LIFESTYLE

Blowhammer, brand dello urban-style italiano

Quando indossi una t-shirt Blowhammer è come sentirti avvolto da un morbido abbraccio. È così che mi sono sentito indossando una maglietta che, ne sono sicuro, sarà senza dubbio il trend di questa estate e senza dubbio un must da indossare per sentirsi alla moda. Non solo perché il brand ha dedicato la stampa di un modello di punta ad una scimmia, sdoganata da Gabbani un po’ su tutte le reti, ma anche perché l’ha declinata in un colore a metà tra l’azzurro e l’acquamarina, cui fa da sfondo un intenso antracite.

Blowhammer è un giovane brand italiano che nasce proprio nel maggio del 2013 e si è proposto di creare uno stile underground distante da quello statunitense/estero cui siamo abituati, ma che avesse personalità e carattere e di distinguesse per la sua italianità.

Mi sono divertito molto ad andare in giro per la città avvertendo questa sensazione di indossare qualcosa di originale ed esclusivo eppure allo stesso tempo alla moda e giovane. Mi sono cimentato nel fare qualche scatto nel centro storico di Napoli, a due passi da San Gregorio Armeno, coniugando questo stile urban con la storia della città di partenope.

A creare questo marchio sono stati tre giovani poco più che ventenni, uniti soltanto da passione, entusiasmo, determinazione. Erano scarse le possibilità di investimento in promozioni e campagne e si riassumevano per lo più nel passaparola dei social. Facebook soprattutto, ma anche Instagram.

Dal 2014 però il fatturato del brand è cresciuto di oltre il 1000%, passando dai 5 dipendenti iniziali alle 25 figure professionali che con lo stesso entusiasmo e la stessa passione continuano a dare vita ai prodotti che oggi è possibile acquistare on-line.

Il risultato sono collezioni che prendono spunto anche dalla natura, dagli animali, dall’arte fondendo opere quali il David di Michelangelo a forme e geometrie moderne, o ricreando con scimmie e colori giochi a metà strada tra moda urbana e pop-art.

www.blowhammer.com

LIFESTYLE

Drunknmunky, il nuovo must have della stagione

Se Gabbani ha sdoganato la scimmia nuda che balla all’ultimo Festival di Sanremo, quella di DrunknMunky ha scelto invece di essere una scimmia ubriaca, di vita forse.

Sì, perché lo slogan di questo brand è BE RILEVANT, sii rilevante. Non presuntuosamente importante o migliore, ma rilevante. Di rilievo. Di chi si fa notare, ma con discrezione. È così che mi sono sentito quando ho indossato le mie Boston Classic Navy-Gray la prima volta, cogliendo appieno l’essenza di questo motto.

le mie nuove DrunknMunky Boston Classic Navy-Gray

Quando calzo le mie scarpe quasi non le sento tanto sono comode e leggere, il che ha del prodigioso se si considera che me le hanno spedite per posta e non le avevo mai provate prima, ma che conferma che acquistarle anche attraverso il loro sito ufficiale, www.drunknmunky.it, si può. Ed è davvero ampio il loro sito web, con una scelta che spazia per contenuti e forme, passando con nonchalance dalle scarpe all’abbigliamento.

DrunknMunky è un brand di prim’ordine nella produzione dello urban style, con un vasto universo di modelli e colori, abbracciando tanto gli uomini che le donne, arrivando ai bambini.

Stile fresco, moderno, che può fare la gioia dei giovanissimi fino ad abbracciare un pubblico più ampio.

È bello anche da vedere il logo della sinuosa scimmia stilizzata sulla parte esteriore della scarpa o sagomato sotto la suola, donando un movimento a tutta la linea della scarpa.

il logo DrunknMunky
a spasso per Napoli con le mie DrunknMunky

Ho passeggiato con le mie Monky tutto il giorno per le strade di Napoli, e mi sono sentito libero come su di un prato a piedi nudi. Grazie a queste scarpe ho attirato non soltanto l’occhio dei più attenti alle mode, che me le hanno subito invidiate, ma anche di chi ha notato il confort di sentirmi liberamente me stesso, a mio agio.

Comode, su misura per me. Scarpe che non soltanto sono belle da vedere, ma confortevoli da indossare e, moda a parte, credo sia anche questa l’arma vincente di un brand che ha fatto della sua mission stile e qualità.

