ART NEWS

Gli orsi di Paola Pivi per l’Art Week alla Rinascente di Milano

Ha un retrogusto anni ’90 qualche lavoro del nuovo progetto site specific che Paola Pivi ha realizzato per LaRinascente a Milano. Un’opera insolita che, in occasione della Art Week e del Salone Internazionale del Mobile, allestirà le vetrine del noto department store che affacciano su Piazza Duomo.

I am tired of eating fish, questo il titolo del concept, a cura di Cloe Piccoli, che vede dei variopinti orsi, alla scrivania o danzare tra colorati sfondi di oggetti d’uso quotidiano, occupare le otto grandi vetrine dello store milanese.

Un universo surreale, quello della Pivi, che nel 1999 ha anche vinto un Orso d’Oro alla Biennale di Venezia, che proietterà i passanti in un mondo governato da leggi dell’assurdo, dove tutto è capovolto e dove ogni cosa può succedere.

Tanti i riferimenti al mondo dell’arte e, inevitabilmente, a quel design squisitamente italiano e milanese in particolare, ma anche al lifestyle e al tempo libero, passando per la natura e il mondo del business.

Il progetto trasforma le vetrine dei Grandi Magazzini Milanesi in vere e proprie gallerie d’arte pubbliche.

Too Late, 1,2, cha, cha, cha, I love my ZiziI and I must stand for artI am a professional bear, I am busy today, Bad Idea: ognuno degli orsi ha un nome che è il frammento di una storia sospesa in un contesto non specificato e in un tempo imprecisato.

Un evento di grande arte contemporanea, che entra di diritto tra gli appuntamenti da non perdere, e gratuiti per giunta, dei “fuori salone” milanesi, che porta l’arte, è proprio il caso di dirlo, tra la gente in piazza.

La Pivi è una acclamata artista italiana nel mondo, che ha esposto le sue opere tra l’altro al MoMA di New York, alla Tate Gallery di Londra, ma anche a Francoforte e Shangai, e arriva con questa rassegna per la prima volta nel capoluogo lombardo, portando i suoi amati orsi dell’artista, vero marchio di fabbrica della sua poetica.

Dalla performance alla fotografia, passando per la scultura, sono tante le tecniche attraverso le quali l’artista esprime se stessa.

Quotate tra i 120 e i 230mila euro, ha realizzato anche alcune opere per la Fondazione Trussardi ai Magazzini di Porta Genova a Milano.

Il progetto per la Rinascente invece si compone prevalentemente di sculture e installazioni, che originano un allucinante mondo onirico, sospeso tra riflessione e lucida follia.

Annunci
ART NEWS

La bellezza delle donne imperfette: la grande lezione arriva dal Calendario Pirelli

Un tempo icona di bellezza e perfezione, il Calendario Pirelli è cambiato insieme alle donne che ogni anno rende immortali attraverso le sue eleganti foto.

Tendenza e spesso vera e propria fucina di nuovi e giovanissimi volti, ha visto negli anni posare per i suoi mesi bellezze ormai agée come l’attrice Sophia Loren e Patti Smith, che hanno dimostrato al mondo con i loro volti, lo charme e una maggiore consapevolezza di sé che la vera bellezza non ha età.

nicole-kidman-pirelli-calendar-2017-internettuale
Nicole Kidman, Calendario Pirelli 2017

E a giudicare dalle donne scelte per il 2017 ormai alle porte, deve essere ancora questo il concept che anima questa 53esima edizione: Nicole Kidman e Helen Mirren, Charlotte Rampling e Kate Winslet, Julianne Moore e Jessica Chastain. Donne bellissime, certo, ma lontane anni luce dalle filiformi ragazzine e modelle degli anni ’90 che facevano impallidire le donne e incantare gli uomini.

Oggi The Cal non è più soltanto una narcisistica ricerca di perfezione di cui far dono a selezionati clienti dell’omonima azienda di pneumatici italiana, ma una raffinata pagina di denuncia sociale.

Se i più maliziosi penseranno che sia facile per chiunque oggi posare con i ritocchi di Photoshop, sappiate che non è così. Firmato per la quarta volta da Peter Lindbergh, che ritorna dietro la macchina fotografica da solo dopo la speciale edizione per il cinquantenario con Patrick Demarchelier del 2014, racconta con coraggio queste donne del cinema senza gli artifizi del computer né quelli del make-up, mostrando ogni ruga, ogni bozzo, ogni segno del tempo che non è riuscito a scalfire il fascino di donne sempre bellissime.

Ci aveva già provato Monica Bellucci, che da una copertina di ELLE denunciava il troppo uso di Photoshop. L’aveva fatto Cindy Crawford, la bellissima topmodel degli anni ’90, che a cinquant’anni esatti ha sfidato le convenzioni posando in lingerie su Marie Claire senza l’aiuto digitale dei click, incurante di mostrare una pancia non più tonica o la pelle a buccia d’arancia.

In un’epoca di app, filtri, ritocchi a limite dell’umano e veri e propri abomini fotografici, il Calendario Pirelli insegna alle donne ad amarsi per quello che si è, e ad accettare il passare degli anni con serenità, senza rincorrere quell’eterna quanto innaturale giovinezza.

Il Calendario Pirelli dà così una lezione a tutte le donne e, in un momento storico come il nostro in cui persino il ritocco fotografico si è fatto democratico e alla portata di tutti, dice a gran forza che la vera ribellione oggi è quella di essere normali. A qualsiasi età.

Per maggiori informazioni:

http://pirellicalendar.pirelli.com/it/home