ART NEWS, LIFESTYLE

Muse al Museo: dal 21 al 28 marzo la seconda edizione del MANN Festival a Napoli

Non solo luogo di cultura e arte, ma anche luogo di incontro. Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli si trasforma e attraversa, come una catarsi dell’anima, nuove fasi delle sue molteplici vite. Ultima, solo in ordine cronologico, quella di agorà, una piazza dal retrogusto classico, che si propone di far incontrare gli artisti e un pubblico che ha voglia di ascoltare ed interagire con loro.

Sono probabilmente queste le premesse della seconda edizione del MANN FestivalMuse al Museo, che ritorna dal 21 al 28 marzo 2018, e che lo scorso anno ha visto tra l’altro autori, come il regista Ferzan Ozpetek.

Sono oltre 100 gli ospiti che quest’anno animeranno un’edizione, questa, che, forte della scommessa vinta lo scorso anno, alza il tiro con ospiti nomi quali il Premio Pulitzer Hisham Matar, ma anche Michael NymanRichard GallianoDaniel PennacRick Wakeman, il cantautore Roberto VecchioniElio, il regista e attore Carlo VerdoneLuciano Canfora per un calendario che segue il filo conduttore della cultura e delle arti nella più ampia accezione del termine.

Lo scorso anno ho partecipato, e vi ho raccontato l’evento con grande interesse, quest’anno attendo con particolare emozione la seconda edizione che, quest’anno, è diventato un appuntamento irrinunciabile per gli amanti dell’arte e della cultura.

Musica, cinema, teatro, cantautorato trovano la loro naturale collocazione sul palco della Sala Farnese, che ogni lunedì sta già intrattenendo (gratuitamente) i visitatori con un bellissimo Festival del Barocco, con danze, suoni e cantante del 1600: «Il Museo del futuro – ha detto in merito il direttore del MANN, Paolo Giulierini – è una grande agorà dove si incontrano conservazione, ricerca e capacità di sperimentazione. La musica e l’arte teatrale, che vengono suggerite dalle statue, dai mosaici e dagli affreschi, prendono magicamente corpo in questi otto giorni di festival e connotano il MANN come grande polo culturale che diffonde nuovi linguaggi senza affrancarsi mai dalle radici della classicità».

L’evento sarà ufficialmente inaugurato mercoledì 21 marzo alle ore 15.30, quando alla Galleria Principe di Napoli ci sarà un concerto Scalzabanda & Orchestra Multietnica di Arezzo, con suoni e colori sotto la direzione di Enrico Fink, esperto di musica tradizionale ebraica e di world music, che si accompagnerà a 75 ragazzi del quartiere di Montesanto.

Qui il programma degli eventi.

Annunci
CINEMA

La Forma dell’Acqua, l’amore (im)possibile della favola gotica di Guillermo Del Toro

È un omaggio a La Bella e la BestiaLa Forma dell’Acqua, l’ultimo film di Guillermo Del Toro che è riuscito a conquistare ben 13 nomination agli Oscar. E non si può non pensare anche a Tim Burton o alle atmosfere del regista francese Jean-Pierre Jeunet e del suo favoloso mondo di Amélie Poulain, sospeso tra una realtà dal fascino vintage e un sogno a tratti confuso.

È così che conosciamo Elisa Esposito (sì, avete letto bene, Esposito), interpretata da Sally Hawkins, giovane inserviente delle pulizie in un centro di ricerca di Baltimora, protagonista muta di questa favola gotica.

Octavia Spencer, e Sally Hawkins in La forma dell’acqua (2017)

Accanto a lei Octavia Spencer, attrice premio Oscar per The Help, amica protettiva che con la protagonista condivide il lavoro e i sogni.

A far da sfondo a questa vicenda la Guerra Fredda, gli anni in cui Stati Uniti e Russia si combattevano a suon di scoperte scientifiche e spionaggio industriale.

Ad irrompere la routine di Elisa, che ogni mattina con gioia e spensieratezza si appresta ad andare al lavoro, tra canzoni anni ’50 e vecchi spettacoli televisivi, arriva una strana creatura dalla forma umana, portata nei laboratori in gran segreto da un gruppo di scienziati che vogliono studiarla al fine di poterla inviare sullo spazio proprio come i russi hanno mandato Laika, la cagnolina che fu mandata in orbita in via sperimentale nel novembre del 1957.

Elisa e questa strana creatura anfibia cominciano silenziosamente ad interagire, accomunati dal non uso della parola, dimostrando al pubblico che l’amore non solo può trascendere l’aspetto, ma anche il linguaggio stesso e il modo di comunicare. Lo sguardo, i gesti che a poco a poco si fanno sensazioni, che giorno dopo giorno si trasformano in sentimento vero e proprio.

E così mentre il freddo raziocinio degli studiosi impone un approccio distaccato, scientifico, vedendo in questa creatura soltanto una cavia da vivisezionare, ferendola più volte con un pungolatore elettrico, come un animale da circo da domare, Elisa con semplicità e tenerezza riuscirà a stabilire un rapporto che ha dell’umano, lasciando crescere un amore che forse ha addirittura del divino.

Due solitudini che si incontrano, due anime che si tengono per mano nella loro diversità, e trovano un modo di parlare, condividere interessi, ascoltarsi, sentirsi.

Richard Jenkins e Sally Hawkins in La forma dell’acqua (2017)

Impossibile non segnalare la prorompente presenza di Richard Jenkins, che ci regala l’interpretazione di Giles, inquilino gay e confidente di Elisa, che offre al pubblico un’intensa riflessione sulla vita, sul tempo, e su quell’amore che spesso per paura si nega a se stessi.

Leone d’Oro alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia, La Forma dell’Acqua si contende, tra l’altro, l’ambita statuetta di miglior film, con una sceneggiatura che omaggia le pellicole degli anni ’60 e persino i musical degli anni ’40 con Ginger Rogers e Fred Astaire.

