MUSICA, TELEVISIONE

La seconda (soporifera) serata del Festival di Sanremo 2017

Non c’è innovazione o cambiamento che tenga: la seconda puntata del Festival di Sanremo, dopo il brio della prima, resa per lo più entusiasmante dall’attesa di un anno intero, ha sempre l’effetto di una liturgia cantata. Soporifera. I pochi momenti di emozione pura arrivano dall’ospitata di Robbie Williams, che ha “inaspettatamente” baciato la co-conduttrice Maria De Filippi, e Giorgia, la quale, nonostante sia ritornata sul palco dell’Ariston dopo sedici anni con un abito scomodissimo che avrà maledetto ogni minuto della sua esibizione, ha tenuto una performance tra vecchi e nuovi successi da vera fuoriclasse, ricordando agli spettatori in platea e i telespettatori a casa cosa vuol dire essere oggi un vero Artista.

Le undici canzoni in gara null’altro hanno aggiunto a quelle della serata precedente, mostrando un Sanremo, quello del Carlo Conti 3.0, all’insegna di una monotona tradizione.

Non sono serviti i rapper come Clementino e Nesli, finiti immediatamente nella zona “rischio eliminazione”, né i duetti ibridi figli di talent e altri programmi televisivi immediatamente scartati.

Tra gli abiti più bizzarri della serata di certo c’era quello di Giorgia Luzi, per molti vestita come un ombrello, tra le più eleganti, forse un po’ a sorpresa invece, la giovane Alice Paba.

A dispetto di una canzone orecchiabile scritta dal leader dei Modà e vincitore di Sanremo, Francesco Silvestre, Bianca Atzei proprio non riesce a piacere al pubblico sanremese, che ha subito fatto cadere in zona rossa la sua Ora esisti solo tu.

Visibilmente invecchiato, e forse un po’ seccato, Keanu Reeves, il noto Neo di Matrix, è apparso un po’ annoiato nel corso dell’intervista con Maria De Filippi, durante la quale non ha trasmesso nulla che potesse giustificare il suo probabilmente lauto compenso per presenziare.

Tra le esibizioni più curiose quella di Gabbani, che quest’anno, tirato fuori un maglioncino arancione della passata stagione, ha ballato sul palco con una scimmia. D’altronde, avrà pensato, che se nelle passate edizioni è riuscito a vincere persino un “Piccione”, perché non tentare con un brano che sembra uscito da una raccolta di Cristina D’Avena.

Per l’Italia abituata a talent ed eliminazioni dirette, non c’è gusto nel seguire una gara in cui i concorrenti temono di essere eliminati, inventando strani gironi che, a conti fatti, e dopo ben tre serate, eliminerà soltanto due brani, lasciandone ancora in gara ben venti.

Insomma il terzo giro di Carlo Conti ha comunque annoiato, e non è servito l’allure della De Filippi, che continua a presentare ospiti e cantanti come se fossero guest di C’è Posta per Te. La verità è che Sanremo 2017, a dispetto degli ascolti alti, non ha molto altro da offrire: Carlo, hai dato al festival tutto ciò che potevi, forse è giunto il momento di dedicarti ad altro.

MUSICA, TELEVISIONE

Ecco com’è andata la prima serata di Sanremo 2017

Il Festival di Sanremo è uno dei pochi fenomeni di costume del nostro paese al pari della notte degli Oscar per gli Stati Uniti. Dopo un periodo buio, la kermesse della canzone italiana è ritornata in auge anche tra quella fetta di pubblico più difficile da conquistare, i giovani, che sembrano apprezzare sempre più quello che per molti addetti ai lavori è una vera e propria “liturgia televisiva”. Merito dei talent, che ogni anno sfornano vincitori e potenziali nuovi concorrenti, merito, forse, anche dei social, che con quel senso di aggregazione e scherno si trasformano nel virtuale luogo di incontro dove (s)parlare e parodiare concorrenti, canzoni e conduttori.

