ART NEWS

A Cuma riemerge una tomba del II secolo a.C. perfettamente conservata

È una Campania ancora da scoprire, quella che qualche giorno fa ci ha restituito una spettacola tomba, oggetto di studio degli archeologi, rinvenuta nell’antica necropoli di Cuma, città ad ovest di Napoli.

A fare la scoperta Priscilla Munzi, ricercatrice del Centre Jean Bérard (CNRS – École française de Rome) e Jean-Pierre Brun, professore del Collège de France, che da quasi vent’anni lavorano all’interno del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, sulla costa tirrenica, proprio di fronte all’Isola di Ischia.

Nuova tomba scoperta nel parco archeologico dei Campi Flegrei. Per gentile concessione E. Lupoli, Jean Bérard Centre (CNRS/École française de Rome)

Secondo le fonti storiche questa è considerata come la più antica colonia greca in Occidente, fondata dai greci provenienti da Eubea intorno alla metà dell’VIII secolo a.C.

Importantissima la scoperta di questa tomba, la cui datazione risale al II secolo a.C., le cui pitture conservano perfettamente la scena di un banchetto.

Tematica, quella del banchetto, che ritorna di frequente. Proprio nell’ambiente magnogreco vale ricordare la ben più nota Tomba del Tuffatore, risalente al 480 a.C., che alla raffigurazione del defunto che si tuffa idealmente nel mondo dei morti, vede affiancata scene simposiali con dieci uomini adagiati sui tipici triclini con aria festante.

Il simposio era un momento conviviale in cui solo gli uomini bevevano discorrendo, intrattenendosi in conversazioni colte, e che faceva seguito proprio al momento del banchetto.

Nuova tomba scoperta nel parco archeologico dei Campi Flegrei. Per gentile concessione E. Lupoli, Jean Bérard Centre (CNRS/École française de Rome)

Entrambi i momenti, quello del banchetto e quello del simposio, grande fortuna conoscono in ambiente etrusco, che adatta e fa propri questi modelli, rielaborandoli a seconda della sensibilità del contesto in cui erano recepiti, non è insolita la scena del banchetto, che ritorna anche nell’arte etrusca, i cui esempi più noti sono La tomba della Caccia e della Pesca e la Tomba del Frontoncino (entrambe a Tarquinia).

Una scoperta, quella di Cuma, che pone al centro l’importanza archeologica di quest’area, e che meriterebbe da parte delle amministrazioni locali, maggior attenzione per renderne più agevole la fruizione, con migliori collegamenti su gomma e una maggiore promozione, per quello che è un patrimonio unico al mondo.

Annunci
ART NEWS

Le bellezze tra Napoli e Caserta discriminate dalla guida Feltrinelli

In questi giorni non si fa altro che parlare del caso della Guida Feltrinelli su Napoli, Italia del Sud e isole, che definisce l’entroterra partenopeo a nord del capoluogo “poco attraente”, liquidandolo come, cito testualmente, “una distesa di sobborghi poco entusiasmanti”. Non mi dilungherò sul fatto che chi scrive ha aggiunto con nonchalance che questa parte del territorio è quasi tutta dominata dalla camorra o che è definito, a suo dire, addirittura triangolo della morte. Una persona che scrive con tanta superficialità di un territorio, è senza dubbio poco (in)formata, e si è ritrovata suo malgrado a riempire pagine senza le necessarie conoscenze che chi vuole redigere un prontuario per orientare i visitatori dovrebbe doverosamente avere.

Sono 23 i chilometri che separano la città metropolitana di Napoli e Caserta, e innumerevoli i paesi e le frazioni che custodiscono all’interno dei loro “sobborghi poco entusiasmanti” tesori di inestimabile valore.

Non starò qui ad elencarli tutti, ma voglio citarne alcuni per sopperire alla totale mancanza di informazione che la guida (non) ha dato di questi territori.

È quasi superfluo menzionare, come ha fatto il nostro disinformato giornalista, la Reggia di Caserta, che tra i suoi primati vanta quello di essere la residenza reale più grande al mondo per estensione.

complesso paleocristiano di Cimitile

E allora basta spostarsi di poco a nord di Napoli, a Cimitile, che tra le sue meraviglie vanta lo straordinario Complesso Paleocristiano di San Felice. Dedicato ai santi Felice e Paolino, l’edificio fu costruito tra il 484 e il 523, e conta numerosi affreschi e mosaici con fondo oro e azzurro. Il campanile invece è datato tra il XII e il XIII secolo, a pianta quadrata, si trova tra la parte occidentale dell’abside e l’ingresso.