Straordinario l’uomo-anfibio, interpretato dal mimo Doug Jones, attore prediletto dal regista messicano, con il quale aveva già lavorato in Hellboy e Il Labirinto del Fauno.

Ad accompagnare la pellicola la bellissima colonna sonora del premio Oscar Alexandre Desplat, che si rifà proprio ai musical e alle composizioni oniriche polistrumentali.

Un horror romantico, quello di Del Toro, che non manca di momenti un po’ splatter e colpi di scena, che scuotono l’animo dello spettatore fino all’epilogo finale di quello che senza dubbio uno dei migliori film della stagione.

LIFESTYLE

Weekend a Napoli: guida tra arte e cucina per scoprire la città in due giorni

Lo so, lo so, è difficile riuscire a condensare la visita di un’intera città in soli due giorni e, premettendo che saranno tante le cose che (inevitabilmente) trascurerò in questa mini-guida, proverò a tracciare un percorso ideale. In tanti infatti mi hanno chiesto cosa vedere a Napoli in un weekend e, in vista della nuova stagione turistica ormai alle porte, tra fine settimana romantici e ponti pasquali, ho pensato di redigere una piccola guida che possa aiutare il turista a orientarsi in una città che, per conoscerla tutta, una vita intera non basterebbe.

Diciamo che quello che andrete a leggere è la premessa di molto altro…

Che voi arriviate in treno o in aereo, poco importa, la vostra meta è il centro storico, e per centro storico intendo il cuore della città, quello dei decumani che dall’epoca greca fino ad oggi continuano ad essere le principali vie di comunicazione tra la parte più antica e quella più moderna.

Dirigetevi a Via Tribunali, è qui che si diramano le più famose vie di Napoli: San Gregorio Armeno, la via del presepio napoletano, San Biagio dei Librai, Spaccanapoli, la via che divide esattamente in due la città, con tutta la loro filiera di Chiese antiche e palazzi nobiliari, che sono tra i più belli della città: Palazzo Spinelli, Palazzo Marigliano, Palazzo Carafa sono solo alcuni degli edifici che non dovete assolutamente perdere: il primo per la sua architettura, il secondo per il suo bellissimo incrocio di scale, il terzo perché originaria sede della testa di cavallo di Donatello, oggi al Museo Archeologico Nazionale, di cui resta una copia in terracotta.

PRIMO GIORNO:

Per curiosità o per vedere Napoli da una prospettiva diversa e scoprirne la sua storia, la prima tappa è Napoli Sotterranea. Nata a metà degli anni ’90, ripercorre la storia della città dall’epoca greca, quando si scavava il sottosuolo per costruire cisterne e acquedotti, arrivando alla seconda guerra mondiale, anni in cui queste cavità furono utilizzate dai partenopei come rifugi antiaerei.

Il consiglio è quello di visitarla subito, perché l’accesso avviene ogni ora a partire dalle ore 10.00 fino alle 18.00. In questo modo sarete liberi di godervi e gestirvi il resto della vostra giornata.

Se dopo il percorso sotterraneo volete prendervi una pausa, non c’è niente di meglio che un caffè accompagnato da una sfogliatella o un babbà dalla rinomata produzione Capparelli, proprio di fronte all’accesso di Napoli Sotterranea. È qui che si nasconde il gusto della vera pasticceria napoletana, con tanti dolci della tradizione, che sono un piacere per gli occhi e, soprattutto per il palato.

San Gregorio Armeno, Napoli

È questo il momento di svoltare per Piazza San Gaetano e scendere per San Gregorio Armeno. Se vi capita, non fermatevi ai soli presepi, di cui gli artigiani napoletani sono veri maestri, ma date anche uno sguardo al Chiostro omonimo di San Gregorio Armeno, con la sua bellissima architettura, il giardino in fiore e il barocco della sua Chiesa, è uno dei paradisi del centro storico di Napoli.

Svoltando verso destra e imboccando San Biagio dei Librai apprezzerete per lo più botteghe di artisti partenopei e negozi di paramenti sacri.

Alla fine di questa stradina c’è Piazzetta Nilo, con l’omonima statua del Nilo, ultimo baluardo dell’esoterismo di quest’area di Napoli.

Proseguendo dritto arriverete a Piazza San Domenico, dove potrete ammirare uno degli obelischi della città, nonché una delle Chiese, la Chiesa di San Domenico, con una architettura gotica che incontra il gusto del barocco napoletano.

Chiostro maiolicato di Santa Chiara, Napoli

Più avanti la Chiesa di Santa Chiara (se ne avete modo e tempo andate a visitarne anche il chiostro maiolicato) e la Chiesa del Gesù Nuovo nell’omonima piazza, con un altro obelisco su cui troneggia la statua dell’Immacolata.

La pizza a Napoli ha un solo nome, Sorbillo. Anche di questa rinomata pizzeria vi ho già parlato in passato e il mio suggerimento è quello di andarci a pranzo, quando il codazzo è relativamente più corto e le attese decisamente più brevi.

Il giro di shopping abbordabile è in Via Toledo, dove ci sono negozi locali e monomarca dei più importanti brand internazionali. Il vostro giro si concluderà così a Piazza del Plebiscito, in serata, dove potete ammirare il Palazzo Reale di Napoli, ma anche il Gambrinus, storico caffè della città e, dalla parte opposta, potrete ammirare i portici del Teatro San Carlo cui fa da sfondo Castel Nuovo (o, come lo chiamiamo a Napoli, il Maschio Angioino).

Lungo la strada c’è la Galleria Umberto I. I Milanesi noteranno una vaga somiglianza con la ben più famosa Galleria Vittorio Emanuele, fulcro della moda e di ristoranti stellati.

