ART NEWS

L’eruzione di Pompei non fu il 24 agosto. Un’iscrizione oggi rivela la vera data

Che l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., quella che distrusse l’antica città di Pompei, non fosse avvenuta in agosto, ne avevamo avuto la percezione quando gli scavi hanno restituito frutta di stagione e altri indizi che non facevano pensare ad un mese caldo. Ma che gli stessi scavi potessero restituire concretamente la data esatta dell’accaduto, fugando ogni dubbio, questo proprio non lo immaginavamo.

Il ministro Alberto Bonisoli con il sovrintendente Massimo Osanna mostrano la scritta su un muro degli scavi di Pompei (foto ANSA/Ciro Fusco)

È stato annunciato questa mattina, da direttore del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna, insieme all’attuale Ministro della Cultura Alberto Bonisoli.

Un’iscrizione a carboncino avalla la tesi che l’eruzione fosse avvenuta ad ottobre. La scoperta riguarda la Regio V di Pompei, mentre l’iscrizione fa riferimento al sedicesimo giorno prima delle calende di novembre, che corrisponde dunque al 17 ottobre.

L’iscrizione a carboncino, trovata a Pompei, a supporto della teoria che la data dell’eruzione fosse ad ottobre e non ad agosto del 79 d.c., ANSA/ Ciro Fusco

A scriverlo un operaio bontempone che ha lo ha probabilmente scritto sul muro di una stanza che doveva essere in ristrutturazione proprio in quel momento, scrivendo la data all’interno di una frase scherzosa.

Già nel XIX secolo era stato il caldo di un ramo di bacche, che fa generalmente frutti in autunno, aveva destato qualche perplessità in merito alla datazione della famigerata eruzione che distrusse la cittadina pompeiana. Ma anche il rinvenimento di melograni e alcuni bracieri facevano presagire che gli ultimi giorni della cittadina romana non fossero proprio estivi o quantomeno caldi.

La Villa del Giardino portata alla luce durante i lavori di scavo al siro archeologico di Pompei dove e’ stata ritrovata anche l’ iscrizione a carboncino, trovata a Pompei, a supporto della teoria che la data dell’eruzione fosse ad ottobre e non ad agosto del 79 d.c., ANSA/ Ciro Fusco

Dopo tante speculazioni e ipotesi in merito oggi arriva finalmente la conferma, che sposta la data dal 24 agosto, convenzionalmente accettato dagli studiosi, al 17 ottobre del 79 d.C.

Una scoperta “straordinaria” la definisce il Ministro dei Beni Culturali, Bonisoli, che in una nota sottolinea che questi nuovi scavi rappresentano l’eccezionale competenza del nostro Paese.

Annunci
ART NEWS

Nicca Iovinella, tra arte contemporanea e classicità il 2 marzo al MANN

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli è un museo in continua evoluzione. Prosegue infatti il connubio, felice direi, tra archeologia e arte contemporanea, alzando di volta in volta il livello della qualità. Se finora il MANN ha ospitato nelle sue sale opere contemporanee in dialogo con le collezioni archeologiche, il prossimo evento è una vera e propria performance, per vivere appieno l’arte e il contatto con l’artista.

nicca-iovinnella-iam-mann-museo-archeologico-di-napoli-2017-internettualeSuccederà il 2 Marzo alle 18.30, quando le sale del museo adiacenti al giardino delle camelie si trasformeranno nella scena teatrale di Ancient Freedom, antiche libertà, di (e con) Nicca Iovinella. Una performance che, come la divinità greca Giano, incarna due anime: classica e contemporanea, corporea e digitale, naturale e artificiosa, in perfetta linea con il fil rouge del museo napoletano.

afrodite-venere-mann-museo-archeologico-nazionale-di-napoli-internettualeIl museo diventerà per l’occasione scenario bucolico dove l’artista indagherà temi cari alla sua poetica, come l’affermazione del sé, dell'”abitare”, delle “ferite” di un universo femminile più volte calpestato dalla volontà altrui. Un tema quanto mai attuale, e che diventa la perfetta occasione per festeggiare e celebrare degnamente in anticipo la festa della donna che ricade proprio a marzo.