Salendo, nell’area dell’avellinese, c’è Avella, che tra i tuoi tesori può vantare il bellissimo Castello di Avella o di San Michele. Domina l’intera città dal promontorio su cui è stato costruito. Si tratta di una roccaforte longobarda, costruita nel VI secolo e dedicata all’Arcangelo Michele. Costruita per controllare il territorio, ha subito numerosi attacchi, tra cui quello dei saraceni nell’883.

Duomo di Sant’Agata dei Goti

La storia di Sant’Agata dei Goti attraversa la storia antica, passando dall’epoca romana all’alto medioevo, dal periodo normanno a quello angioino, passando per il feudalesimo. In un intricato gioco di dominazioni, distruzioni e ricostruzioni, che hanno portato all’edificazione di monumenti straordinari. Uno su tutti il Duomo. Fondato nel 970, ricostruito nell’arco del XII secolo, è stato più volte rimaneggiato a seguito dei danneggiamenti dovuti al terremoto del 1688. Bellissimo il portale in stile romanico con capitelli corinzi e caratteristiche foglie di acanto.

Famoso in tutta la Campania per il suo caratteristico mercatino di Natale, il paesino di Limatola nel beneventano, vede sorgere sul suo promontorio che sovrasta tutta la cittadina il bellissimo Castello di Limatola. Costruito dai Normanni, nel rinascimento si trasformò da fortezza militare a dimora signorile, pur mantenendo le originarie caratteristiche difensive. Dal 2010 è un albergo ristorante, ed offre il suggestivo fascino di vivere e abitare nella Storia.

Anfiteatro Santa Maria Capua Vetere

A nord di Caserta, a Capua, sono tanti i monumenti che potrei elencare e fare una scelta è davvero difficile, non solo perché l’Abbazia Benedettina, quella di Abbazia di Sant’Angelo in Formis, che è considerata uno dei monumenti medievali più importanti di tutto il Sud Italia, ma anche perché sono davvero tantissimi i monumenti e i complessi religiosi di pregio, che meriterebbero pagine e pagine. Tra questi il bellissimo Anfiteatro Campano o Capuano, sito a Santa Maria Capua Vetere, che per dimensioni è secondo soltanto al Colosseo di Roma, e che probabilmente ispirò il monumento più noto di Roma, essendo, quello capuano, il primo anfiteatro del mondo romano, servendo da modello per tutti gli altri. Fu anche sede di una prima e molto nota scuola di gladiatori, e fu il luogo dal quale Spartaco nel 73 a.C. guidò la famosa rivolta.

E infine non posso non citare Carditello, con la sua omonima Reale Tenuta di Carditello, appartenuta ai Borbone. Architetto di questa magione fu Francesco Collecini, allievo e collaboratore di Luigi Vanvitelli. In stile neoclassico, la tenuta fu costruita per volontà di Carlo di Borbone, e trasformata poi in casino di caccia per volontà di Ferdinando IV di Borbone. Con i suoi scaloni monumentali, affreschi, il parco è una vera e propria residenza reale, che offre ai visitatori l’eleganza e l’essenza della dinastia borbonica.

Reale Tenuta di Carditello

La mia, imprecisa e sommaria “guida”, è naturalmente solo un modo per dire ai lettori della guida Feltrinelli, che l’entroterra campano non è un far west desolato abitato da camorristi con il grilletto facile come lo ha frettolosamente immaginato il disinformato giornalista, ma è un florilegio di epoche, monumenti e costruzioni che raccontano di un hinterland artisticamente vivo e culturalmente stimolante.

Fate attenzione dunque alle guide che scegliete in libreria, spesso redatte con precisi scopi propagandistici, atte ad evidenziare la bellezza dei soliti luoghi e a nascondere tutto quanto di bello un territorio può svelare.