Anche quest’anno Carlo Conti, giunto al suo terzo festival, ha cercato di imprimere la propria impronta sull’oltre mezzo secolo di tradizione festivaliera. Il noto conduttore televisivo ha infatti eliminato le storiche vallette. Se per le edizioni precedenti aveva voluto accanto a sé le vincitrici della gara, Arisa e Emma Marrone, e lo scorso anno ha invece scelto Rocío Muñoz Morales, quest’anno ha invece preferito una collega di prim’ordine e, anziché andare a rovistare nella fucina di talenti rai, ha scelto provocatoriamente prendere in prestito dalla rivale Mediaset Maria De Filippi.

Un matrimonio, questo, che sembra non funzionare, e che ha inconsciamente trasformato le oltre tre ore di diretta del festival in un surrogato di C’è posta per te, al punto che qualcuno (io per primo) ha lanciato su twitter l’hashtag #CeSanremoPerTe.

Maria De Filippi è un po’ ingessata nel suo ruolo di conduttrice defilata, avvezza ad una asettica presentazione dei protagonisti che, con le loro storie, animano i suoi programmi televisivi. Ad ogni artista il telespettatore a casa quasi si aspettava la consegna della posta con tanto di portalettere in bicicletta.

Durante la prima serata sono state presentati i primi undici brani, pochi per una serata che li ha spalmati tra promo contro il bullismo, encomi per le squadre di soccorso di terremoti e valanghe e qualche ospite. Il momento di maggior brio è arrivato dal cantante latino Ricky Martin, che in pochi minuti ha saputo condensare il meglio del suo repertorio facendo ballare tutti.

A cinquant’anni dalla sua morte, Tiziano Ferro, super ospite della serata, ha reso omaggio a Luigi Tenco, storpiando “Mi sono innamorato di te”, al punto da far dubitare se si trattasse di un ricordo musicale o un modo per far rivoltare nella tomba il compianto cantante scomparso nel 1967.

elodie-tutta-colpa-mia-sanremo-2017-prima-serata-internettualeTra le critiche più feroci del web quella alle sopracciglia di Elodie: troppo folte come quelle di Elio per alcuni, che dimenticano che è più facile trovare acqua su Marte che un bulbo pilifero nelle sopracciglia della Tatangelo. Ed è proprio Tutta colpa mia di Elodie uno dei migliori brani della serata, che ricorda, nell’interpretazione, un’intensità che ha ricordato a molti Mia Martini.

fiorella-mannoia-che-sia-benedetta-sanremo-2017-internettualeBellissimo il brano di Fiorella Mannoia, Che sia benedetta, scritto per lei da Amara in difesa dell’amore per la vita, che tuttavia mi ha ricordato un altro pezzo sanremese, Accidenti a te, che Fiordaliso portò sul palco dell’Ariston nel 2002, e quasi dispiace si questa assonanza che getta un’ombra su uno dei ritorni più attesi e sentiti di questa edizione.

L’amletica domanda della serata è senza dubbio stata per Al Bano, del quale forse non resterà la canzone, ma la curiosità di sapere se il brano è per l’ex moglie Romina Power o la sedicente compagna Loredana Lecciso.

Noioso il comico Maurizio Crozza che all’“applausi” in teatro richiedeva forse anche un “ridere” in sovrimpressione per capire davvero quando fosse il momento di farlo: battute politiche stantie e forzature che non sono riuscite nemmeno a strappare un semplice sorriso di simpatia o circostanza, facendoci rimpiangere il genio con cui Virginia Raffaeli ci ha piacevolmente intrattenuti lo scorso anno.

Insomma le idee geniali di Carlo stanno giungendo, è proprio il caso di dirlo, alla resa dei “Conti”, e forse per il presentatore de L’eredità è giunto il momento di abbandonare la nave e, prima che affondi, lasciare il ricordo di un’ultima traversata.