La performance, che sarà ripresa in diretta, nasce in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e si trasformerà poi in una video-installazione, visibile fino al prossimo 2 aprile, attraverso un proiettore e schermi ad hoc.

Ad accompagnare la mostra un testo critico di Adriana Rispoli, che dice: «Come i grandi personaggi tragici femminili della mitologia – da Didone a Cleopatra, da Cassandra a Medea – Nicca interpreta (è) una donna dilaniata dallo sforzo di vivere e di affrontare le forti contraddizioni dell’animo umano. Indubbiamente Eros e Thanatos si fondono in quest’operazione polisemica, sintesi di un percorso di vita che diventa racconto universale».

La performance che Iovinella proporrà al pubblico dell’archeologico è, in un certo senso, la prosecuzione di I AM, esibizione tenuta dall’artista al Parco dei Camaldoli di Napoli nel 2014. Qui i sentieri di allora si fanno immaginari e immaginifici, i cui passi sono oggi scanditi da un nuovo ritmo, da una nuova consapevolezza, da quel vissuto, diverso da quello di ieri, che inevitabilmente continua ad influenzare il suo lavoro e la sua ricerca.

Una sola costante, due cappi: una corda appesa ad un ramo ed un secondo, invece, alato. Non ci sono particolari artifizi in scena, ma materiali semplici offerti dalla natura: foglie e rami.

Nicca penderà dalla corda, un gesto simbolico che disorienta lo spettatore, lasciandolo sospeso con lei in un groviglio sensoriale tra leggerezza e riflessione.

Durante la performance saranno proiettate su Nicca, vestita completamente di bianco, le figure di alcune delle Veneri acefale conservate all’interno del MANN: un omaggio alla scultura classica del museo, certo, ma anche un tentativo di storicizzare questa performance, che riecheggerà delle sofferenze delle donne, delle loro conquiste nel tempo, della sofferenza che si perpetua ancora dall’Antica Grecia ad oggi.

ART NEWS

Vermeer a Capodimonte: “la donna con il liuto” fino al 9 febbraio 2017 a Napoli

La prima cosa che salta agli occhi è il nuovo colore della sala del Museo di Capodimonte in cui è esposto Vermeer – Rosso cremisi scuro. Uno sguardo sul futuro, ci dice il direttore Sylvain Bellenger, che annuncia che anche tutte le altre sale abbandoneranno il biancore attuale per ritrovare gli originali colori di quando era una Reggia, e con essi il suo sfarzo, il lusso, i fasti del Regno di Napoli.

vermeer-la-donna-con-il-liuto-museo-di-capodimonte-napoli-internettualeLa sala è piena di giornalisti e blogger e appassionati d’arte. Tutti sono giunti al Museo di Capodimonte per La Donna con il Liuto del pittore fiammingo Vermeer. Un evento, un prestito eccezionale che arriva direttamente dal Metropolitan Museum of New York, e che da domani, 18 novembre, fino al 9 febbraio 2017 sarà esposto nella sala del primo piano del museo partenopeo.

Non si tratta di una mostra improvvisata, questa, ma è il frutto di una grande collaborazione tra il Museo di Capodimonte e i più grandi musei del mondo.

Vermeer, ci racconta Bellenger, è stato dimenticato per oltre tre secoli, e riscoperto da uno studioso francese, una sorte analoga a quella di Caravaggio. La memoria è una cosa fragile, la storia è una cosa fragile, ed eventi come questo devono preservarne il ricordo e perpetuarlo.

Quello della memoria non è il solo punto che l’artista fiammingo ha in comune con Caravaggio, ma i due artisti sono soprattutto dei maestri della luce. Di entrambi non conosciamo alcun disegno preparatorio, non li usavano, ed entrambi fanno della luce la vera grande protagonista della loro arte.

Silenziosa, misteriosa, quella di Vermeer è una pittura fatta di interiorità. La sua suonatrice, ad una più attenta analisi, non è bella, eppure risplende di una pacata intima bellezza, che si fa esteriore, che diventa, osservandola, bellezza formale.