DrunknMunky è un brand che qualsiasi fashionblogger non può permettersi di non indossare, suggerire, stilizzare nei propri outfit. Con i suoi materiali sempre più tecnologici, tecniche avanzate di produzione come la termosaldatura e le sperimentazioni grafiche, DrunknMunky ha creato una collezione che coniuga qualità e moda, con un total look deciso, che include anche colorati capi di abbigliamento, di carattere. Scarpe che sono già un must di stagione, per tutti coloro che vogliono essere cool, ma, soprattutto, relevant.

www.drunknmunky.it

LIFESTYLE

E. Marinella lancia “Archivio”, la nuova collezione di cravatte vintage

Nato nel 1914 da Eugenio Marinella a Napoli, l’omonimo brand di cravatte artigianali, E. Marinella, si è trasformato in breve tempo in un vero e proprio must per i gentiluomini dell’aristocrazia partenopea, esportando il proprio stile in tutto il mondo dalla bottega in Piazza Vittoria a Napoli. Oggi allo storico negozio nella città del sole, si affiancano altri cinque monomarca nel mondo, da Milano a Londra, da Lugano a Tokyo, e con reparti in store che varcano l’oceano, fino ad arrivare negli Stati Uniti, attraversando tutto il vecchio continente.

Lo stile di Marinella era fortemente influenzato dalle tendenze della moda uomo britannica. Nel tempo però l’assunzione di artigiani camiciai parigini, ha permesso al marchio di insegnare le proprie tecniche di produzione del suo modello.

Dal 1999 è Maurizio Marinella a tenere il timone di un’azienda che oggi è un vero marchio di lusso della moda uomo mondiale, che vede il suo centro operativo ancora oggi sorgere sulla Riviera di Chiaia di Napoli.

e-marinella-cravatte-collezione-archivio-2016-internettualeSono tanti i politici e gli uomini illustri e regnanti che hanno indossato e indossano creazioni Marinella: dall’ex Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton a Silvio Berlusconi, da Gianni Agnelli alle teste coronate come Carlo d’Inghilterra, il Re Juan Carlos di Spagna o il Principe Alberto di Monaco.

Non solo cravatte. Oggi la linea-uomo Marinella comprenda borse, orologi, colonia, accessori e gemelli per vestire un uomo che esige la qualità dell’artigianato che si evolve senza dimenticare le proprie origini, e aggiungendo, ad un universo popolato solo da uomini, accessori, profumi, sciarpe e borse anche per la donna che, al pari del suo uomo, sogna di indossare lo stile, squisitamente napoletano, di un’opera d’arte che si fa moda senza tempo.

Oggi Marinella riscopre le proprie origini, lanciando una nuova linea di cravatte realizzata con fantasie vintage che vanno dagli anni ’30 al 1980, rinvenute nell’archivio di Napoli. È da qui che nasce la collezione ARCHIVIO, che è indaga il recupero dei materiali dell’antica boutique napoletana, realizzando veri e propri oggetti di culto da indossare e collezionare.

Marinella lancia questa nuova collezione con uno spot su YouTube che è un vero inno alle proprie origini, al barocco e ad una città, Napoli, che ha portato con orgoglio nel mondo.

Stampate su seta lavorata a mano, le fantasie sono state rinvenute da Maurizio Marinella in uno dei suoi viaggi in Inghilterra, dove suo nonno Eugenio e poi suo padre Luigi si recavano personalmente per scegliere fantasie e tessuti con cui erano realizzate camicie e cravatte: «È stato commovente trovare questo tesoro nascosto, una testimonianza tangibile della nostra lunga tradizione – ha raccontato Maurizio – non ho potuto fare altro che utilizzare queste fantasie per dar vita ad una collezione unica ed irripetibile, un vero must per gli amanti della moda e del vintage».

INTERNATTUALE

Instagram: da Forbes i dieci migliori consigli per aumentare la visibilità e i follower

Come si fa ad avere successo su instagram?