MUSICA, TELEVISIONE

“Che sia benedetta” di Fiorella Mannoia uguale ad un altro brano di Sanremo

E mentre gli italiani si domandavano se la canzone di Al Bano fosse per Romina o la Lecciso, un altro dubbio serpeggia intorno a questo Sanremo 2017. Ieri sera raiuno ha trasmesso la prima serata del Festival della Canzone Italiana, dove si è esibita anche Fiorella Mannoia. Data già per favorita dalla critica, la Mannoia ritorna al festival dopo quasi trent’anni.

fiorella-mannoia-che-sia-benedetta-prima-serata-sanremo-2017-internettuale
Fiorella Mannoia, sul palco dell’Ariston durante la prima serata di Sanremo 2017

Il suo brano si intitola Che sia benedetta, ed è già dato per vincitore dai bookmakers. Al primo ascolto però il brano mi ha subito ricordato un altro pezzo sanremese, che ha forse ha avuto poca fortuna a dispetto dell’intensità con cui fu interpretato.

fiordaliso-sanremo-2002-internettuale
Fiordaliso a Sanremo 2002

Sto parlando di Accidenti a te, cantata da Fiordaliso proprio sul palco dell’Ariston nel 2002. Un pezzo struggente, interpretato con grande intensità da Fiordaliso, scritto per lei da Giancarlo Bigazzi e Marco Falagiani (stessi autori de Gli uomini non cambiano della Martini del 1990).

Il brano che la Mannoia ha portato nella città dei fiori quest’anno, è invece stato scritto da Amara, terza classificata nelle Nuove Proposte del festival del 2015.

L’attacco del brano di Fiorella è pressoché simile a quello di Fiordaliso, così come alcuni punti sparsi della canzone.

Fiorella e Fiordaliso, due interpreti della canzone italiana che hanno saputo, ognuna a proprio modo, cantare i sentimenti e le situazioni degli italiani negli anni, e che in comune, da questa sera, non hanno soltanto l’assonanza nel nome, che ne fa letteralmente due fiori della canzone, ma in due pezzi che viaggiano sulle stesse note e che, paradossalmente, uno maledice ciò che l’altro adesso sembra benedire.


http://www.raiplay.it/card/video/2017/02/Fiorella-Mannoia—Che-sia-benedetta—Sanremo-7043c522-f861-46ec-afd6-66bd37d03980-ssi.html

MUSICA

Ecco “le migliori” di Mina e Celentano

Mina e Celentano ritornano con Le migliori. A quasi vent’anni dal loro primo album di duetti, era il 1998 quando uscì Mina Celentano, la Tigre di Cremona e il Molleggiato presentano questo secondo lavoro discografico in tandem, che, tra indiscrezioni e rinvii, i fan hanno aspettato oltre un anno. Niente paperini questa volta, nessuna versione cartoon simil fumetto-Disney. I due cantanti ci mettono la faccia, e poco importa se è frutto di Photoshop, perché lo fanno a loro istrionico e ironico modo, un po’ provocatorio, apparendo in copertina a metà strada tra mannequin e entraineuse. Sì, perché è probabilmente questo il senso di quest’album. Come “prostitute” musicali, le dodici nuove canzoni del disco devono essere di tutti e andare con tutti. Dev’essere questo il messaggio che segretamente lega copertina e titolo, trasformandosi in colpo di genio. E a giudicare da un primo ascolto la mission è decisamente riuscita.

mina-celentano-le-migliori-album-cover-copertina-recensione-internettualeAnticipato dalla spagnoleggiante Amami qualche settimana fa, l’album è uscito ieri, ed è subito una sorpresa. Sì, perché se il lead-single strizzava l’occhio a quella radiofonica strategia commerciale, gli altri brani invece sono la naturale evoluzione di due percorsi musicali che ritornano ad intersecarsi. Se il brano Acqua e sale era specchio fedele degli anni ’90, con Le migliori Mina e Celentano si rinnovano, pur restando fedeli a sé stessi.