Fate ricerche, prima di visitare un posto, anche solo su wikipedia per farvi una sommaria idea, andate su YouTube, informatevi, ma soprattutto non siate semplici viaggiatori, ma cacciatori di bellezza.

tutte le immagini sono prese da wikipedia.
LIFESTYLE

Per Natale 2017 Sal De Riso inventa il Panettone d’Oro. Ecco quanto costa

Forse in futuro ce ne ricorderemo soltanto come una delle stranezze del Natale 2017, ma nel frattempo sono tante le ordinazioni che arrivano per questa novità. Per chi ogni anno è alla ricerca di un panettone artigianale di qualità per fare bella figura con amici e parenti, la scelta quest’anno dovrà ricadere sul panettone in foglia oro realizzato dalla pasticceria della costiera amalfitana Sal De Riso.

Ricoperto di foglie d’oro 18 carati, ed è ottenuto attraverso una tripla lievitazione, cui si aggiunge cioccolato fondente Venezuela Sur Del Lago 72% di Domori.

Un vero e proprio panettone-gioiello, come è già stato ribattezzato dalla stampa, che così definisce la creazione della nota pasticceria di Minori, in provincia di Salerno, nel cuore della Costiera Amalfitana.

Un dolce dalle caratteristiche esclusive, per una produzione limitatissima di soli dieci pezzi, che non poteva non avere un costo proibitivo che ne fa oggetto di desiderio, e di gola, per pochi: 120 € al chilogrammo. Ma voi lo comprereste o pensate si tratti di pura follia?

Nel frattempo, se vi state chiedendo quali possano essere gli acquirenti per quella che per me è una geniale follia culinaria, sappiate che anche altri appassionati hanno risposto con molto entusiasmo alla nuova proposta dolciaria della pasticceria campana. E non potevano che essere soprattutto gli orientali ad aver apprezzato maggiormente l’idea, soprattutto in Russia e nei Paesi Arabi.

Ma quella del panettone d’oro non è la sola novità di quest’anno. Per celebrare il ventennale dalla creazione della sua famosissima torta ricotta e pera, Sal De Riso aveva già creato il panettone Anna, a base degli stessi ingredienti, ma naturalmente la notizia di questo nuovo panettone, ideato appena ieri nei laboratori di Tramonti ha avuto la meglio. Se volete acquistarlo, dovete recarvi presso il bistrot di Minori, Sal De Riso Costa d’Amalfi.

INTERNATTUALE

L’arte della pizza napoletana è patrimonio dell’Unesco

C’è un motivo in più da oggi per venire a Napoli appositamente per mangiare la pizza. Se pensavate che quella della migliore pizza al mondo fosse soltanto una vanteria del popolo partenopeo, che alla pizza ha dato i natali e il nome della sua regina, Margherita (in onore della Regina Margherita di Savoia), da oggi invece dovrete ricredervi, perché a certificare ufficialmente che quella del pizzaiuoli napoletani sia una vera e propria arte è stata l’UNESCO.

«L’arte del pizzaiolo napoletano è patrimonio culturale dell’Umanità Unesco» è così che ha twittato il ministro delle Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, su twitter. “Vittoria! Identità enogastronomica italiana sempre più tutelata nel mondo” ha così commentato oggi, rivelando la grande importanza che l’Italia sta dando anche alla sua cultura e identità di Paese, difendendosi al tempo stesso dai prodotti falsi.

Secondo una credenza popolare, la pizza sarebbe stata inventata a Napoli dal cuoco Raffaele Esposito della Pizzeria Brandi, che inventò una pietanza chiamata appunto Pizza Margherita (ricorrendo al termine “pizza” che tradizionalmente al di fuori della città partenopea indicava quasi sempre torte dolci) dove i condimenti salati, pomodoro, mozzarella e basilico rappresentavano anche gli stessi colori della bandiera italiana.

Otto anni di negoziati internazionali, a Jeju, in Corea del Sud, il voto è stato unanime del Comitato di Governo dell’Unesco per l’unica candidatura italiana, riconoscendo così la creatività alimentare e l’unicità della comunità napoletana.

Il riconoscimento dell’UNESCO non è prettamente legato all’alimento della pizza, ma alla napoletanità che, attraverso gesti, canzoni, espressioni visuali e, naturalmente, gergo locale, uniti a quella capacità unica di maneggiare l’impasto della pizza, di esibirsi e di condividere ne fanno senza dubbio un patrimonio culturale da tutelare e proteggere.

Un riconoscimento non facile questo che arriva a quasi nove anni di lungo lavoro che il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali aveva iniziato nel 2009, redigendo un dossier sulla candidatura a supporto delle Associazioni di Pizzaioli e della Regione Campania.