L’artista del XVII secolo proietta l’osservatore dentro la camera oscura della sua arte attraverso la quale catturava il mondo che lo circondava, lo stesso in cui oggi ci permette di entrare.

La donna con il liuto è straordinariamente moderna. Suona, innalza il suo spirito attraverso la musica, forse sogna, come dimostra il suo sguardo rivolto verso la finestra, verso un “altrove” nascosto anche allo spettatore che con lei immagina.

jean-des-moulins-liuto-museo-di-capodimonte-internettuale
liuto di Jean Des Moulins, 1644
willem-bleau-carta-geografica-museo-di-capodimonte-internettuale
carta geografica di Willem Bleau, 1644

Alle spalle della donna una carta geografica traccia le conoscenze scientifiche del tempo, segno tangibile di una società attenta al tempo che cambia. Quella stessa carta la ritroviamo adesso sulla parete sinistra della sala, in una versione di Willem Bleau del 1644. Sulla destra invece trova posto anche un vero liuto, unico attribuibile dai tanti dettagli e dalla pregiata fattura, a Jean Des Moulins, appartenente alle collezioni del Musée Instrumental du Conservatoire di Parigi. Un’opera di riambientazione in cui lo spettatore vive le sensazioni che vanno oltre la vista, che si fanno materiali percezioni del mondo. Il liuto, sottile filo conduttore che lega le New York, Vermeer, Napoli, poiché già tradizione partenopea ed europea in generale.

Nella sala accanto opere contemporanee a Vermeer ritraggono donne dedite all’arte delle sette note. Autoritratto alla spinetta di Sofonisba Anguissola, Santa Cecilia in Estasi del napoletano Bernardo Cavallino, Santa Cecilia al Clavicembalo di Francesco Guarino e Santa Cecilia all’organo e angeli musicanti e cantori di Carlo Sellitto. Capolavori della pittura napoletana, che mostrano quanto quello musicale fosse un tema ricorrente nella pittura italiana del XVII secolo.

Alla presentazione, grazie alla collaborazione con il Conservatorio di Napoli, la stampa ha potuto assistere ad un concerto di voce e strumenti a corda, che hanno permesso ai presenti non soltanto di vivere l’atmosfera del tempo, ma anche il delicato suono del liuto. Suggestioni, suoni, profumi degli strumenti di un’epoca di cui la sala di Capodimonte s’è fatta portale.

Ci si aspetta sempre, da un’opera così nota, che sia anche grande. Invece la prima cosa che colpisce lo spettatore sono le piccole dimensioni del dipinto. Eppure l’emozione di un quadro che ha attraversato l’Oceano per dar vita a qualcosa di unico è intensa. Vedere con i propri occhi i pigmenti di colore, le ombre che, al pari della luce, restituiscono la fotografia di un momento.

Grazie alla Regione Campania non ci sono maggiorazioni sul biglietto di ingresso, il cui costo resta invariato.

Grande novità di questa mostra è il supporto di un’APP. I tempi cambiano e i musei cambiano con loro. Per avvicinare un pubblico giovane, ma anche per dare una più ampia visione dell’opera, il Museo di Capodimonte, in collaborazione con ARM23, ha creato l’app omonima della rassegna, Vermeer a Capodimonte, disponibile per dispositivi iOS e Android. L’applicazione, grazie ad un riconoscimento delle stesse immagini attraverso una scannerizzazione digitale, ci restituirà delle informazioni in realtà aumentata che difficilmente riusciremmo ad avere da soli.

ART NEWS

Gli indefiniti volti del potere di Galliano fino al 30 novembre alla NEA di Napoli

daniele-galliano-spazionea-napoli-were-gonna-a-real-good-time-together-internettualeSono poche le opere capaci di diventare un simbolo in così poco tempo. Tra queste c’è We’re gonna have a real good time together di Daniele Galliano, alla galleria Nea in Via Costantinopoli a Napoli.