In un momento storico in cui il lavoro ristagna, è internet la vera gallina dalle uova d’oro. Sono in molti infatti a domandarsi come avere successo on-line. YouTube, blog, facebook sono i social deputati a cercare fortuna e fama, con la speranza di riuscire a incanalare il giusto flusso di follower. Tra i più gettonati instagram, il social dedicato alle sole fotografie, che si è trasformato negli anni nel vero alleato di fotografi e fashion blogger. Qui in molti provano a trovare la popolarità postando le proprie immagini, provando, puntualmente, quel senso di frustrazione e impotenza che arriva quando la propria immagine staziona intorno ad una decina scarsa di like.

Per coloro che hanno avuto la fortuna di iscriversi agli albori del 2010, anno di nascita del noto social network, le cose erano molto più facili. I diversi algoritmi e la poca diffusione sui soli utenti iOS (ovvero iPhone) ha fatto sì che i “pochi” profili potessero accrescere immediatamente di popolarità, ricevendo un bel po’ di like e follower.

Dall’aprile del 2012, quando instagram si è aperto anche ad Android, le cose son un po’ cambiate. Gli utenti erano circa 25.000.000 e riuscire a farsi notare era un po’ più complicato.

Non bastavano più le classiche foto di gattini e tramonti: instagram si è trasformato in una piattaforma con del potenziale.

Oggi gli iscritti sono circa 300.000.000 con una media di 95.000.000 di foto condivise al giorno. Difficile dunque in un oceano fotografico come questo riuscire a catturare l’attenzione dei tanti.

Cominciamo subito col dire che non esiste una formula magica. Diffidate dunque da video, tutorial, trucchi ed espedienti vari. Ma sfatiamo subito un altro mito: le sole foto belle da sole non bastano.

In molti infatti dicono che bastino delle belle foto a creare un naturale engagement con il vostro profilo. Se fosse vero, i fotografi professionisti allora avrebbero tutti una corsia preferenziale. La verità è che molti profili oggi COMPRANO un pacchetto di utenti e di like dai BOT.

instagressUno dei più noti è instagress, sito attraverso il quale è possibile sottoscrivere un pacchetto in abbonamento, automatizzando commenti, like e follow su hashtag o geolocalizzazioni precise. È questo il “robot” che lavora al vostro posto facendo girare il vostro profilo. Sì, perché si stima che ogni cento like ci siano sei nuovi utenti in più che decidono di seguirvi.

Ma abbonamenti a parte, quali sono le “tecniche” per avere una maggiore visibilità?

La prima regola è non postare foto altrui. Se condividete la foto di Mario Testino o di Bar Rafaeli augurandovi che il loro nome apporti un maggior flusso sul vostro profilo, vi sbagliate. La prima regola è quella di essere originali: uno scorcio, una strada, una via, persino un banalissimo caffè, purché vostri, saranno senza dubbio più efficaci della foto rubata da internet e condivisa per puro amore o spirito di emulazione.

NO a gattini. Il gattino può apportare un po’ di like in un singolo post, ma se il vostro profilo è costellato di gatti alla lunga stancherà e anche i seguaci che avete conquistato vi “defolloweranno”.

NO a selfie selvaggi. A meno che voi non siate Mariano Di Vaio in Armani o Belen Rodriguez a Formentera, è inutile postare un vostro selfie ogni tre ore per dire cosa state facendo, sperando che la vostra faccia abbagliata da filtri sia notata.

instagram app LG telefonia - internettualeQualche consiglio per tentare di incrementare il proprio traffico arriva dalla rivista di economia e finanza statunitense Forbes che ha svelato 50 tips. Ecco i dieci migliori:

  1. Usare degli hashtag di scambio. È probabilmente la prima regola, quella di ricorrere agli ormai consueti #FF, #instafollow, #l4l, #tagforlikes e #followback per far capire agli utenti che like e follow saranno ricambiati (e ricambiateli).
  2. Mettete like alle foto degli altri utenti, interagendo. Neil Patel ha infatti stimato che ogni 100 like ci sono più di sei nuovi utenti che vi seguono.
  3. Mettete almeno 100 like al giorno random. Secondo una stima approssimativa, sono 6.1 utenti in più ogni cento mi piace che mettete.
  4. Utilizzare gli hashtag più usati per risalire nella ricerca come #love, #instagood, #tbt and #photooftheday
  5. Il sito americano consiglia di postare alle 2 del mattino o 5 del pomeriggio; in Italia gli orari migliori sono le 14.00 e le 19.00
  6. Molti sottovalutano il potere delle didascalie, ma una bella descrizione della vostra immagine più riuscire a creare engagement più di un hashtag. Includete anche qualche domanda per creare interazione.
  7. Postate di domenica. Il sito di economia e finanza consiglia la domenica come giorno per avere una maggiore visibilità; mentre le immagini postate il mercoledì creano molto più engagement.
  8. Siate consistenti. È inutile postare mille immagini che non hanno nessuno scopo se non quello di condividere l’ennesimo inutile selfie o foto fatta per caso. Fate capire che i follower contano per voi, postando cose interessanti da vedere.
  9. Seguite le persone suggerite, seguite quelle con interessi comuni ai vostri, condividete il vostro profilo sui vostri canali social. Fate rete. Si tratta di un social, quindi social(izzate).
  10. Non eccedete con i filtri: se sono stati proprio i filtri ad aver fatto la fortuna di instagram all’inizio, oggi, paradossalmente, in controtendenza pare che siano proprio le foto senza filtri quelle che creano un maggior interesse.
Uncategorized

Ecco perché “Dolce & Gabbana” (non) ama Napoli

Il loro hashtag da qualche tempo è #DGLovesNaples, ovvero Dolce & Gabbana ama Napoli, ma non è vero. Per celebrare il suo trentennale la nota maison italiana ha deciso di festeggiare nel centro storico del capoluogo partenopeo, organizzando party e sfilate delle nuove collezioni e confermando la presenza di cinquecento selezionatissimi VIP, da Madonna a Sophia Loren, per un’allure ancora più esclusivo e glamour.

Un evento senza precedenti partito ieri, giovedì 7 luglio, e che si concluderà domenica 10. Per l’occasione il duo della moda siciliano più famoso al mondo ha voluto il Museo Villa Pignatelli, la zona dei Decumani, quella di San Gregorio Armeno e San Biagio dei Librai, il Castel dell’Ovo e Borgo Marinari e il noto Bagno Elena a ridosso del maestoso Palazzo Donn’Anna. Location suggestive, a metà tra barocco, storia e italianità in perfetta linea con lo stile D&G e con la nuova collezione che, dicono, è un omaggio a Sophia Loren, tesimonial D&G e madrina d’eccezione dell’evento, e alla stessa Napoli.

Ma Dolce e Gabbana amano davvero Napoli o questa è solo una strategia di marketing per un ritorno d’immagine della casa di moda messa un po’ in ombra da scandali finanziari e dichiarazioni sopra le righe sulla famiglia tradizionale?

Domenico Dolce e Stefano Gabbana celebrano Napoli, è vero: si fanno foto e selfie con gli artigiani della città e gli abitanti di quel quartiere che anche loro hanno deciso di “abitare” per qualche giorno, eppure, fermati da telecamere e giornalisti, sembrano non aver molto da dire a quella Napoli e su quella Napoli cui tanto dicono di essersi ispirati, se non un banalissimo e forse anche un po’ imbarazzato “Forza Napoli!”.

Passeggiano per le strade della città in mezzo a quella gente che hanno deciso di tagliare letteralmente fuori dal loro evento.

Un microorganismo che si insedia e rifiuta l’osmosi. Durante questi quattro giorni infatti le strade di Napoli sono blindatissime, con la sola eccezione dei residenti. Passanti e persino turisti non avranno la possibilità di scoprire e visitare quella Napoli che magari potrebbero vedere una sola volta nella loro vita. A cosa valgono dunque gli agenti preposti in lingua straniera per spiegar loro cosa sta succedendo? La verità è che un NO resta tale, in qualsiasi lingua, e che Dolce e Gabbana (non) ama Napoli.

Dolce e Gabbana ama Napoli, la ama come grandiosa location, ma preferisce tenere i suoi abitanti fuori, lontani, estranei ad un evento che in qualche modo non riguarda i napoletani, ma solo la loro città.

Dolce e Gabbana Napoli - internettualeGli stessi negozianti delle zone interessate si domandano a cosa serve restar aperti se non vi saranno passanti e turisti proprio in alta stagione ad acquistare la loro merce, annusando il mero scopo scenografico della presenza delle loro botteghe all’interno di questo grande carrozzone mediatico.