Se avete voglia di provare qualcosa di tipico, in Via Toledo c’è La Passione di Sofì, una friggitoria che fa il miglior fritto di mare e di terra della città; mentre se volete provare una pizza fritta, nei pressi di Piazza Trieste e Trento c’è Zia Esterina, locale che Sorbillo ha dedicato all’arte della pizza fritta. Assolutamente da non perdere.

Se volete una dritta su dove cenare, andate alla piccola trattoria Napoli Notte, in Via Atri. Un piccolo locale (d’estate allestisce anche dei tavoli esterni) dove potrete gustare il meglio della cucina tipica napoletana.

SECONDO GIORNO

Il secondo giorno lo aprirei con Cappella Sansevero, luogo del Cristo Velato, straordinaria scultura di Giuseppe Sanmartino, diventata icona di un luogo che è tempio esoterico dall’alto valore simbolico. Anche qui il codazzo e il tempo di attesa sono abbastanza lunghi, e il consiglio è quello di aprire la mattinata in questo modo (e togliervi il pensiero!).

Poi dirigetevi al mare, proseguite per Via Toledo e passeggiate questa volta da Via Chiaia, sotto il ponte omonimo. Di fronte a voi si svelerà Palazzo Cellammare con il portone monumentale di Ferdinando Fuga.

Proseguendo verso sinistra, giungerete a Piazza dei Martiri, con l’obelisco in onore dei caduti in guerra e, andando dritto, arriverete sul Lungomare Caracciolo, dove c’è la Colonna Spezzata, altro monumento ai caduti di guerra (in mare). Da qui c’è la più bella vista del golfo, con il Castel dell’Ovo, che potrete raggiungere facilmente costeggiando il mare e godendovi il tepore del sole. L’ingresso al castello è gratuito, e da lì si gode di una vista straordinaria.

Se avete gestito con cautela il vostro tempo, potreste giungere anche a Castel Sant’Elmo, roccaforte della città che si trova nella parte alta, che potete raggiungere in funicolare. Da qui si gode di un panorama su Napoli e sulle sue isole, davvero senza pari e, in un giorno di visibilità massima, potrete vedere anche la costa di Sorrento. Da qui noterete la via di Spaccanapoli e comprenderete perché è così denominata.

Il posto giusto per una pausa è Mazz. Un tempo solo bar (ottima la pasticceria), oggi anche pizzeria (con delle pizze davvero buone e leggere) è il luogo ideale per uno spuntino di metà pomeriggio, un caffè al volo o la pizza per chiudere la serata o il vostro weekend.

Insomma, mi auguro che questo piccolo compendio da insider possa essere il canovaccio ideale per chi vuole suggerimenti e consigli sulle cose davvero da non perdere in città. Una piccola infarinatura di arte, sapori e bellezza per scoprire la città e lasciarvi la voglia di ritornare ancora.

Ho fotografato ogni luogo di cui vi ho parlato in questo articolo. Le immagini le trovate sul mio profilo instagram, dove, se vi va, potete seguirmi e seguire i miei viaggi e spostamenti.

CINEMA

I David di Donatello parlano napoletano. Boom di nomination per Napoli

David di Donatello, gli Oscar del cinema italiano, quest’anno parlano napoletano. C’è molto della mia città nella cerimonia che Carlo Conti ha riportato nella prima serata di raiuno. E sono particolarmente orgoglioso di sapere che per il ritorno sulle reti di Stato di questi prestigiosi awards italiani ci sia molto di una città, Napoli, che negli ultimi anni tanto si è data, e si sta dando, alla fiction e, soprattutto, al cinema del nostro Paese, con produzioni importanti come I Bastardi di PizzofalconeSireneIn punta di piedi (visto di recente), ma anche Napoli Velata di Ozpetek, che tanto ha colto del centro storico, con un thriller sospeso tra credenza popolare e esoterismo. Ed è proprio il film del regista turco-italiano uno dei film che ha conquistato il maggior numero di nomination. Sono ben 11 le statuette che potrebbe portare a casa, tra cui miglior regia, migliori attori protagonisti, per Giovanna Mezzogiorno (attrice tra l’altro napoletana) e Alessandro Borghi, e non protagonisti.

Alessandro Borghi in Napoli velata (2017)

A detenere il record di candidature è però Ammore e Malavita con Serena Rossi, per la regia di Manetti Bros, che ha collezionato ben 15 nomination, tra cui quella di miglior film dell’anno.

Nomination a miglior film anche a La Tenerezza, il film che il regista Gianni Amelio ha ambientato (manco a dirlo) a Napoli, con Micaela Ramazzotti e Elio Germano.

Tanti anche gli attori partenopei che si sono aggiudicati una candidatura quest’anno: dalla già citata Giovanna Mezzogiorno a Peppe Barra, passando per Carlo Buccirosso e Valeria Golino.

Gatta Cenerentola (2017) – locandina

Non poteva mancare Gatta Cenerentola, il cartoon-musicale tutto napoletano, che ha sapientemente riletto la favola di Giambattista Basile, ispirandosi all’opera teatrale di Roberto De Simone, in gara tra l’altro agli Oscar 2018 del 4 marzo come miglior film d’animazione.

Bene anche per musicisti e compositori, le cui colonne sonore hanno ottenuto delle candidature, tra le quali quella di Pasquale Catalano per Napoli VelataAntonio Fresa per Gatta Cenerentola.

Un’edizione, questa, che vede la presenza dei partenopei anche nelle categorie tecniche, quelle dedicate agli addetti ai lavori, tra cui quella per i migliori costumi di Daniela Salernitano.

È un bel riconoscimento, non solo cinematografico, per il lavoro dei partenopei che hanno dimostrato e continuano a dimostrare di essere altamente competitivi e poter offrire tanto non solo sul piano nazionale, ma anche sul fronte internazionale portando un po’ di quella cultura, squisitamente partenopea, nel dorato mondo di Hollywood.