E loro, che hanno cantato alcune tra le più belle canzoni d’amore della musica italiana, non potevano che celebrare ancora questo nobile sentimento anche in nuovo lavoro, come dimostrano le ballad È l’amore, Se mi ami davvero, Ti lascio amore, in cui i due interpreti giocano con il ritmo, i vocoder, le influenze latineggianti e velati omaggi alla canzone italiana.

Un album che non ha paura di sperimentare, sfociando persino nel reggae travolgente di Ma che ci faccio qui. Bellissima la rarefatta ballad Sono le tre.

Formula che vince insomma non si cambia: come nel loro primo lavoro insieme anche in questo album trovano posto delle tracce soliste, in cui vengono fuori le loro anime. La voce di denuncia di Celentano ritrova il tema della guerra ne Il bambino col fucile, cantando gli orrori dei bambini-soldato. Temi, questi, che sono stato il filo conduttore dell’artista dei suoi ultimi concerti all’Arena di Verona.

Mina invece ritrova la sua vena un po’ malinconica, che da Veleno (2002) caratterizza la sua voce e la sofferenza di testi che parlano di amori spesso tormentati, con il brano Quando la smetterò, in cui la voce è nuda, scevra da artifizi elettronici, accompagnata solo dal pianoforte.

Bellissimi gli ultimi duetti che chiudono una tracklist perfetta: Come un diamante nascosto nella neve, brano dal ritornello orecchiabile, ma dal testo non banale, e il remix di Prisencolinensinainciusol, omaggio ad un grande successo di Celentano del 1972, in cui Adriano parodiava l’allora nascente moda della musica angloamericana con una lingua inventata, che qui incontra la produzione di Benny Benassi e il featuring d’eccezione di Mina.

Ma aspettate a fiondarvi a comprarlo. Secondo alcune indiscrezioni, l’album potrebbe avere a breve una seconda edizione natalizia, che includerà due nuovi inediti, forse due brani composti da Caparezza e Giuliano Sangiorgi, oltre che al primo album di duetti del 1998.

Con questo lavoro i due cantanti italiani hanno dimostrato alle nuove generazioni che si può essere musicalmente all’avanguardia e al tempo stesso sperimentare nuovi sound senza per questo snaturarsi, con la classe, e forse la consapevolezza, di essere due numeri uno che, non paghi di aver già fatto la storia della musica, hanno ancora voglia di riscriverla.

MUSICA

Lady Gaga spiazza tutti: “Joanne”, così diverso da ciò che pensi

lady-gaga-joanne-cover-2016-album-internettuale
Lady Gaga, Joanne cover (2016)

Dimenticate il pop di Pokerface, i fasti di Bad Romance o il kitsch di Applause. Lady Gaga è tornata con Joanne, e il suo quarto album da studio è totale rottura con il passato. Ad un primo ascolto delle undici tracce della standard edition infatti Lady Gaga è più rock e meno pop.

Miss Germanotta ha sostituito parrucconi e occhialoni con jeans strappati e codino, e torna questa volta con un sound più ruvido, grezzo, a tratti country. Un sound asciutto, con meno orpelli, una naturale evoluzione che i suoi fan avevano appena percepito con il singolo Yoü and I, tratto da Born this way nel 2011.

Lo dimostra il brano Million reasons, ballad acustica con cui Gaga ha provato a correggere il tiro del poco fortunato Perfect Illusion, lead single dell’album, pubblicato lo scorso settembre, che ha il triste primato per la cantante di essere il primo brano ad aver mancato la top ten.

Ma sono tanti invece i brani che muovono i passi dal primo singolo, che mostrano l’anima più aggressiva dell’artista. A cominciare da Diamond Heart, che apre la tracklist.

Strizza l’occhio al country la titletrack, Joanne, una delle tracce più personali, che conferma quanto questo disco, a differenza dei precedenti, sia un lavoro più intimo, autobiografico, in cui Gaga parla di se stessa, della sua famiglia, dei suoi sentimenti.