Incuriosito dalle foto che continuavo a vedere su instagram, sono stato ieri allo spazio NEA ignaro che l’esposizione fosse soltanto fino al 30 ottobre. Per mia fortuna però il grande successo di pubblico, che avevo già percepito sui social, ne ha permesso la proroga fino al prossimo 30 novembre, così mi sono ritrovato anche io di fronte ai tanti volti indefiniti dell’artista piemontese.

A curare la mostra per la galleria napoletana di Luigi Solito è Graziano Menolascina.

In un mondo, quello odierno, fatto soprattutto di immagine, di fotografia, di social, Galliano priva i suoi ritratti delle fattezze volto, dell’identità, di quei tratti somatici che consentirebbero all’osservatore di distinguere gli uni dagli altri. E invece eccoli lì, tutti uguali in quelle giacche e cravatte che indossano come maschere o come armature, ma sempre per fingersi ciò che nemmeno lontanamente sono o saranno.

Sono i politici, i bancari, gli affaristi, gli uomini di potere che da secoli governano il mondo, mentendo, simulando, dissimulando. Volto e anima scivolano via, lasciando lineamenti indefiniti. È il momento della loro dissoluzione, che l’artista cattura come grido di protesta sociale.

Un’indagine, quella di Galliano, non soltanto artistica, ma sociologica, che va a colpire proprio quei punti della strategia comunicativa su cui ogni uomo di potere, e dunque di immagine, si finge altro da sé innalzandosi a modello per la società: identificazione, individuazione, imitazione e interiorizzazione.

Con la prima l’uomo fa riferimento a figure e modelli rispetto ai quali si sentirà uguale, creando un “noi”, che possa essere inteso come famiglia, patria, come gruppo di pari, via via ad arrivare all’intera umanità.

L’individuazione invece è quel processo con cui il soggetto fa riferimento alle caratteristiche che invece lo distinguono dagli altri, lo rendono unico, interponendo una barriera tra sé e il mondo. Attraverso il processo dell’imitazione, intesa come riproduzione conscia e inconscia di modelli comportamentali, l’individuo si muove in maniera differente in uno specifico contesto sociale. Infine l’interiorizzazione è quella fase in cui l’individuo fa suoi questi modelli, questi comportamenti, questi meccanismi sociali creando una ben precisa immagine di sé stesso, come prodotto finale di un processo, quello dell’identità, che è contestuale e relazionale.

Privando gli individui del loro volto, di questa identità costruita su di una precisa strategia, Galliano depaupera i suoi uomini del loro potere di manipolazione della società, della loro capacità di finzione per ottenere voti, denaro, tornaconti personali.

I 70 ritratti dell’artista, oli su carta che vengono a comporre un’opera unica, si amalgamano tra loro per l’armonia delle forme e dei colori, dando la sensazione allo spettatore di osservare una moltitudine in lontananza, senza una reale percezione e capacità identificativa, quasi a lasciare implicitamente intendere che ognuno di questi uomini, come in un sottile gioco di specchi e riflessioni, potrebbe essere, nel suo piccolo contesto societario, ognuno di noi.

Per maggiori informazioni:

www.spazionea.it

CINEMA

Rings: Samara di nuovo al cinema nell’era di internet 2.0

L’ultimo decennio cinematografico è senza dubbio quello dei reboot. Da Spiderman a Superman, da Jurassic Park ai Ghostbusters sono tantissimi i franchise al cinema mutuati da vecchie saghe cui provano a ridare vita le nuove reclute di Hollywood. A metà strada tra remake e sequel sono i film che giovano delle nuove tecnologie: dal bianco e nero ai colori, dall’alta definizione al 3D, in una storia della cinematografia che si perpetua dalla notte da sempre.

L’ultimo arrivato in questo filone è Rings, dal 10 novembre al cinema, film tratto dall’originario The Ring del 2002 con Naomi Watts, a sua volta omologo di una originale serie di film nipponici Ringu di Hideo Nakata, che ne diresse anche il sequel statunitense, e di cui questa nuova pellicola si propone a sua volta come ideale seguito.

matilda-anna-ingrid-lutz-in-rings-2016-internettuale
l’attrice Matilda Anna Ingrid Lutz in una scena di Rings (2016)

La storia ruota intorno a Julia, interpretata dalla giovane Matilda Lutz, che già dal 15 settembre al cinema al cinema con L’Estate Addosso di Gabriele Muccino.