Intenso e misterioso, Napoli Velata potrebbe rivelare non poche sorprese, con un cast che ha sapientemente incarnato un’oscura borghesia napoletana, e i colori, i suoi e le tradizioni della città che ha fatto da sfondo a questo thriller.

Più intimo e psicologico La Tenerezza (in cui recita tra l’altro proprio Giovanna Mezzogiorno) che affronta un non facile rapporto padre-figlia in una Napoli che invece sembra appena abbozzata.

Mentre Gatta Cenerentola ha dimostrato che i produttori partenopei non hanno nulla da invidiare nemmeno a Walt Disney.

Ammore e Malavita è senza dubbio il film che con il suo en plein di nomination e consensi potrebbe portare a casa, e a Napoli, il maggior numero di statuette. Ma per scoprirlo dobbiamo attendere ancora fino al prossimo 21 marzo, giorno di primavera, quando potremo vedere la cerimonia di consegna dei premi in diretta su raiuno.

ART NEWS

Rubens e Brueghel al Museo Diocesano di Napoli fino al 30 aprile

Quello di Donnaregina è l’esempio di quanto le architetture non rispondono sempre alle esigenze museali. Mi perdo nel percorso del Complesso Monumentale del Museo Diocesano a Napoli, eppure camminando mi accorgo che è stato concepito, forse, per suscitare meraviglia e stupore.

L’occasione, per vedere questo museo, è un incontro speciale, quello con Rubens e Brueghel e la bellissima Madonna col Bambino in una ghirlanda di fiori, nelle sale, anzi nel bellissimo coro, del complesso fino al prossimo 30 aprile.

I due artisti sono soltanto gli ultimi, in ordine cronologico, ad aggiungersi alla lista di opere illustri, ospitate dal Donnaregina, tra le quali il Salvator Mundi di Leonardo Da Vinci (recentemente venduto per oltre 450 milioni di euro).

L’opera di Rubens rispondeva alle esigenze della Riforma, che vietava la rappresentazione della Vergine e dei Santi, e così l’artista fotografa un momento di intima maternità: il bambino sembra muovere i primi passi, mentre la Vergine lo sostiene, guardandolo con tenerezza e amore, quasi presagendo il destino della Croce. È una scena affettuosa, quella che dipinge il pittore tedesco, contribuendo alla diffusione del barocco e di questo nuovo linguaggio figurativo nell’Europa del nord.

I fiori di Brueghel sono il realistico motivo decorativo, con cui il pittore olandese risponde invece al gusto dei collezionisti del tempo, ponendo la Vergine all’interno di una ghirlanda floreale. I suoi fiori possono quasi essere toccati, tant’è il loro realismo, e potrebbero fuoriuscire dalla cornice con vivida verosimiglianza. Colori sgargianti, ombreggiature, dettagli che anticipano la fotografia, ma anche quella mise-en-scène floreale di quelli che oggi, nell’epoca 2.0, chiamiamo florist. Una composizione equilibrata, allegra, ma al tempo stesso austera e celebrativa, enfatizzata ulteriormente dal fondo scuro della tavola, che fa da cornice al dipinto ottagonale di Rubens.

Versioni analoghe a questo dipinto, le ritroviamo nelle collezioni del Louvre a Parigi e al museo del Prado a Madrid.

La Madonna e il bambino non guardano lo spettatore, che si ritrova ad osservare l’intimo legame tra una madre e il suo bambino ancora in fasce.

È tenero lo sguardo della Madonna, che osserva la figura stante del bambino.

È solo percorrendo le sale di Donnaregina che si comprende perché è davvero monumentale questo museo.

Le sale si illuminano al ritmo dei miei passi sul pavimento.

È straordinario osservare la ricchezza di queste collezioni che emergono dal buio come apparizioni mistiche. Pittori napoletani o attivi a Napoli tra il X secolo e il 1800, che hanno reso omaggio alla sacralità. De Matteis, Vaccaro, Solimena, Tommaso De Vivo sono solo alcuni dei tanti nomi che affollano il percorso dell’immensa collezione permanente, raccontando, ognuno a proprio modo la storia dell’arte partenopea. Madonne, Santi, racconti biblici o evangeli, dipinti e ritratti che si ispirano alle agiografie ufficiali o apocrife.

Chiesa Santa Maria Donnaregina Vecchia, affreschi Coro delle Monache

Le sale sono silenziose e quasi respiro la sacralità di quella che doveva essere l’originaria clausura di Donnaregina Nuova, sede nel XVII secolo delle Clarisse, che vollero costruire una chiesa barocca che maggiormente rispondesse al gusto del tempo, annettendo l’antica chiesa gotica, che oggi prende il nome di Donnaregina Vecchia, alla zona della clausura.

Trovo particolarmente tenere un Compianto sul Cristo morto di Andrea Vaccaro, che rende la disperazione della Vergine e il dolore della Maddalena.

Molti degli artisti napoletani di queste collezioni sono ignoti o seguaci di altri maestri partenopei: dai caravaggeschi che avevano ben recepito l’opera di Caravaggio, che a Napoli ha lasciato le Sette Opere di Misericordia, ai seguaci di altri artisti partenopei che hanno fatto propri gli stili di artisti maggiori e i dettami del gusto del tempo.

Il museo è anche un florilegio di paramenti sacri e finissimi reliquiari e ostensori di metalli nobili e pietre preziose, che ancora raccontano lo sfarzo e la ricchezza di questo luogo.

Proseguo il mio percorso dirigendomi verso l’ingresso di Chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia, le cui origini risalirebbero addirittura al 780 d.C. Qui c’è il ciclo di affreschi risalente al XIV secolo più grande di Napoli. Un ciclo scampato miracolosamente ad un incendio, i cui pigmenti, come nell’antica Pompei, sono diventati rossicci, mantenendo però intatte le scene del vecchio e del nuovo testamento, con la vita e la passione di Gesù.