Tra i pezzi più radiofonici c’è Dancin’ in circles, che strizza un po’ l’occhio all’ultima Sia, con un ritmo dal retrogusto orientaleggiante, ed è forse uno dei brani migliori del disco.

Ma il meglio di sé Germanotta lo dà nelle tracce che chiudono questo lavoro, come Sinner’s Prayer e Come to Mama, più orecchiabili dei brani in apertura.

Ricorda le ballad anni ’80 Hey Girl. A chiudere questo lavoro atipico, l’intensa Angel Down.

Il disco mette momentaneamente da parte lustrini e provocazioni, e mostra un’artista matura che, a otto anni dal suo debutto, ha voglia di sperimentare con immutato entusiasmo. Forse, a differenza dei suoi lavori precedenti è meno radiofonico, e non avrà molta eco nei club e nelle classifiche, ma Lady Gaga ha comunque voglia di dimostrare che oltre le provocazioni c’è molto di più.

MUSICA

Lady Gaga pubblica “Perfect Illusion” e ricorda molto un’altra hit di Madonna

È destinato a far discutere Perfect Illusion, nuovo attesissimo singolo di Lady Gaga, che ritorna a due anni da Applause e da un album, ARTPOP, che aveva un po’ tradito le aspettative di vendita.

Ma in questi due anni Miss Germanotta non se n’è rimasta in panciolle, e nel frattempo ha portato a casa un Grammy Awards come Best Traditional Vocal Album, incidendo un disco, Cheek to Cheek, in coppia con Tony Bennett, e addirittura una nomination agli Oscar come miglior canzone per il brano Til it happens to you, colonna sonora del documentario The Hunting Ground, che parla della violenza sessuale nei campus universitari americani. Ma in questi anni Lady Gaga ha trovato anche il tempo di recitare in serie TV cult come American Horror Story: Hotel, vincendo per il suo ruolo un Golden Globe come miglior attrice in una serie televisiva.

Perfect Illusion arriva dunque dopo due anni di silenzio, musicali, e un periodo ugualmente ricco, riportandoci quella Gaga-cantante che tutti abbiamo imparato a conoscere in questi anni.

Il singolo anticipa un album, ancora senza titolo, la cui pubblicazione pare sia prevista per il 2017, e per la quale, secondo le prime indiscrezioni, dovremo ancora aspettare il lancio di altri due brani nei prossimi mesi prima dell’uscita.

lady-gaga-perfect-illusion-single-cover-internettualePerfect Illusion inaugura una nuova Gaga-Era, come anticipato dalla stessa artista più volte nelle passate settimane. Più rock, aggressiva, meno pop e forse vagamente meno dance.

Eppure come già fu per Born this way, ad oggi la hit di maggior successo dell’artista di origine italiana, anche Perfect Illusion risente, forse un po’ troppo, dell’indiretta influenza di Madonna.

Se Bortn this way infatti ricordava a primo impatto Express Yourself, riprendendone le note e il significato, Perfect Illusion, che parla di un amore finito, di questa “perfetta illusione” in linea con gli amori estivi finiti agli inizi di settembre, ricorda invece già nelle prime note del ritornello quella Papa don’t preach del 1986, in cui Madge cantava il delicato, quanto peraltro attualissimo, tema della gravidanza adolescenziale e dell’aborto.

Non sono mancante le prime reazioni sui forum di musica che hanno immediatamente notato l’assonanza, dividendo il popolo della rete, e dei fan, tra chi non vuole assolutamente notare il plagio, o l’omaggio a seconda dei punti di vista, e chi pensa che siano assolutamente identiche.

Insomma che Germanotta abbia rieditato in chiave rock un vecchio successo di Miss Ciccone o no, ai fan poco importa. Lady Gaga è finalmente tornata, ma noi speriamo che nel suo prossimo album oltre questa perfetta illusione, è proprio il caso di dirlo, ci sia molto di più.