Invariata la storia, cambia la tecnologia. I protagonisti della pellicola dopo aver visto un filmato dal significato oscuro ricevono una telefonata che gli darà sette giorni di vita. Ma qui non ci sono più tubi catodici e nastri VHS. Samara, questo il nome dello spirito che perseguita gli spettatori della clip, entra nell’era dell’internet 2.0. Il video adesso si diffonde tramite un link inviato via mail da un mittente sconosciuto.

Omaggio alla vecchia saga dei primi anni 2000, un vecchio, quanto un po’ dissonante telefono a rotella, che emette il fantomatico quanto terrificante squillo della chiamata della morte: “sette giorni”.

Nuovi effetti speciali per una escalation del terrore che i trentenni ricorderanno già sul volto della Watts, che qui gioca al rialzo, fino a trasformare il video di Samara in un fenomeno virale che si propaga senza controllo su ogni mezzo di comunicazione. Tablet, televisori ultrapiatti, persino gli schermi sui sedili di un aereo che si incendia e precipita.

Rings, secondo le prime immagini diffuse dal trailer della Universal punta sulla spettacolarizzazione del terrore, facendo di Samara una piaga sulla terra in cerca di vendetta, in un film, meno thriller e più horror, che ricalca un po’ lo schema, quello del pericolo di morte ad ogni angolo, di un’altra saga dell’orrore, Final Destination.

Insieme alla giovane Lutz, ritroviamo Vincent D’Onofrio, già volto del serial Law & Order: Criminal Intent.

Rings è la rilettura contemporanea di quello che ormai è un classico dell’orrore, l’opportunità per scoprire cosa succede spostando la storia di quindici anni in avanti, e cosa ha ancora da dirci Samara Morghan dall’oltretomba.

Uncategorized

Notte di San Lorenzo, ecco dove nasce la tradizione di guardare le stelle cadenti

10 Agosto, notte di San Lorenzo. Appuntamento immancabile per tutti i romantici e gli amanti dell’astrofisica. È questa notte infatti il momento tradizionalmente migliore per osservare le stelle cadenti anche ad occhio nudo.

Conosciute anche come lacrime di San Lorenzo, in onore del martirio sui carboni ardenti del santo, si tratta delle Perseidi, uno sciame di meteore che la Terra si ritrova ad attraversare durante il periodo estivo, visibile a partire dalla fine di luglio fino al 20 agosto, il cui picco è proprio nei giorni del 10-12. Forte del cielo sereno estivo, il fenomeno è spesso visibile anche alle nostre latitudini.

A dare origine a questo fenomeno sarebbe stata la cometa Swift-Tuttle che, con il suo nucleo di 10 km, ha avuto un passaggio al perielio, ovvero il punto di distanza minima di un corpo vicino alla Terra, nel 1992. Per il prossimo invece si dovrà aspettare il 2126.

Quelle che noi erroneamente chiamiamo stelle cadenti, osservandole incantati, sono in realtà particelle rilasciate durante le passate orbite della cometa.

Il nome Perseidi è dovuto al fatto che esse si trovano nei pressi della costellazione di Perseo, e si dirigono dalla costellazione di Cassiopea a quella della Giraffa.

cielo stellato porpora san lorenzo stelle - internettualeLe prime osservazioni delle Perseidi sono state fatte dai Cinesi nel 36 d.C.

Tante le tradizioni legate a questo fenomeno, alcune delle quali di epoca molto antica, come quella della Grecia, che lo associa alla Trasfigurazione di Cristo, generalmente celebrata il 6 agosto. Ma già in epoca romana si attribuiva questa fenomenologia alla divinità Priapo, dio dell’abbondanza, il quale con questo gesto fecondava i campi.

