CINEMA, LIBRI

Napoli protagonista della serie tratta da “L’Amica geniale” di Elena Ferrante

Probabilmente i suoi libri hanno destato scalpore più per la sua identità di scrittrice, nascosta ai più, che per la trama in sé. Sto parlando di Elena Ferrante, che dal 2011 ad oggi è in testa alle classifiche di vendita di tutto il mondo con la saga de L’Amica geniale (edizioni e/o), senza tuttavia aver mai rivelato il suo vero nome.

Divisa in due parti, infanzia e adolescenza, la storia dei romanzi percorre la vita di due bambine, le due amiche Elena Greco e Raffaella Cerullo, che inizia nella Napoli dei primi anni ’50. L’una povera, figlia di un umile calzolaio, costretta ad interrompere gli studi; l’altra, Elena, figlia di un usciere comunale, riesce invece ad arrivare fino al liceo. Entrambe le ragazzine si mostrano insofferenti alle regole del “rione” in cui vivono, e spesso le loro vite si ritroveranno ad intrecciarsi fino al matrimonio di Lila, Raffaella, che chiude il primo capitolo della quadrilogia letteraria.

La copertina del libro “L’amica geniale” di Elena Ferrante

A far da contorno alle vicende delle due protagoniste, tanti scorci e usanze di Napoli, che nel volume, sin dalla copertina, si fa quasi silenziosa terza protagonista, dalle miserie del dopoguerra fino ad una timida ripresa economica negli anni del boom, vessata dalla malavita organizzata.

Un racconto che si fa quello di una intera città, e che diventerà una serie televisiva. Lo annuncia oggi l’ANSA, sulle cui pagine si legge che si sono aperti i casting a Napoli per ricercare le due bambine protagoniste della serie che sarà diretta da Saverio Costanzo.

L’inizio delle riprese è previsto per questa estate. Le location non sono ancora state confermate dalla Film Commission Campania, che si augura possano svolgersi tutte a Napoli, e se ciò dovesse trovare conferma, il capoluogo partenopeo si trasformerà in un vero e proprio set a cielo aperto quest’anno, poiché protagonista anche delle riprese di Napoli Velata, il nuovo film che il regista Ferzan Ozpetek inizierà a girare subito dopo la promozione di Rosso Istanbul ora nelle sale.

Titolo internazionale di quest’opera è The Neapolitan Novels, prodotta dalla Fandango e Wildside insieme ad altri partner stranieri.

Ad occuparsi dei casting sarà Laura Muccino che, come cognome suggerisce, è sorella dei ben più noti Muccino registi, e che in questi giorni sarà alla ricerca delle bambine che daranno il volto alle protagoniste del romanzo.

Un progetto di ampio respiro che è riuscito a destare l’attenzione anche delle autorevoli pagine del New York Times dal quale si apprende che la serie si suddividerà in quattro stagioni, così come i volumi della Ferrante, ogni stagione consterà di otto episodi, per un totale di trentadue puntate da cinquanta minuti ciascuna, e coprirà un arco temporale che va dal secondo dopoguerra agli inizi degli anni 2000.

Insieme a Francesco Piccolo e Laura Paolucci ci sarebbe anche la misteriosa Elena Ferrante a collaborare alla stesura della sceneggiatura.

Ancora poco si sa sulla messa in onda dello sceneggiato, che potrebbe arrivare sugli schermi Rai già nel 2018, e rappresenterebbe per Napoli una delle più grandi produzioni degli ultimi anni.

Un’ottima cosa per Napoli, reduce dal successo della fiction poliziesca I Bastardi di Pizzofalcone, che ha battezzato il turismo “cinematografico” alla volta delle location che hanno fatto da sfondo alle avventure del commissario Lojacono e i suoi agenti.

Con questa nuova produzione, che sarà trasmessa anche all’estero, potrebbe incrementarsi il turismo nella città di Partenope, che torna ad essere grande protagonista di arte, cultura, letteratura e cinema.

INTERNATTUALE

A Firenze le famiglie ricche sono sempre le stesse da 600 anni

Un curioso studio riportato dalle pagine del magazine inglese The Indipendent asserisce che le famiglie benestanti fiorentine sarebbero le stesse che erano ai vertici della società rinascimentale sei secoli fa.

Analizzando infatti i dati del pagamento dei contributi degli abitanti del capoluogo toscano fino al 1427, gli economisti Guglielmo Barone e Sauro Mocetti hanno evidenziato che i fiorentini più abbienti a Firenze nel 2011 hanno gli stessi cognomi dei benestanti di seicento anni prima.

Sono circa novecento i cognomi presenti nei registri fiscali del 1427 che si possono ritrovare ancora oggi, i quali corrispondono a circa 52.000 degli attuali contribuenti fiorentini.

Anche se la natura regionale dei cognomi italiani ci dice che non necessariamente le persone che portano lo stesso cognome siano correlate tra loro, è tuttavia possibile far rientrare tali cognomi nella ricerca, poiché molto probabile che essi siano dei discendenti diretti.

Comparando questi dati, i risultati mostrano che i cambiamenti socio-economici di generazione in generazione a Firenze sono stati minimi, con poche opportunità nell’ambito fiorentino di scalare la gerarchia sociale e di conseguenza anche quella economica.

Secondo l’articolo di Barone e Mocetti, originariamente pubblicato su VoxEU, la bassa mobilità sociale ed economica non soltanto è ingiusta, ma può rappresentare un aspetto svantaggioso per la società in generale: «Le società caratterizzate da un’elevata trasmissione dello status economico-sociale – si legge – non solo hanno più probabilità di essere percepite come “ingiuste”, ma sono meno efficienti in quanto sprecano talenti e competenze di chi proviene dal ceto sociale più basso».

I due economisti italiani hanno inoltre sottolineato l’errore che spesso commettono altri studiosi quando sottovalutano l’effetto dello stato della famiglia di origine, partendo dal presupposto che eventuali vantaggi o svantaggi provenienti dagli antenati sparirebbero entro tre generazioni.

I documenti fiscali hanno invece evidenziato un “pavimento di vetro” che impedirebbe ai ricchi di scendere ad un certo livello della scala socio-economica.

Probabilmente quello di Firenze non è il solo caso di “status ereditario” da parte delle famiglie. La ricerca è stata condotta in questa città in quanto a seguito di una crisi fiscale, i Priori della Repubblica registrarono tutti i cognomi, professione e ricchezza di ogni singolo capofamiglia nel 1427, ma questa relativa unicità dei cognomi italiani non è detto che possa essere applicata altrove per questo tipo di ricerca.