MUSICA

ZHU pubblica “Generationwhy”, la colonna sonora perfetta per i party di fine estate

Ancora poco noto nel nostro paese, ZHU, classe 1989, è un promettente cantante, musicista e produttore discografico statunitense. Dopo aver riscosso un notevole successo con il singolo Faded nel 2014, torna adesso con l’album d’esordio Generationwhy per Columbia Records.

Quattordici tracce elettroniche, con influenze anni ’70 e ’80 soprattutto, a metà tra pezzi strumentali e brani cantati, che rappresentano la perfetta colonna sonora per l’estate o per un party in piscina. Lo si intuisce dal sound, a tratti lounge, di brani come Palm of my hand, in cui il produttore cino-americano cita Samba pa ti di Santana, rivisitandola in un onirico piano che si fonde con i sintetizzatori e le vocalist, rimandando addirittura a Enigma nel parlato in francese e in un sax di fondo che ci fa viaggiare fino agli anni ’90.

Un sound ballabile, che ti fa venire voglia d’estate, di luccichii e aperitivi, come i brani Numb, Money o In the morning, il cui testo è una citazione del brano Touch me del 2001 del DJ portoghese Rui da Silva.

È colta invece la citazione dell’intro che riportano le parole e la voce della poetessa americana Maya Angelou.

Ricorda quasi un pezzo da backstage di haute couture o uno spot per la bella stagione la titletrack Generationwhy, dal ritornello orecchiabile, il messaggio chiaro, we are people of this generation, apparteniamo a questa generazione, e l’arrangiamento di grande impatto che molto mutua dagli anni ’80.

Sensuale e fresco il brano Good life, così come il ballabile Hometown Girl, tra i pochi brani interamente cantato con l’uncredited di Jaymes Young.

ZHU è un produttore aperto alla collaborazione, che nei suoi pezzi non disdegna i cori di Nikola Rachelle Bedingfield per il pezzo Reaching.

Pezzi deep-house, ipnotici, con influenze e forme musicali che si fondono in un unico album omogeneo ma non per questo noioso.

INTERNATTUALE, MUSICA

MTV lascia la TV in chiaro: com’è cambiata la musica negli ultimi quindici anni

MTV, storica rete televisiva italiana dedicata alla musica, ha definitivamente abbandonato il digitale terrestre, spostandosi sulla piattaforma satellitare a pagamento Sky. E già c’è chi parla di svolta epocale, vedendo, in questo passaggio, la fine di un’Era e di un modo di fare musica fatto anche di emozioni e sensazioni.

Erano gli anni ’90, quelli delle Spice Girls e dei Backstreet Boys. Gli anni di Total Request Live in Piazza Duomo a Milano e quelli di Select con Daniele Bossari nel pomeriggio.

MTV Kris & Kris Rete A - internattualeLa mia generazione ancora se lo ricorda MTV Italia, la Music Television italiana, figlia di quella (programmazione) europea, che a metà anni ’90 andava in onda sulle frequenze di Rete A, mantenendo il doppio logo.

Non c’era YouTube né milioni di visualizzazione on-line. Erano gli anni in cui la musica passava esclusivamente dalla TV.

Non c’era crisi economica o spending review. Prima un videoclip poteva costare anche un milione di dollari, come Play di Jennifer Lopez, che se volevi guardarlo in anteprima dovevi aspettare la premiere in televisione, appuntandoti la data e l’ora esatta della messa in onda sul diario, tra un’interrogazione in latino e un compito di matematica.

Non esisteva lo streaming, né i siti news musicali on-line. Gli spettacoli di MTV, come la gloriosa edizione dei Video Music Awards del 2003, quando Madonna e Britney Spears si scambiarono un tenero bacio saffico, o quando, nel 2001, la Spears stupì tutti ballando con un serpente intorno al collo in una performance che è diventata icona della musica contemporanea.