Fu la Chiesa cattolica a incanalare queste tradizioni pagane verso la figura cristiana di San Lorenzo. La scelta sarebbe inizialmente caduta per una questione fonetica, poiché il nome del santo suonava simile a quello della controparte femminile di Priapo, Larentia, festeggiata anch’essa la notte del 10 agosto.

Un rito dunque quello di alzare il naso per rimirare le stelle che continua a ripetersi dalla notte dei tempi, affascinando anche le generazioni moderne che continuano ad esprimere desideri a queste stelle che attraversano il nostro cielo portando la speranza di vederli presto realizzati.

CINEMA

Arriva al cinema per Disney-Pixar l’attesissimo “Alla ricerca di Dory”

Finding Dory Poster - internettualeTredici anni, un Oscar e 94milioni di euro dopo, arriva nelle sale cinematografiche statunitensi l’atteso seguito di Alla ricerca di Nemo, film d’animazione Disney-Pixar del 2003. Se nel primo capitolo della saga il pesce pagliaccio Marlin cercava suo figlio aiutato dalla smemorina Dory, pesce chirurgo blu dalle strisce gialle, nel secondo film è proprio la piccola Dory a smarrirsi e finire in un acquario. Alla ricerca di Dory, questo il titolo del film, sarà invece distribuito al cinema nel nostro paese a partire dal prossimo 15 settembre. La pellicola è arrivata oggi in anteprima al Giffoni Film Festival, a Salerno, e subito è ritornata la (nostalgica) magia di tutto il mondo, subacqueo s’intende, del piccolo Nemo e dei suoi amici, e della smemorata Dory che, con la sua perdita di memoria a breve termine, a tratti irritante, a tratti divertente, a volte persino tenera è riuscita a conquistare la platea di giovani campani accorsi al festival dedicato alle produzioni per giovanissimi.

In questo film Dory sarà alla ricerca di se stessa. Spinta da un improvviso barlume di memoria in cui ricorda di avere già una famiglia, la pesciolina attraverserà di nuovo l’Oceano per andare alla ricerca delle sue radici, smarrendosi in una nuova rocambolesca avventura accompagnata da nuovi esilaranti amici.

Il pesciolino Marlin ritroverà la voce dell’attore Luca Zingaretti, volto storico del Commissario Montalbano, mentre la pesciolina Dory sarà doppiata dall’attrice Carla Signoris, uno dei volti del film Maschi contro Femmine.

Il film Disney, con una nuova colonna sonora di Thomas Newman e la cover di Unforgettable registrata per l’occasione dalla cantante Sia, è un dramedy, in cui i momenti di tenerezza e dramma saranno affiancati quelli ironici e divertenti. La pellicola è una metafora che spinge lo spettatore a riflettere sulla diversità, e su quanto questa possa spesso essere un valore aggiunto, che arricchisce ognuno in uno scambio di esperienze e emozioni.

CINEMA

Le prime immagini di “The Young Pope”, la serie del premio Oscar Sorrentino con Jude Law

Si preannuncia come una delle serie televisive più attese della prossima stagione. Non solo perché è la nuova fatica filmica del premio Oscar Paolo Sorrentino, alle prese con un nuovo cast internazionale dopo YOUTH – La Giovinezza, ma per la controversa tematica sulla vita immaginaria di Papa Pio XIII, interpretato dall’attore Jude Law, primo pontefice americano alle prese con una Chiesa divisa tra modernità e tradizione.

The Young Pope, questo il titolo, è una coproduzione internazionale in otto puntate, che a Sky Atlantic vede affiancarsi emittenti di prestigio come la americana HBO, e la francese Canal+, per una prima visione, dal prossimo 5 ottobre, in contemporanea in Italia, Inghilterra, Irlanda, Germania, Austria e Francia.

Insieme al due volte nominato all’Oscar Jude Law, il premio Oscar Diane Keaton nelle vesti, anzi nell’abito, di Suor Mary e il nostrano Silvio Orlando nei panni del Cardinale Voiello.