Dolce e Gabbana Napoli 2016 - internettualeCerto, per Napoli c’è lo charme, il ritorno di un’immagine a metà strada tra Mangia Prega Ama e La Grande Bellezza e la moda italiana che prepotentemente ne fa, per quattro giorni, una delle capitali dell’haute couture. Ma ci si chiede se tanta esposizione gioverà davvero in futuro al turismo di una città la cui amministrazione, elargendo il lauto dono della concessione gratuita del proprio suolo, non si cura né dei suoi residenti, né tanto meno di chi è già turista e dunque ospite del capoluogo. Mentre resta il fatto che questo anniversario è un evento di D&G e per gli illustrissimi ospiti di D&G, senza eccezioni. Incuranti persino di poter rovinare quel solo, unico, irripetibile “giorno più bello” alle tante ragazze che si sposeranno in questi giorni e che tradizionalmente vanno in Via Partenope, quella di Castel dell’Ovo e del lungomare per intenderci, a immortalare il loro amore e quel giorno del “Sì” che ricorderanno invece come giorno del NO, quello della libertà negata di potersi immortalare in una, se non LA zona più bella della città, in quel castello dal fascino antico, su quell’azzurro del mare, con il Vesuvio alle spalle. I napoletani insomma sono stranieri chiusi fuori dalla propria casa come ospiti indesiderati per quell’amore che Dolce & Gabbana prova per Napoli.

INTERNATTUALE

Professione “influencer”: cosa si nasconde davvero dietro al successo delle webstar

Noti sul web soprattutto ai giovanissimi, sono per lo più sconosciuti al grande pubblico. Nomi da milioni di follower e visualizzazioni on-line, che poco o nulla dicono nella vita reale. Sono le webstar, abbastanza famosi su internet da essere considerati “influencer”, in grado con un solo post di influenzare i loro fan, ma ancora poco noti fuori dal loro ambiente di riferimento. Vere e proprie celebrità del settore che pian piano invadono anche la vita fuori dal web, con contratti milionari per libri, moda, programmi televisivi.

Lo dimostrano i tre fenomeni del momento, la fashion blogger Chiara Ferragni, e i YouTuber Francesco Sole e Sofia Viscardi, ultima, di una serie di celebrity spuntate improvvisamente dal web.

Chiara FerragniNota per la sua attività di fashion blogger, Chiara Ferragni ha fondato il suo sito, The Blond Salad, soltanto nel 2009: «Eravamo fidanzati e abbiamo iniziato con 500 euro – ha raccontato l’ex della Ferragni, Riccardo Pozzoli, lo scorso anno al settimanale Grazia – ora fatturiamo 6 milioni l’anno».

Alla domanda su quale sia il segreto di un successo, tutto italiano, a livello planetario, l’uomo risponde: «E chi lo sa! In realtà non c’è una spiegazione logica. Ci vogliono costanza, dedizione, precisione. Ma anche con tutto questo, non è detto che arrivi il successo. Il carisma mediatico è qualcosa di inspiegabile».

Ma davvero basta semplicemente il carisma per avere tanto successo?

Ad appena un anno dal lancio del suo sito, la Ferragni nel 2010 aveva già firmato una linea di scarpe, comparendo in programmi televisivi come i TRL Awards di MTV: «Non veniamo da famiglie con problemi economici, ma non siamo ricchi – dice Pozzoli a chi malignamente crede che dietro questo fenomeno mediatico ci sia altro – fa parte della mentalità italiana credere che il successo debba per forza arrivare da una scorciatoia […] mia madre ha una boutique a Magenta, in provincia di Milano, mio padre vende auto e moto d’epoca. Il padre di Chiara è un dentista di Cremona».

Quello che però Pozzoli si dimentica di dire è che la madre di Chiara è la scrittrice Marina Di Guardo, che ha a lungo lavorato nel mondo della moda, ed ha raccolto foto ed esperienze in un altro blog molto seguito, The Travel Passion: «Ho iniziato molto giovane a lavorare per lo show room di Blumarine, mi occupavo delle vendite per l’Italia e, parlando bene l’inglese, il francese e un po’ di tedesco, di quelle per l’estero. Curavo anche i rapporti con la stampa e organizzavo la campagna vendite» ha detto la stessa Di Guardo sul blog Mamme con i tacchi a spillo, e ha aggiunto: «La mia Chiarotta ha respirato aria di moda sin da piccolissima».