Britney Spears Madonna Kiss - internettualeC’erano i Brand New notturni, con gli artisti emergenti e i videoclip esclusivi, quelli che li passava solo MTV prima di tutti, anche prima di VIVA, allora primo concorrente in chiaro del colosso musicale italiano.

Erano i tempi di Napster 1.0 e dei primi download illegali, degli mp3 e del Peer2Peer, che di lì a poco avrebbero giocoforza rivoluzionato la discografia e il diritto d’autore che stavano minando.

In poco più di un decennio il mondo della musica infatti è completamente cambiato. La musica non si acquista più nei negozi, ma comodamente a casa con carta di credito da iTunes. Non si aspetta più l’uscita fisica del compact disc, del singolo, degli Enhanced CD, quelli con i contenuti speciali che dovevi guardare dal Personal Computer.

Oggi ogni cantante ha il proprio canale YouTube, dove lancia i suoi videoclip, i backstage, i making of e le interviste esclusive. Non c’è più l’attesa. I video, una volta caricati, sono lì, nell’etere, e ognuno li guarda e può guardarli quando e dove vuole, dalle piattaforme più disparate: dal notebook allo smartphone, passando per i tablet e gli smartTV.

Persino la tiratura della certificazione dei riconoscimenti oro, platino e diamante è calata. Non si guarda più solo alla vendita dei dischi, ma all’eco mediatica che suscitano, agli ascolti sulle piattaforme streaming come Spotify, Apple Music e Deezer, alle visualizzazioni on-line, alle volte che vengono “Shazammati” con un app. Anche la musica si fa social. Non importa che si compri, ma che se ne parli. I maggiori introiti degli artisti, che spesso come Rihanna regalano in download gratuito le proprie opere, adesso arrivano dai contratti pubblicitari dei marchi del luxury e merchandising dei propri gadget o linee moda.

In un mondo sempre più globalizzato, dove la musica si propaga velocemente via internet come l’onda di uno tsunami, perde importanza l’emittente televisiva, che fa da sfondo solo a lounge bar e luoghi pubblici per clienti distratti che la guardano tra una chiacchiera e un drink in compagnia. Non stupisce dunque che, in questo panorama, MTV abbia perso il suo prestigio elitario e ha dovuto abbandonare la TV in chiaro, cedendo il posto al musicale VH1, che trasmette in rotazione successi di ieri e di oggi. Il suo logo tuttavia continuerà a rappresentare le tante emozioni di un’intera generazione di nostalgici cui mancheranno i grandi miti degli anni ’90.

MUSICA

Christina Aguilera canta per le vittime di Orlando nell’inedito “Change”

Da sempre molto vicina al mondo LGBT, Christina Aguilera rompe il silenzio e, a quattro anni dal suo ultimo album di inediti, pubblica il singolo Change, cambiamento, in download su iTunes da oggi. Un brano che la stessa Aguilera vuole dedicare alle vittime del PULSE di Orlando, noto locale gay della Florida dove quasi una settimana fa un folle omofobo, forse legato al fondamentalismo islamico, ha esploso dei colpi uccidendo cinquanta persone e ferendone altrettante: «La terribile tragedia di Orlando continua a pesare fortemente sulla mia testa – dice la cantante nel comunicato – prego con tutto il mio cuore per le vittime e le loro famiglie. Come molti altri, voglio anch’io aiutare ad essere parte di quel cambiamento di cui questo mondo ha bisogno per essere un posto bellissimo dove l’umanità si può amare appassionatamente e liberamente».

Christina Aguilera Change 2016 single cover - iternettualeIl pezzo è una ballad scritta dalla stessa Aguilera in collaborazione con Fancy Hagood e Flo Reutter che ne è anche produttore. Il brano si muove sulla falsariga di Stay with me di Sam Smith, ma poco importa. Il 100% dei ricavati delle vendite infatti andranno al National Compassion Fund beneficenza alle vittime e ai loro familiari rimasti coinvolti nella sparatoria di Orlando al Pulse.