The Young Pope Paolo Sorrentino Law trailer - internettualeLa trama ruota intorno alla controversa elezione del giovane e affascinante Lenny Belardo, che sale sul soglio pontificio in un’elezione che sembra più un gioco di immagine mediatica che non una missio spirituale per la comunità ecclesiastica.

A far da sfondo alla vicenda il Vaticano ed un manipolo di uomini di Dio che mostreranno quanto le apparenze a volte possano ingannare o che, più propriamente, l’abito non fa decisamente il monaco, e nemmeno il cardinale.

Lo stesso Pio XIII si rivelerà più misterioso e controverso di ogni altro. A rivelarlo sono già le prime immagini del trailer diffuse oggi sul sito ufficiale Sky, dove è lo stesso pontefice-Law a dire di sé stesso: «Sono una contraddizione. Come Dio, uno e trino. Come Maria, vergine e madre. Come l’uomo, buono e cattivo».

INTERNATTUALE

Oggi è il “Blue Monday”, il giorno più triste dell’anno

Se c’è un giorno in cui siete legittimati a rintristirvi con Hello di Adele e tutta la discografia di Lana Del Rey, questo è senza dubbio quello ideale. Si chiama “Blue Monday”, e se oggi vi sentite un po’ giù è probabilmente colpa di questo “fenomeno” di pseudoscienza. Cade generalmente il terzo lunedì di gennaio ed è considerato il giorno più deprimente dell’anno. Il concetto è stato introdotto dieci anni orsono dalla compagnia di viaggio Sky Travel, che lo pubblicò nel 2005 come parte di uno studio, asserendo di aver utilizzato un’equazione per il suo calcolo.

Lo studio, la cui storia è molto controversa, sarebbe opera di Cliff Arnall, ai tempi tutor del Centre for Lifelong Learning, un dipartimento che collaborava con la Cardiff University.

Secondo un comunicato stampa della Sky Travel, la prima data dichiarata era quella del 24 gennaio, poiché tale giorno si credeva oscillasse anche tra il secondo e quarto lunedì del primo mese dell’anno.

ART NEWS

Pompei all’ombra del Vesuvio: una mostra gratuita per riscoprire i luoghi e la vita quotidiana

C’è un po’ di Pompei in Canada. Per la prima volta, infatti, è stata allestita una mostra sull’antica cittadina romana, sepolta dal Vesuvio nel 79 d.C. Pompeii in the shadow of the volcano, Pompei all’ombra del vulcano, questo il titolo dell’evento che dallo scorso giugno ha già totalizzato 200.000 visitatori.

Sono oltre duecento i reperti archeologici esposti per la prima volta sul suolo canadese, tra statue, mosaici, dipinti, marmi, bronzi, ceramiche, gioielli, monete, per un percorso espositivo che intende indagare e mostrare la città romana a trecentosessanta gradi. Mostrandone l’arte, la vita quotidiana, la morte. Sì, perché in questa grandiosa esposizione non mancano i calchi delle vittime dell’eruzione che, all’eccezionalità di aver fotografato l’istante in cui il Vesuvio ha sfogato la sua collera sui pompeiani, si avvalgono per questa occasione delle più avanzate tecnologie. Non si tratta infatti dei calchi originali, ma di ricostruzioni tridimensionali ottenute con la tecnica della stampa 3-D.

Ma Pompei è protagonista di un altro importante evento, questa volta nel centro culturale Villa Regina, adiacente all’Antiquarium di Boscoreale, che dal 27 novembre al prossimo 25 gennaio, ospiterà una mostra omologa a quella canadese, Pompei e Ercolano vita all’ombra del Vesuvio, ma, questa volta, squisitamente virtuale: 450 metri quadri di percorso espositivo in cui, grazie a venti videoinstallazioni interattive, sono stati ricostruiti i luoghi della vita quotidiana degli abitanti della Costa del Vesuvio. Particolare attenzione ai luoghi simbolo delle città vesuviane, alle domus fino alla terribile eruzione che le rase al suolo.

Un’occasione per riscoprire il fasto e il decadimento di uno dei siti archeologici più suggestivi al mondo, resa ancor più eccezionale dall’ingresso gratuito.