Oggi, casualmente, “Chiarotta” è uno dei nomi più importanti del mondo della moda. Può decretare il successo o il fallimento di un capo con una sola foto su instagram, ed ha un nutrito gruppo di follower sui social che sfiorano gli 8 milioni. Ha collaborato con tutti i marchi più prestigiosi dell’haute cuture, è apparsa in programmi televisivi statunitensi come Project Runway e ha pubblicato il libro The Blond Salad (Mondadori).

Forse Chiara sarà dotata di talento, gusto e, soprattutto, una innegabile bellezza, ma il dubbio, per chi tenta con meno successo di trovare la propria strada on-line, resta: l’insalata della bionda sarebbe stata altrettanto invitante se fosse stata figlia del nullatenente proletariato?

Francesco Sole - internettualeMa quello della Ferragni non è il solo caso. Tra le webstar improvvisamente assurte alla celebrità televisiva, quello di Gabriele Dotti, in arte Francesco Sole è il nome più sospetto. La sua pagina facebook vanta oggi 1.600.000 follower, conquistati a suon di like a foto e, soprattutto, video dall’apparente aspetto casareccio, semplice, ma in realtà sin troppo curati dal punto di vista tecnico. Possibile che uno sconosciuto investa tanto e diventi in poco tempo una celebrità?

Alla fonte del suo successo ci sarebbe in realtà il talent scounting di Francesco Facchinetti, il quale, insieme a Selvaggia Lucarelli e a un’altra sua scoperta del web, Frank Matano, hanno condiviso i post della pagina di Sole, accrescendone immediatamente la popolarità e il successo mediatico, che gli sono valsi la co-conduzione di Tú sí que vales in coppia con Belen Rodriguez e, manco a dirlo, la pubblicazione di ben due libri. Sempre per Mondadori.

Immediate le proteste del popolo della rete rete che con l’hashtag #SelvaggiaNonMentire ha tentato, inutilmente, di spingere la giornalista a dire che dietro il suo endorse spontaneo ci fosse in realtà di più.

Sofia Viscardi Succede - internettualeUltimo caso quello di Sofia Viscardi, diciotto anni appena, alla quale il magazine PANORAMA dedica questa settimana un servizio a sei colonne dal titolo La ragazza da un milione di follower.

Sofia pubblica ogni lunedì sul suo canale YouTube dei brevi video in cui parla con disinvoltura di se stessa e dei piccoli grandi problemi della sua vita di adolescente: come scuola e compiti. Ogni clip è curata sia nell’audio, con tanto di jingle simil sit-com in background, sia nella parte grafica. Ogni video ha una media di mezzo milione di visualizzazioni, ed ha portato anche Sofia alla pubblicazione di un romanzo, Succede, sempre per Mondadori editore.

Tra i successi della ragazza, che ha mosso i primi passi on-line soltanto tre anni fa, ad appena quindici anni, c’è l’intervista allo scrittore di Gomorra. Un caso? Probabilmente no.

Come si legge dallo stesso articolo su Panorama, Sofia è figlia d’arte: “suo papà ha un’agenzia di eventi, è grazie a una festa organizzata da lui che ha conosciuto e intervistato Roberto Saviano”.

Ma nel mare delle possibilità della rete, è davvero possibile trovare ancora il petrolio della notorietà?

Come mai alcuni video su YouTube racimolano appena qualche centinaio di visualizzazioni ed altri crescono in maniera esponenziale? Perché un blog, anche se scritto bene, non riesce mai ad emergere dall’anonimato dei “tanti”?

Che sia “carisma” come ha detto Pozzoli della Ferragni, una “faccia furba” come dice la Lucarelli di Sole o la “costanza” che si legge nell’articolo sulla Viscardi, queste qualità da sole di certo non bastano. L’Itali è piena di giovani di belle speranze e di talento che smanettano ogni giorno su smartphone e PC sgomitando inutilmente per farsi notare sul web. Internet è un animale vorace che fagocita in fretta i pesci piccoli e, senza una spinta iniziale (economica o di popolarità), li cannibalizza gettandoli nel dimenticatoio.