All’interno della Chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia trova posto il sepolcro di Maria D’Ungheria.

Il Complesso è oggi anche sede di stagioni concertistiche, ed è un prezioso scrigno di grandi e meravigliosi tesori. Un’antologia di autori partenopei, per scoprire le storie e la storia della cristianità attraverso la grande arte napoletana.

ART NEWS

Il Monastero di Santa Chiara a Napoli, stupor mundi

Chi mi segue su instagram lo sa già: questo weekend ho visitato, tra l’altro, il Chiostro del Monastero di Santa Chiara a Napoli.

Tra i complessi conventuali più noti, se non il più noto, il Chiostro è famoso soprattutto per le maioliche che ne rivestono la struttura, realizzate nella prima metà del XVIII secolo.

Qui la spiritualità si mescola con la storia dell’arte, nei colori brillanti delle scene bucoliche e delle vedute napoletane, che Donato e Giuseppe Massa hanno impresso su queste straordinarie “riggiole“.

Un’oasi di pace e nuance vivaci, che ha del prodigioso, se si considera che è la sola parte del convento ad essere miracolosamente rimasta illesa dal bombardamento del 1943, che invece distrusse gran parte dei locali della vicina basilica.

Il chiostro fu realizzato nel 1739 da Domenico Antonio Vaccaro, noto pittore, scultore e architetto italiano, che decise di adeguare la goticheggiante struttura allo stile barocco del tempo.

Ma non è solo la parte centrale del chiostro, e dei giardini, ad attirare l’attenzione del visitatore, ma anche i coloratissimi affreschi che ne adornano le pareti dell’intero perimetro, con un bellissimo ciclo pittorico, realizzato tra il 1300 e il 1600, di cui poco sappiamo, a causa dei documenti perduti e degli ingenti danni subiti dal complesso religioso durante la seconda guerra mondiale.

Il complesso era stato voluto dalla dinastia angioina. I finanziamenti per questo ammodernamento giunsero dalle famiglie aristocratiche napoletane e, benché le clarisse disponessero di ingenti somme di denaro provenienti probabilmente dalle loro doti, per i lavori chiesero un sostegno alla regina Maria Amalia di Sassonia, moglie di Carlo III di Borbone. Fu la badessa Ippolita d Carmignano che suggerì una maggiore apertura dell’architettura verso l’esterno, affinché perdesse l’austerità dell’originaria struttura.

Oggi infatti il chiostro è armonioso, un caleidoscopio di luce e colori che ne fanno la perfetta rappresentazione del Paradiso in terra. Bellissimo il giardino e le piante, straordinario il maiolicato che restituisce un’immagine di come doveva essere sontuoso e ricco questo ambiente prima degli orrori della guerra.

Sono 64 le colonne, a forma ottagonali, che recano invece una decorazione per lo più fitomorfa, come avvolti da una lussureggiante vegetazione in fiore.

Molto belle le sedute, veri e propri quadri, che ci restituiscono gli affreschi della vita quotidiana nella Napoli a cavallo tra Sei e Settecento: paesaggi indefiniti, scene campestri, ma anche mascherate e scene mitologiche, sono solo alcuni dei temi che è possibile ammirare in questi meravigliosi ambienti.

Il porticato è sorretto da 72 pilastri, da cui originano degli archi a tutto sesto, squisitamente gotici, che formano un intreccio di volte a crociera finemente affrescate. Un gioco di forme medievali, che vanno a confondersi nelle decorazioni baroccheggianti dei successi rimaneggiamenti della struttura.

Oggi il percorso di visita comprende anche al Museo dell’Opera di Santa Chiara (fondato nel 1995), attraverso il quale è possibile ripercorrere la storia di questo monastero, già ispiratore di un omonimo brano della tradizione napoletana, la cui vita architettonica può essere scissa in due parti. Da un lato c’è il fasto del rifacimento del Vaccaro, il barocchismo di un edificio dalle forme gotiche, coperte dagli ori e dagli stucchi. Dall’altro la decadenza, un ritorno all’originaria austerità dell’edificio, spogliato degli orpelli postumi e restituito al pubblico così come doveva essere stato voluto nel 1340 da Roberto D’Angiò, poi sepolto all’interno della chiesa.

Come per il Chiostro, anche nella Basilica di Santa Chiara tutto ciò che resta del barocco è lo straordinario pavimento marmoreo del 1762 ad opera di Ferdinando Fuga.

Ma se le bombe da un lato hanno letteralmente distrutto la Chiesa, dall’atro hanno avuto il “merito” di aver riportato alla luce un complesso termale di epoca romana, oggi parte del percorso archeologico del sito, il cui impianto è molto simile alle terme visibili a Pompei ed Ercolano. Creste di muro e pavimenti sopraelevati, mostrano il più grande e completo complesso termale della città di Napoli che risale al I secolo, e le raffinate tecniche per la cura e la ricerca del benessere.

La Basilica di Santa Chiara e il meraviglioso Chiostro sono pagine di un libro che raccontano storie diverse, accomunate dall’amore degli abitanti di N(e)apoli per la propria città.

MUSICA, TELEVISIONE

Sanremo 2018: la prima serata tra noia e presunti plagi

È un Sanremo che vince, ma non (mi) convince. Se la partenza è stata un po’ ingessata, come fisiologico che sia dall’ennesimo non-conduttore, Claudio Baglioni, scelto per presentare il festival, più sciolti sono stati i suoi compagni di avventura: sorridente Michelle Hunziker, vera mattatrice della serata, alla sua seconda esperienza sanremese che, nei suoi eleganti outfit, ha tenuto banco con la sua ironia come dal bancone di Striscia. Vera rivelazione è stata invece Pierfrancesco Favino, che ci ha regalato un simpatico medley dei brani che hanno fatto la storia della canzone italiana, con una interpretazione divertita e divertente.

il cantautore Claudio Baglioni, presentatore della 68esima edizione del Festival

Francamente non mi ha strappato grandi sorrisi Fiorello, che la critica e il web ha invece già osannato, ma ho trovato un monologo stanco, ripetitivo, politicamente orientato (sbagliato, tra l’altro, su di una rete di un servizio pubblico) con pochi momenti di luce.