Un’arte antica, quella del pizzaiuolo, che va oltre il pregiudizio di chi pensa sia soltanto un’attività commerciale per trasformarsi in vera identità della cultura partenopea.

I pizzaiuoli dunque visti come attori della cucina, dove il forno è il palcoscenico deputato a questi spettacoli che sono un piacere per gli occhi e per il palato.

Non è di certo un caso se Napoli ha ispirato anche autori della narrativa contemporanea come Elizabeth Gilbert, che ha raccontato nel suo romanzo, poi diventato film con Julia Roberts, Mangia Prega Ama, la sua esperienza con la pizza nell’Antica Pizzeria Da Michele, e non poteva che trovarsi nel cuore di uno dei quartieri storici del capoluogo partenopeo.

ART NEWS

Helmut Newton, tra moda e erotismo al PAN di Napoli fino al 18 giugno

È imprescindibile per un amante della fotografia o un semplice appassionato imparare dai grandi maestri che di quest’arte hanno fatto scuola e ne hanno fatto la storia. Uno fra tutti Helmut Newton, cui il Palazzo delle Arti di Napoli ha dedicato un’ampia retrospettiva, aperta al pubblico fino al prossimo 18 giugno.

FOTOGRAFIE White Women / Sleepless Nights / Big Nudes, questo il titolo della rassegna, che in tre sezioni ripercorre le principali fasi della carriera del noto fotografo americano, ispirate ai primi tre volumi pubblicati da Newton tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80.

Helmut Newton, French Vogue, Melbourne 1973

Scatti glamour, che hanno catturato volti, sguardi, espressività di top model, attrici e artisti, da Charlotte Rampling a Andy Warhol.

Chi mi segue su instagram ha già visto qualche scatto, ma chi non ha visto questa mostra dal vivo ignora che ti immergi non solo in un’altra epoca, guardando le fotografie di Newton, ma in un altro mondo.

Lusso e bellezza. È con questo binomio che si potrebbe riassumere la fotografia di Newton, le cui immagini sono patinate, eleganti, vagamente erotiche e trasgressive, ma mai volgari.

Tre sezioni in cui, a dispetto dei numeri che contraddistinguono le opere, non c’è un vero e proprio percorso di visita, ma tutto è fluido, liquido, come l’acqua delle piscine spesso fotografate da Helmut. Sì, la piscina, che in Newton si fa totem irraggiungibile del lusso, un luogo misterioso, in cui avvengono incontri. Un elemento che è quasi un’ossessione per il fotografo tedesco naturalizzato statunitense.

In questi anni Newton osa, porta la fotografia di moda fuori dagli studi di posa e dalle fredde luci dei bank.

Giardini rinascimentali, dimore storiche, prati si trasformano in inconsapevoli scenari di pose plastiche e amori saffici. Ma anche uffici, suite, alberghi e sedi di grandi brand di moda.

a sinistra Helmut Newton, Elsa Peretti, 1970 a destra Ariana Grande 2016

È un mondo lezioso quello che racconta Newton, che lo documenta e lo eviscera fino a farne quasi fredda parodia di sé stesso. Un mondo a tratti fetish, che occhieggia al bondage con straordinaria modernità. Impressionante quanto l’eredità di Newton si faccia sentire ancora oggi. Basta guardare le immagini promozionali dell’album Dangerous Woman del 2016, della cantante Ariana Grande, per percepire una chiara impronta newtoniana.

Helmut Newton, Tied Up Torso, Ramatuelle 1980

Attrici, grandi metropoli statunitensi o scorci italiani. Da Parigi a Berlino, da Nizza al Senegal. La fotografia di Helmut ha girato tutto il mondo, rivoluzionando il mondo della moda.

Quasi imbarazzano lo spettatore i Big Nudes per la loro potenza. Donne completamente nude a grandezza naturale, i Big Nudes sono una serie fotografica ispirata ai manifesti diffusi dalla polizia tedesca per ricercare gli appartenenti al gruppo terroristico della RAF. Helmut ebbe l’idea di catturare dei nudi con una macchina fotografica di dimensione media con l’intento di farne delle gigantografie.

