Uncategorized

Ipnotizzati dagli smartphone come automi: il cartoon di Moby che fa riflettere

Navigando su facebook ho visto un video in bianco e nero cui faceva da colonna sonora un brano del film Il favoloso mondo di Amélie del 2001, Comptine d’un autre été: L’après-midi. Affascinato da questo cortometraggio ho voluto saperne di più, ed ho scoperto che si tratta in realtà del videoclip di Are You Lost In The World Like Me?, dell’artista americano Moby featuring The Void Pacific Choir, primo estratto dall’album These Systems Are Failing.

Un progetto di denuncia, che in realtà non ha riscosso molto successo, arenandosi nella parte centrale di molte classifiche e passando quasi totalmente inosservato.

E dire che il video avrebbe dovuto invece attirare molta attenzione: disegnato come un cartoon in bianco e nero degli anni ’40, il videoclip vede una società letteralmente ipnotizzata dagli smartphone. Uomini e donne che camminano come automi con lo sguardo assorto da un display di poco più di cinque pollici.

Una fotografia (è proprio il caso di dirlo) dei vizi che (in)consciamente fanno ormai parte del nostro vivere quotidiano.Se nel Medioevo al poeta-vate Dante bastava un solo sguardo per interagire per le strade di Firenze con la sua Beatrice, oggi gli risulterebbe più difficile, poiché probabilmente entrambi avrebbero gli occhi bassi sul telefono per controllare notifiche e social.

È un quadro inglorioso quello che dipinge Moby in questo suo lavoro discografico. Samo perennemente proiettati in un altrove che non corrisponde mai al luogo in cui ci troviamo, preferiamo spesso la presenza virtuale a quella reale degli amici con cui possiamo interagire, mentre le nostre emozioni diventano sempre meno sentite e più sintetiche, attraverso lo sterile uso di emojii che non riescono nemmeno lontanamente ad esprimere agli stati d’animo che veramente proviamo.

Tavole sempre più silenziose e sguardi fissi sui nostri onnipresenti dispositivi mobili: conversazioni via chat, selfie per (di)mostrare di essere felici, mentre siamo spesso più impegnati a fotografare una cena piuttosto che a guastarla davvero.

«Ti sei perduto in questo mondo come me?» si chiede arrabbiato un Moby, che diventa un bambino innocente dall’aria smarrita in questo suo cortometraggio.

Siamo più interessati a catturare il momento che non a viverlo pienamente.

Io stesso, qualche settimana fa, giunto per la prima volta nel Teatro San Carlo di Napoli, ho immediatamente avuto l’istinto di alzare lo smartphone e fotografarlo. Non ci ero mai stato e anziché godere della ricchezza di quel luogo, volevo fare qualche scatto. E anche dopo averlo visto incantato per qualche minuto, non ho resistito all’irrefrenabile impulso di “prenderne” un pezzo, pregustando già il momento in cui l’avrei condiviso sui miei canali social.

Facebook, instagram, twitter. Nella clip non c’è uno specifico riferimento ai social-networks, eppure sono proprio questi, inutile prendersi in giro, che hanno cambiato la nostra forma mentis, e ci danno la sensazione che “se non ci sei (on-line, s’intende), non esisti”.

Vite grigie, vacanze da incubo, e persone comuni con un filtro e qualche ritocco possono trasformarsi in vite da copertina, panorami da sogno, bellezze da calendario.

Realtà e finzione spesso si sovrappongono, così come la superficialità con cui scegliamo i nostri partner, passando dal romantico corteggiamento in voga fino alla fine del secolo scorso ad una sorta di casting on-line dove facilmente si passa al candidato successivo, basandosi esclusivamente su di una mera selezione estetica.

In pochi minuti Moby riesce ad affrontare anche il tema del bullismo, mostrando come un momento di divertimento può trasformarsi il giorno seguente in un motivo di scherno caricato on-line, calunnia contemporanea, di rossiniana memoria, che vola come un venticello di smartphone in smartphone.Un senso di solitudine, di vuoto e sconforto sta inghiottendo la nostra società come un buco nero. Persino Cenerentola, in questo nuovo immaginario collettivo, ha appeso le scarpette di cristallo al chiodo e passale sue giornate probabilmente a giocare a Candy Crash, mentre i genitori in sala parto sono più intenti a trasmettere in diretta il momento della nascita che non a godere dell’irripetibile momento di prendere in braccio il proprio figlio e ascoltare il pianto di chi indifeso viene alla vita.

Ogni cosa diventa un pretesto per fotografare, registrare, condividere, eppure ciò che riesce a generare un interesse telematico, paradossalmente crea indifferenza nella vita vera.

Annunci
LIFESTYLE

“Luisa Spagnoli”, la cioccolateria che non ti aspetti

Luisa Spagnoli - internettuale

Noto marchio di abbigliamento italiano sin dai primi anni ’40, in pochi forse sanno che l’omonima Luisa Spagnoli, nata Sargentini, è anche colei che ha inventato il Bacio Perugina. L’imprenditrice umbra infatti contribuì all’apertura di quella che sarà la nota azienda di cioccolato nei primi del ‘900, la Perugina, insieme a Francesco Buitoni, con soli quattordici dipendenti. Alla fine del primo conflitto mondiale il successo dell’azienda era tale da contare circa cento dipendenti, ma, nonostante ciò, per attriti interni, Annibale Spagnoli, marito di Luisa, decide di ritirarsi dall’azienda, dando così adito all’inizio della liaison tra la donna e Giovanni Buitoni, figlio del socio Francesco, di ben quattordici anni più giovane, ed è in questo periodo che c’è l’invenzione del noto cioccolatino, per ottimizzare gli scarti dei confetti, che, in virtù dell’amore per la donna, venne chiamato Bacio, e che negli anni a venire diventerà il simbolo dell’amore tra fidanzatini e della festa a loro dedicata per antonomasia, San Valentino.

Alla fine del primo conflitto mondiale la Spagnoli decide di lanciarsi in un’altra avventura imprenditoriale, l’abbigliamento, acquistando dei conigli d’angora e iniziando a produrre, dal pelo pettinato, la nota lana per i filati. Nasce nei sobborghi del quartiere Santa Lucia l’azienda Angora Spagnoli, che si cimenta nella creazione di soli capi di lana come scialli, maglie, maglioni, boleri.

Negli anni ’40, in pieno post dopoguerra, in un’epoca ancora economicamente difficile, Luisa pensa innanzitutto al benessere dei suoi dipendenti, costruendo degli asili, delle casette a schiera (tutt’ora visibili) e promuove partite di calcio, gare, feste, balli.

Il noto marchio di abbigliamento inizierà ad affermarsi circa un decennio dopo, sotto la direzione del figlio Mario, ma Luisa non riuscirà a vedere la fioritura di quest’altro suo importante progetto, in quanto le sarà diagnosticato un male che, insieme a Giovanni, con lei fino alla morte, tenterà di curare sotto l’egida degli specialisti di Parigi.

Presto la vita della Spagnoli diventerà una fiction rai in due puntate, la cui messa in onda (salvo imprevisti) è fissata proprio per San Valentino 2016. E se a ricordare la donna sul piccolo schermo sarà un’altra Luisa, Luisa Ranieri, protagonista della mini-serie, nel frattempo le boutique di Milano e Firenze dell’omonima maison d’abbigliamento ripercorreranno la storia della loro fondatrice trasformandosi in Cioccolaterie.