solo approva, ma invita le reti generaliste a trasmettere in prima serata o sotto forma di spot arte e cultura.

Nell’attesa che tale proposta possa trasformarsi in realtà, va detto, per dovere di cronaca, che la rete ammiraglia RAI ci ha pensato e ci sta pensando da qualche anno. Non è possibile non citare Passaggio a Nord Ovest  e Stanotte a… (la prossima pare sarà a Pompei) di e con Alberto Angela, Superquark con Piero Angela, vero punto di riferimento per scienza e cultura, e MERAVIGLIE. La penisola dei tesori, nuovo programma di Alberto Angela che racconterà il patrimonio dell’UNESCO italiano in tre o quattro puntate, spaziando dalla Valle dei Templi di Agrigento ad Assisi, dalla Reggia di Caserta ai Trulli di Alberobello, passando per il Castel dell’Ovo.

Nel frattempo invece la direttrice di RaiStoria, Silvia Calandrelli, ha confermato che proseguirà il connubio Rai Mibact per aiutare gli italiani a conoscere le meraviglie paesaggistiche e storico-artistiche del suo Paese, cercando di fare da sprone e stimolo per il turismo: «Avremo appuntamenti infiniti come infinito è davvero il patrimonio di questo paese» ha detto.

Firmata da Massimiliano Griner, la puntata in onda il prossimo lunedì vede la regia di Marzia Marzolla e Matteo Bardelli e spazierà da Museo Nazionale di Villa Giulia a Roma (più importante museo etrusco nel mondo per collezioni) alle necropoli di Tarquinia, Cerveteri e Vetulonia.

Il documentario ricostruirà i templi etruschi, molto diversi da quelli greci, con le loro parti in legno e terracotta, e le influenze con le culture del Mediterraneo, ma anche la stessa Grecia e il Medio Oriente.

La puntata potrà poi essere rivista sulla piattaforma streaming della rai www.raiplay.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.