Dopo una grande rassegna su McCurry, il PAN ospita un altro grande nome del panorama fotografico mondiale.

sopra Helmut Newton, Bergstrom over Paris, 1976 sotto Velasquez, Venere allo specchio, 1648

Una fotografia colta, quella di Newton, i cui potenti nudi occhieggiano all’eroicità della nudità greca, affondando le radici nella storia dell’arte italiana con omaggi a tratti impercettibili, altre volte invece un chiaro riferimento a quei grandi maestri che hanno tracciato il percorso da dove ha avuto origine tutto.

Curata da curata da Matthias Harder e Denis Curti, l’idea nasce nel 2011 da June Newton, vedova del fotografo. Promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, la mostra è organizzata da Civita Mostre in collaborazione con la Helmut Newton Foundation, e accompagnata da una pubblicazione edita da Marsilio.

ART NEWS

Il 24 e 25 settembre tornano le Giornate Europee del Patrimonio con ingresso nei musei a 1€

Anche quest’anno ritornano le Giornate Europee del Patrimonio, appuntamento molto atteso dagli amanti della cultura che si perpetua dal 1991 alla scoperta dell’immenso patrimonio artistico sul nostro territorio. Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo insieme al Consiglio d’Europa e alla Commissione Europea aderisce alla due-giorni, che si terrà il prossimo 24 e 25 settembre, per promuovere il dialogo tra le Nazioni della comunità europea evidenziando l’importanza dell’arte nelle dinamiche della società italiana e non solo.

gep2016_locandinaNon solo musei e siti archeologici statali, con ingresso serale nella giornata di sabato a solo 1 €, ma tanti anche i luoghi della cultura locale che vi prendono parte: dai musei civici a comuni, dalle gallerie a fondazioni e associazioni private, per un’offerta che si allarga sul panorama culturale e artistico a trecentosessanta gradi.

Ricchissimo il calendario che in un solo fine settimana concentra, su tutto il territorio, quasi mille eventi, che, lo scorso anno, ha portato nei soli luoghi dotati di bigliettazione circa 380.000 visitatori, escludendo dunque tutti quelli che hanno invece affollato siti, luoghi e associazioni più piccole.

La due-giorni rappresenta l’occasione da non perdere per scorgere aspetti inediti di luoghi ben noti, o scoprirli sotto una luce completamente diversa, con percorsi ed eventi pensati proprio per questa occasione.

Seguendo una direzione tracciata nel 2005, nota come Convenzione Faro, la #GEP2016 ruoterà quest’anno intorno al tema della partecipazione al patrimonio, una presa di coscienza dell’importanza di ammirare, custodire e proteggere questo immensa eredità lasciataci dal nostro Paese e da tutti i maestri che hanno saputo nei secoli farne la storia, rendendolo grande agli occhi del mondo.

Una sorta di prosecuzione dunque di quella che è stata la scorsa “Festa dei Musei” nei giorni del 2 e 3 giugno 2016, spostando così l’attenzione dai Musei e i Luoghi della cultura ai visitatori, che ne diventano (in)consapevolmente protagonisti e depositari di un patrimonio unico.

Ricchissimo il calendario campana che coinvolge tutte e quattro le nostre città e musei, in primis il Museo archeologico nazionale di Napoli, che propone, tra gli altri, il percorso Madamina il catalogo è questo. Visita ai Depositi del Museo, nei depositi del museo alla scoperta di quelle figure femminili come dee, muse, ninfe e imperatrici rese immortali dall’arte della statuaria e non solo; con Convivium. Vino per uomini, dèi ed eroi. E le donne? I visitatori scopriranno l’importanza del vino nel mondo antico, mentre in Duo in do chiuderà la serata di sabato 24 con il Concerto di musica classica M° Paolo Barone e M° Gabriele Cimmino.

Ma sono tantissimi gli appuntamenti in tutta Italia. Una lista completa al sito del Mibact.

ART NEWS

Le sculture di Mitoraj a Pompei, a due passi tra la vita antica e quella moderna

IMG_0367Si ha la sensazione di trovarsi in un quadro di De Chirico, passeggiando in queste settimane tra le rovine di Pompei. Angeli, torsi virili, teste giganti dal sapore classico. Non sono nuovi ritrovamenti dell’antica cittadina romana, ma le imponenti sculture di Igor Mitoraj.