Non mi sono particolarmente piaciuti nemmeno i siparietti Hunziker-Favino con i quali hanno provato di mettere a tacere voci su presunti dissapori: finti, recitati male e con non poco imbarazzo.

Per quanto concerne la musica, ho trovato questo festival qualitativamente basso. Se l’ormai tradizionale “schema” della rosa dei concorrenti è stato pienamente rispettato, con il manipolo degli habitué contornati da grandi ritorni, artisti in cerca di riscatto e poche novità, le canzoni in gara sono state decisamente deludenti.

il cantante Ermal Meta

Assenti le grandi melodie della canzone italiana. Testi, ritornelli e arrangiamenti sembrano inseguire affannosamente un livello autoriale che resta in realtà un obiettivo lontano e, persino l’acclamato brano di Fabrizio Moro ed Ermal MetaNon mi avete fatto niente, ai più attenti è subito balzato all’orecchio un’assonanza sospetta proprio con un brano sanremese del 2016 firmato tra l’altro dai medesimi autori del pezzo, Silenzio, presentata (e scartata) da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali.

Un po’ meglio le donne: Ornella Vanoni, coerente al suo repertorio storico, porta un pezzo, Imparare ad amarsi, senza infamia e senza lode, che nulla toglie e nulla aggiunge al suo percorso fatto finora.

Tra i brani di maggior rilievo, benché non particolarmente apprezzato dalle tre giurie demoscopiche della serata, quello di una elegantissima Nina Zilli, che con Senza appartenere parla di donne, portando in sé l’essenza di Mia Martini e di uno dei temi cari alla compianta cantante prematuramente scomparsa negli anni ’90.

Un altro brano di rilievo quello del cantautore pugliese Renzo Rubino che, reduce dal successo dei premi della critica delle sue ultime partecipazioni, ritorna all’Ariston per la terza volta, con Custodire, brano dall’eco di Renato Zero che parla della difficoltà di comunicazione tra due persone.

Tralasciando l’inutile quanto effimera “sigla” di apertura in stile film anni ’80, che fa quasi il verso alla sacralità dell’evento sanremese, abbiamo assistito ad una serata prolissa, finita all’una di notte passata e che aveva l’ardire di intrattenere ancora i telespettatori con un Dopo Festival che sapeva più di notte in bianco che di approfondimento musicale.

E da napoletano non posso non parlare di Peppe Servillo, che ritorna al festival dopo la sua vittoria negli anni 2000 con gli Avion Travel con il brano Sentimento. Distante dai suoi della sua band di origine, è ritornato quest’anno in coppia con Enzo Avitabile, con un brano dal sapore autorale. Non particolarmente orecchiabile, confesso di non averlo propriamente apprezzato ad un primo ascolto, il pezzo ha visto però una bella interpretazione dei due artisti che hanno portato un po’ di Napoli sul palco dell’Ariston, insieme (va detto per dovere di cronaca) a un altro napoletano, Stash Fiordispino, frontman dei The Kolors, che partecipa a questo Sanremo con il brano Frida.

Claudio Baglioni avrebbe dovuto agire per sottrazione, mettendo da parte il suo naturale desiderio cantautorale di riproporre le sue canzoni e riproporsi in una inappropriata veste di cantante. Così facendo Baglioni ha mancato di rispetto ai concorrenti in gara e ai loro progetti musicale, facendo leva su di un effetto nostalgia che non solo ha prolungato la collocazione oraria di alcune performance, andate in onda a mezzanotte passata, ma ha anche fatto sì che i nuovi pezzi fossero percepiti come brani che arbitrariamente vogliono assurgere agli onori di una tradizione di cui non sembrano degni al primo ascolto.

A poco o a nulla servirà invertire l’ordine di apparizione dei cantanti questa sera, i quali essendosi esibiti già tutti nella serata di ieri, risentiranno comunque di un fisiologico calo d’ascolto oggi, e pertanto non avranno nemmeno lo stesso impatto mediatico degli oltre 11 milioni di telespettatori che martedì 6 hanno seguito il festival.

Chi ha seguito la serata fino a notte fonda come me, confidando almeno nella classifica provvisoria, ci sarà rimasto male nello scoprire che i brani si sono classificati soltanto in una fascia di preferenza bassa, media e alta con un riepilogo finale che ha seguito un rigoroso ordine alfabetico del nome degli artisti. Un appiattimento che, dicono gli assertori della scelta di eliminare le eliminazioni (perdonate il gioco di parole) avvicina maggiormente Sanremo ad un festival vero e proprio, al pari di quelli del cinema. E allora viene da chiedersi perché non eliminare definitivamente anche l’antiquato televoto, includendo invece delle altre categorie di vittoria proprio come già succede nei festival cinematografici votati esclusivamente da giurie di esperti?

La sensazione è quella di un contentino per case discografiche e cantanti (che evidentemente si reputano) mediocri.

Bisognerebbe invece incoraggiare lo spirito sportivo di quella che resta una gara canora e affrontare il timore di una eliminazione come momento di crescita personale e, soprattutto, artistica. D’altronde cantanti come Vasco Rossi e Zucchero hanno trovato piena affermazione, successo di critica e di pubblico pur collezionando sonore bocciature al festival.