Capelli rossi e un sound più acustico. La Aguilera cambia immagine e nonostante il brano non rappresenti (ancora) il lancio del suo attesissimo disco, si prepara in qualche modo a ritornare, e lo fa schierandosi dalla parte dell’uguaglianza: «Viviamo in un mondo di diversità, in un mondo di infinite possibilità – continua – in un mondo dove l’espressione di ognuno è qualcosa che va celebrata. E continuo a chiedermi come, persone così piene d’amore, possano essere prese da così tanto odio».

Cita Mandela Christina Aguilera nella presentazione di questo brano e di questo evento particolarmente sentito, e dice che nessun uomo è nato per odiare gli altri e, in chiusura, aggiunge: «Noi tutti abbiamo la possibilità di scegliere di difendere l’amore, incoraggiare l’individualità e fare la differenza per gli altri, siamo tutti nella medesima situazione, come un’unica persona, uniti nell’amore»

Per maggiori informazioni:

nationalcompassionfund.org

MUSICA

Tre concerti da non perdere GRATIS. Ecco dove

Da qualche anno l’Outlet La Reggia a Marcianise è un punto di riferimento per gli amanti della moda e del luxury accessibile. Tanti infatti i marchi haute couture che affollano le strade dello shopping center casertano, da Prada a Michael Kors, da Ralph Lauren a Hugo Boss, con un risparmio che può arrivare anche al 70% rispetto al normale prezzo di vendita al pubblico. Ma da un po’ La Reggia Designer Outlet, del gruppo canadese McArthurGlen, è anche un punto di riferimento non soltanto per chi ama l’alta sartoria di stile, ma anche per gli appassionati di musica.

Tanti infatti i concerti, squisitamente gratuiti, organizzati nel corso dell’estate degli scorsi anni, con nomi di spicco della musica nazionale ed estera, al punto di diventare un vero e proprio attesissimo appuntamento per chi ama la musica dal vivo e vivere l’atmosfera un po’ caprese che da sempre offre il suggestivo centro commerciale.

E anche quest’anno non poteva mancare l’appuntamento con #ModaMusica, questo il titolo della rassegna e l’hashtag ufficiale, che porta nella piazza principale del centro, tre grandi nomi della musica, quest’anno tutta italiana, per altrettanti imperdibili appuntamenti.

La-Reggia-Designer-Outlet1Ad inaugurare la stagione musicale ci saranno i Tiromancino, storica band dalle sonorità ricercate, che da oltre venticinque anni accompagnano gli italiani con quel sound non convenzionale. Guidati dal frontman Federico Zampaglione, si esibiranno sul palco degli eventi sabato 18 giugno alle ore 21, per uno speciale live da non perdere.

Sabato 16 luglio invece sarà la volta della graffiante voce di Giusy Ferreri, rivelazione di X Factor nel lontano 2008, che in poco meno di un decennio è diventata una delle voci più belle del panorama italiano, con un inconfondibile timbro vocale, che ci ha fatto amare hit come Non ti scordar mai di me, ma anche brani intimi come il sanremese Ti porto a cena con me, facendoci ballare la scorsa estate a suon della hit Roma-Bangkok in coppia con la rapper Baby K.

A chiudere idealmente questo ciclo di appuntamenti musicali dell’Outlet, sabato 6 Agosto, ci pensa il poeta menestrello Edoardo Bennato, che con i suoi brani ha spesso risvegliato le coscienze spingendo i suoi fan e ascoltatori a profonde riflessioni, con brani come Il Gatto e la Volpe, L’isola che non c’è e Le ragazze fanno grandi sogni, brani dal sapore fiabesco che hanno una morale più vera che mai.

Una stagione musicale molto ricca, quella de La Reggia, tre serate, durante le quali l’orario di chiusura sarà esteso alla mezzanotte, che coniugano moda e musica in perfetta linea con l’aria (f)estiva che si comincia già a respirare.

Per maggiori ecco il link