Le opere dello scultore polacco, scomparso nel 2014, sono infatti parte integrante del tradizionale percorso di visita degli Scavi Archeologici di Pompei fino al prossimo gennaio 2017, dove dialogano perfettamente tra domus e antiche costruzioni, segnando un sottilissimo confine tra l’antico e il contemporaneo.

Mitoraj infatti è stato attivo dalla fine degli anni ’60. Le sue opere ritraggono principalmente angeli, busti maschili, rifacendosi alle sculture dell’arte greca classica. La novità post-moderna delle sue opere sta nell’enfatizzare i danni subiti nei secoli dalle sculture classiche, che riproduce tramite la realizzazione di arti e membra mancanti. Le sue opere infatti restituiscono una bellezza senza tempo come la Nike di Samotracia, la Venere di Milo, l’Hermes con Dioniso di Prassitele.

Mitoraj Pompei 2016 - internettualeLe sue colossali sculture sono perfettamente incastonate nei complessi termali del Foro, cuore della città, dove si trovano i più maestosi esempi dei complessi termali della città.

Mitoraj esalta il corpo, ispirato da Fidia, dalle decorazioni frontonali del Partenone di Atene del V secolo a.C. I suoi corpi presentano volumetrie piene, perfette simmetrie dei corpi che mollemente si adagiano sul suolo pompeiano. Come la colossale statua dell’Icaro caduto, che si presenta allo spettatore nella sua imponente decadenza.

Durante la sua ricerca artistica il polacco osa, cambia, si trasforma insieme alla sua arte che lo anima, lavorando indistintamente la terracotta, il bronzo, il marmo.

IMG_0371Dopo le esposizioni di Agrigento, Tivoli, Firenze, Roma le opere dell’artista polacco giungono in un altro suggestivo sito che le mette in relazione col mondo antico. Quello di Pompei è infatti un sogno dello stesso scultore, che trova postuma realizzazione grazie alla collaborazione con Atelier Mitoraj di Pietrasanta, la Galleria d’arte Contini insieme alla promozione della Fondazione Terzo Pilastro. Il maestro aveva già immaginato dove collocare le sue opere quando era ancora in vita. È grazie all’interpretazione di queste sue ultime volontà che Luca Pizzi dell’Atelier Mitoraj ha distribuito le trenta grandi sculture negli spazi archeologici dell’antica Pompei, collocando le più significative tra il Foro della Basilica, il Quadriportico dei Teatri e Via dell’Abbondanza, poco distanti dall’ingresso di Porta Marina.

Mitoraj ritrae la compiuta incompiutezza dell’uomo, dimostrandoci che la bellezza, talvolta, si trova nell’imperfezione.

IMG_0376

MUSICA

Tre concerti da non perdere GRATIS. Ecco dove

Da qualche anno l’Outlet La Reggia a Marcianise è un punto di riferimento per gli amanti della moda e del luxury accessibile. Tanti infatti i marchi haute couture che affollano le strade dello shopping center casertano, da Prada a Michael Kors, da Ralph Lauren a Hugo Boss, con un risparmio che può arrivare anche al 70% rispetto al normale prezzo di vendita al pubblico. Ma da un po’ La Reggia Designer Outlet, del gruppo canadese McArthurGlen, è anche un punto di riferimento non soltanto per chi ama l’alta sartoria di stile, ma anche per gli appassionati di musica.

Tanti infatti i concerti, squisitamente gratuiti, organizzati nel corso dell’estate degli scorsi anni, con nomi di spicco della musica nazionale ed estera, al punto di diventare un vero e proprio attesissimo appuntamento per chi ama la musica dal vivo e vivere l’atmosfera un po’ caprese che da sempre offre il suggestivo centro commerciale.

E anche quest’anno non poteva mancare l’appuntamento con #ModaMusica, questo il titolo della rassegna e l’hashtag ufficiale, che porta nella piazza principale del centro, tre grandi nomi della musica, quest’anno tutta italiana, per altrettanti imperdibili appuntamenti.

La-Reggia-Designer-Outlet1Ad inaugurare la stagione musicale ci saranno i Tiromancino, storica band dalle sonorità ricercate, che da oltre venticinque anni accompagnano gli italiani con quel sound non convenzionale. Guidati dal frontman Federico Zampaglione, si esibiranno sul palco degli eventi sabato 18 giugno alle ore 21, per uno speciale live da non perdere.