Al di là degli ascolti, che sicuramente rappresentano per la rai un grande successo, con share che superano il 50% e picchi che toccano gli 11 milioni, ci si domanda se non sia ormai tempo per Sanremo di abbandonare questa liturgia di facciata e proseguire coerentemente questa metamorfosi trasformandosi definitivamente in un festival per addetti ai lavori con tanto di tappeto rosso e non in un ibrido a metà strada tra sagra popolare che cerca consensi nei trend nei social e festival che si propone di promuovere musica di qualità.

MUSICA

“Canzone Italiana”, musica in streaming gratis dal 1900 ad oggi

Cantanti, autori e case discografiche italiane spesso lamentano il fatto che la nostra musica è poco presente nelle rotazioni radiofoniche e televisive rispetto alle produzioni estere. Se negli ultimi anni questo è vero in parte, con playlist televisive e programmi radio dedicati alla musica italiana, è altrettanto vero che la musica d’oltreoceano e d’oltremanica resta ancora un colosso insormontabile. Alice Merton, gli U2 e Camila Cabello sono solo alcuni dei nomi che occupano attualmente il podio dell’airplane radiofonico attuale, e bisogna scendere alla quinta posizione dove si è finito con lo spiaggiarsi persino un mostro sacro come Laura Pausini con il nuovo singolo Non è detto.

A dare oggi man forte alla nostra musica arriva oggi il portale Canzone Italiana. A poche ore dalla 68esima edizione del Festival di Sanremo, in un momento di grande concentrazione per la nostra musica, il sito guiderà i visitatori attraverso un secolo di canzone italiana. Musica in streaming gratuita, grazie ad una collaborazione con lo svedese Spotify, ma anche approfondimenti e schede che illustreranno quasi un secolo di musica e registrazioni dai primi del ‘900 fino agli anni 2000.

Una vera e propria enciclopedia della musica, ma anche un prezioso archivio sonoro che sarà aggiornato al ritmo di 5000 brani al mese, fino ad arrivare ai giorni nostri.

Quattro le sezioni principali: 1900-19501950-2000 con i brani suddivisi per decadi, tradizioni popolari con i suoni, le canzoni e la musica tipici di ognuna delle nostre regioni, e infine contributi speciali, con approfondimenti, mostre virtuali, bibliografie e classifiche storiche, ma anche curiosità.

Navigando le pagine si scopre così che il brano più inciso è ‘O sole mio con ben 162 registrazioni, che Con te partirò di Andrea Bocelli ha contribuito a portare nel mondo il bel canto con 12 milioni di copie vendute, o che la prima “star” della canzone italiana fu Caruso, che nel 1902 ebbe già un notevole cachet per incidere 10 opere d’aria con le quali arriverà in tutto il mondo.

Sono già 200 mila i brani che è possibile ascoltare attualmente. Un catalogo orientato anche, e forse soprattutto, ad un pubblico estero. Ogni scheda è infatti disponibile in ben 8 lingue, incluso russo, cinese e giapponese, suddividendosi in 100 playlist circa.

Sono tanti i brani letteralmente ritornati a nuova vita, frutto di un certosino lavoro di ricerca degli anni ’60, che mostrano un’Italia vitale, con voglia di cantare e ballare e che oggi potrà essere trasmessa (in streaming, s’intende) anche ai posteri.

Siete pronti a metterlo tra i preferiti del vostro brawser?

Ascoltare per credere.

ART NEWS

Il Museo Archeologico di Napoli, tra successi, nuove sale e le mostre del 2018

È un momento davvero magico, quello che sta vivendo il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che nella prima domenica del mese di febbraio ha tagliato il record di 8000 visitatori, classificandosi al terzo posto, su scala nazionale, dei siti più visitati dopo il Colosseo e i Musei Romani.

Una crescita del 60% degli spazi espositivi negli ultimi dodici mesi, e la chiusura record per il 2017 con 500.000 visitatori, hanno aperto nuovi scenari per questo 2018 appena cominciato.

A questi va naturalmente aggiunto il risvegliato interesse da parte dei media per il museo, che l’hanno voluto come silenzioso protagonista di film come Napoli Velata di Ferzan Ozpetek, la fiction Sirene su raiuno o videoclip come Mystery of Love, colonna sonora del film nominato agli Oscar di Luca Guadagnino, Chiamami col tuo nome.

MANN, sala del Toro Farnese (instagram @marianocervone)

Tra le iniziative, come vi ho già ampiamente anticipato qui, quella di nuovi spazi che eleveranno il museo napoletano al livello dei suoi grandi omologhi europei: nuovi spazi espositivi, una sala conferenze, una caffetteria sono soltanto alcune delle “Grandi opere” che attualmente interessano il MANN. Ma sono tante le novità che vedremo di qui a pochi mesi, a cominciare da nuovi allestimenti che meglio presenteranno le collezioni permanenti, passando per le tante mostre che animeranno quest’anno.

Se l’anno passato si è chiuso con la bellissima mostra sui Longobardi, che terrà compagnia al pubblico fino al 25 marzo, le festività pasquali porteranno un’altra grande rassegna incentrata sulle armi dei gladiatori. Ma non sarà il solo evento di rilievo che terrà impegnate le sale del museo che, all’insegna di questo innovativo connubio archeologico-contemporaneo che ha felicemente portato artisti della scena contemporanea nelle sale del museo di archeologia, vedranno una mostra su Star Wars e una su Pompei e gli Etruschi, che illustrerà invece quanto le due culture si sono influenzate a vicenda durante la dominazione romana e quanto invece si sono distanziate le une dalle altre sviluppando ognuna le proprie peculiarità.