Sabato 16 luglio invece sarà la volta della graffiante voce di Giusy Ferreri, rivelazione di X Factor nel lontano 2008, che in poco meno di un decennio è diventata una delle voci più belle del panorama italiano, con un inconfondibile timbro vocale, che ci ha fatto amare hit come Non ti scordar mai di me, ma anche brani intimi come il sanremese Ti porto a cena con me, facendoci ballare la scorsa estate a suon della hit Roma-Bangkok in coppia con la rapper Baby K.

A chiudere idealmente questo ciclo di appuntamenti musicali dell’Outlet, sabato 6 Agosto, ci pensa il poeta menestrello Edoardo Bennato, che con i suoi brani ha spesso risvegliato le coscienze spingendo i suoi fan e ascoltatori a profonde riflessioni, con brani come Il Gatto e la Volpe, L’isola che non c’è e Le ragazze fanno grandi sogni, brani dal sapore fiabesco che hanno una morale più vera che mai.

Una stagione musicale molto ricca, quella de La Reggia, tre serate, durante le quali l’orario di chiusura sarà esteso alla mezzanotte, che coniugano moda e musica in perfetta linea con l’aria (f)estiva che si comincia già a respirare.

Per maggiori ecco il link

ART NEWS

Villa Rosebery apre al pubblico, visite 7 maggio – 11 giugno

Nota ai più come residenza del Presidente della Repubblica in Campania, Villa Rosebery è un monumentale complesso neoclassico che si affaccia sul mare di Napoli dalla collina di Posillipo. Costruita come residenza reale, la villa deve la sua origine all’austriaco Joseph Von Thurn, che nel 1801 acquistò dei terreni a Capo Posillipo con l’intento di farvi edificare una residenza di campagna circondata da un giardino.

A metà degli anni ’50 dell’ottocento la proprietà passa in mano a Luigi di Borbone, comandante della Real Marina del Regno delle Due Sicilie. La villa fu ribattezzata “la Brasiliana”, in onore di Maria Januaria, moglie di Luigi nonché sorella dell’imperatore del Brasile.

È in questo periodo che i giardini della villa vengono ampliati, con l’aggiunta di un vasto parco.

L’attuale nome, Rosebery, si deve all’ultimo proprietario, il britannico Lord Rosebery appunto, che l’acquistò da un banchiere francese nel 1897, dopo la cacciata dei Borbone in Francia, con i moti risorgimentali del 1860.

Lo statista inglese, ritiratosi a vita privata, acquistò la villa per farne un rifugio dal mondo, frequentato solo da una cerchia di pochi eletti e studiosi. È qui che il Lord si dedica alle sue attività preferite e a quelle più in voga, quelle di antiquario e collezionista, ampliando la sua galleria d’arte acquistando quadri e oggetti di pregio dagli antiquari napoletani.

Agli inizi del ‘900, Lord Rosebery riprese la sua attività politica, e, a causa anche degli ingenti costi di manutenzione della dimora, dovette cederla al governo inglese.

La Villa diviene da questo momento la residenza di rappresentanza e di villeggiatura degli ambasciatori inglesi in Italia.

Alla morte di Lord Rosebery nel 1929, i suoi eredi decisero di farne dono allo Stato Italiano, che a sua volta ne fece residenza estiva della famiglia reale. È qui che la principessa Maria José, moglie di Umberto di Savoia, dà alla luce Maria Pia, che diede il nome alla villa.

Negli anni ’40 la villa è residenza di Vittorio Emanuele III e della sua consorte Elena, che la abitano fino all’abdicazione in favore del figlio Umberto nel 1946, partendo per l’esilio. La villa è così requisita dagli alleati che le restituiscono l’originario nome di Rosebery. A partire dal 1957 rientra definitivamente tra le dimore del Presidente della Repubblica Italiana.

Attualmente è possibile visitare la villa nelle Giornate di Primavera del FAI. Ma i (potenziali) visitatori avranno due giorni in più per poterla visitare e scorgere i bellissimi interni con arredi di pregio e la struttura architettonica. Grazie ad una decisione del Presidente Mattarella infatti, si potrà vedere la residenza sabato 7 maggio e sabato 11 giugno, in occasione di due visite guidate di due ore, dalle ore 10.00 alle ore 16.30 con accesso ogni trenta minuti, per gruppi al massimo di trenta persone.