Dopo tanti anni, e sono particolarmente felice di poterlo scrivere, pare che riapriranno la sezione dedicata alla Preistoria (che si trova nei sottotetti del museo) e quella dedicata alla Magna Grecia. Due ritorni, questi, che, uniti alle ritrovate sezioni egizia ed epigrafica, vede completare a poco a poco l’offerta del museo e il suo potenziale di attrattore turistico e vettore concorrenziale di cultura: «Il 2018 vedrà il cambio di marcia nell’attenzione per gli allestimenti, il decoro e i cantieri di lavoro nel Palazzo» ha anticipato il direttore Paolo Giulierini che con gioia ha annunciato un aumento di 10.000 presenze nel mese di gennaio di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2017. Un segno, questo, che fa presagire che il 2018, Anno Europeo del Patrimonio, è decisamente iniziato sotto un buon auspicio, lasciando ben sperare per “una nuova fase – continua il diretore – dopo la quale consegneremo alla città un museo con pochi pari in Italia e in Europa”.

ART NEWS

Il Cimitero delle Fontanelle tra storia, misticismo e superstizione

Chi mi segue su instagram (e se non lo fate, seguitemi!), già lo sa: ho chiuso il 2017 visitando il Cimitero delle Fontanelle a Napoli, e non potevo non condividere con voi, seppur in ritardo, questo luogo a metà tra storia, misticismo e superstizione.

I napoletani le conoscono bene, ‘e Funtanelle, letteralmente le Fontanelle, situato nell’omonima via, è così chiamato per l’originaria presenza di fonti d’acqua.

In seno al quartiere Sanità, si tratta di un complesso cimiteriale che, si stima, ospita circa 40.000 resti di persone morte di colera tra il 1656 e il 1836 negli anni di questa grande peste. In questi anni furono oltre 300.000 le vittime dell’epidemia.

È immenso il silenzio di questo luogo, scavato nel tufo, utilizzato fino agli inizi del XVII secolo come cava per reperire la materia di cui, ancora oggi, si compone gran parte del centro storico della città.

Teschi. Teschi ovunque, si affacciano dalle balaustre in legno e quasi ti guardano. In silenzio. Sembrano volerti ammonire sulla caducità della vita, e su quella morte che ’o ssaje ched’’è?… è ‘na livella diceva Totò nella sua più nota poesia. Ed è proprio a tutto questo che si pensa, passeggiando sulla terra battuta di questo luogo, a quanto la morte ci renda, inevitabilmente, uguali.

Ogni cranio, o capuzzella in napoletano, ha delle monete sul capo: centesimi per lo più, qualche euro, poche banconote, con le quali anche i turisti perpetuano il rito delle “anime pezzentelle”, che prevede l’adozione o addirittura e la sistemazione di un cranio in cambio di protezione da parte della sua anima abbandonata, detta appunto “pezzentella”. È per questo motivo che, scorgendo queste ossa, noti che alcune, più “fortunate” delle altre, si trovano all’interno di teche in pietra come piccole casette, adottate da chi ringrazia per grazia ricevuta o da chi aspetta ancora il suo miracolo. Non si coprono, per consentire alle anime di andare nei sogni dei vivi e rivelare la loro identità.

Il teschio del Capitano

Tra queste, la più nota è senza dubbio il Teschio del Capitano, sul fondo della sala del Cristo Risorto. Sono tante le leggende che ruotano intorno a questo teschio.  Mentre cammino lentamente in questi ambienti, che alternano luce e ombra, respirandone la sacralità, sento il vociare di qualche custode che s’improvvisa guida, raccontando a turisti e visitatori proprio delle storie e leggende sul Capitano.

Tra le più suggestive c’è quella di una giovane sposa che aveva l’abitudine di pregare quotidianamente il teschio. Un giorno il suo futuro marito, seguendo la donna al cimitero, spinto dalla gelosia conficca nell’orbita del teschio un bastone di bambù deridendolo, e invitandolo al loro matrimonio. Il giorno delle nozze tra gli invitati c’è uno sconosciuto di bell’aspetto in divisa. Incuriosito lo sposo gli chiede chi fosse. L’uomo gli dice che è stato lui stesso ad invitarlo e, rivelandogli la sua identità, fa morire tutti gli invitati.

Un’altra leggenda, raccontata dal regista Roberto De Simone in chiave “camorristica”, vuole che invece siano i soli sposi a morire.

Non mancano bare piccolissime, contornate da peluche e giocattoli, ma ciò che più di ogni altra cosa colpisce, è probabilmente la presenza di biglietti dell’autobus come offerte. Ho provato a fare una ricerca a riguardo, senza molto successo. Presumo che quest’uso derivi dalla consuetudine di seppellire i defunti con almeno una moneta, così da non arrivare sforniti dinanzi alla traversata di Caronte che, secondo la leggenda e il poema dantesco, richiede un dazio e dunque per traslato anche un biglietto per un viaggio nell’aldilà.

Ma c’è anche chi pone in testa ad alcuni teschi una penna. Immagino sia da parte di qualche studente/laureando per superare esami o lauree.

È molto vivo a Napoli il culto delle anime del Purgatorio, tanto che fino agli anni ’70 c’era la consuetudine di aspettare le ombre mandate dal teschio di Don Francesco, un cabalista spagnolo, per rivelare i numeri da giocare al lotto.

In una scena del film Il Mistero di Bellavista ambientata proprio nelle Fontanelle, si parla di un teschio che suda come sintomo di grazia ricevuta. Si tratta di Donna Concetta o ‘a capa che suda, un teschio che, recependo meglio l’umidità del posto, tende ad essere sempre lucido. Secondo il credo popolare si tratta del sudore che proviene dalle fatiche che affrontano le anime, e che avrebbe il potere di purificare.

Statue, croci, cappelle, bare, persino una piccola chiesa. Non manca nulla in questo cimitero di anime anonime, cui la città di Napoli è molto legata e devota. Me ne accorgo guardando i fiori, i lumini accesi, le fotografie che visitatori e credenti lasciano, continuando a confidare in un’anima buona che ci aiuti.