È molto più probabile invece che dietro questi “fenomeni virali” si nascondano piccoli investimenti a basso rischio da parte di colossi più grandi per testare in sordina il “personaggio” del momento. Si prosegue per un po’ sul web, per fidelizzare uno zoccolo duro di pubblico e si finisce col trovare uno sbocco altrove: in libreria, in televisione, nella pubblicità. Chiaro che dev’esserci anche un talento di fondo e un riscontro di pubblico, ma è altrettanto vero che senza una precisa strategia di lancio si finirebbe nel dimenticatoio nel giro di pochi post “felici”.

Bisogna dunque sfatare il mito di queste Cenerentole del web, perché non ci sono scarpette di cristallo e lieti fini in queste favole contemporanee, ma solo nuove strategie di marketing per garantire vendite e audience.

LIFESTYLE

Gutteridge, taglio moderno e gusto classico. Per l’uomo che non rinuncia all’eleganza

È uno dei marchi d’eccezione della sartoria napoletana. La sua storia potrebbe essere la trama di un serial tv sulle boutique d’alta moda. Gutteridge, inglese d’origine ma partenopeo d’adozione, è stato fondato nel 1878. È nella Napoli post-risorgimentale, ancora memore della sua grandezza quale Capitale del Mezzogiorno, che il giovane Michael Gutteridge ha voluto infatti aprire il suo primo magazzino a Piazza Dante, dove lui, genero di un noto produttore di stoffe in Scozia, avvia un florido commercio di tessuti in lana e cotone.

Il successo è tale da aprire un secondo negozio nella fervida Via Toledo, ancora oggi punto nevralgico del centro storico e commerciale della città, in quello che è l’attuale Palazzo Zevallos di Stigliano, oggi museo delle Gallerie d’Italia.

È in questo negozio che accresce la fama del nome Gutteridge, al punto che Matilde Serao, in uno dei suoi libri, racconta la storia di un commesso della prestigiosa boutique.

Il successo è tale da allargare l’offerta all’abbigliamento, mantenendo un inconfondibile stile sartoriale.

Vero luminare nel commercio, il marchio Gutteridge & Co. è il primo ad adottare la vendita per corrispondenza, per fidelizzare una clientela che ormai non è solo italiana, ma Europe.

Tra gli anni ’60 e ’70, benché la maggior parte dei napoletani ne storpino il nome chiamandolo “Guttrìg’”, diventa un vero e proprio punto di riferimento per l’acquisto dei tessuti di qualità.

Sopravvissuto a guerre mondiali e crisi economiche, il marchio è riuscito a mantenere intatta l’essenza del fascino degli storici locali di Palazzo Stigliano.

Entrare in un negozio Gutteridge è oggi un’esperienza sensoriale, come varcare uno stargate che riporta in un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Inconfondibile il profumo della maison, misto a quello delle stoffe, dei filati, e dei colorati tessuti di pullover in cashmere e pantaloni, che avvolgono il cliente dai loro scomparti in legno.

Qualità, gusto e prezzo si incontrano nella raffinata lavorazione sartoriale dei capispalla, nell’estro variegato delle sue calzature, nell’eleganza dei suoi accessori, nelle pregiate camicie, depositarie di quel sogno che Michael portò con sé a Napoli dalla lontana Scozia.

Invariata la gentilezza degli addetti alla vendita che ti accolgono come un ritorno in famiglia, accompagnandoti nella scelta giusta e che meglio si addice a qualsiasi stagione e occasione.

Le creazioni di Gutteridge sono veri e propri modi di vivere, che avvolgono il corpo e vestono l’anima. Taglio moderno e gusto classico, è questo il binomio che fa di un abito Gutteridge un capo senza tempo, per la gioia dell’uomo che vuole essere al passo con i tempi senza mai rinunciare alla propria eleganza.

ART NEWS, LIFESTYLE

Arts of Italy, la capsule collection di OVS per salvare il patrimonio italiano

Moda e arte da sempre dimorano fianco a fianco. Sin dalla notte dei tempi, il mondo sartoriale ha sempre guardato con occhio attento alla pittura, scultura e, sì, talvolta addirittura all’architettura. Stilisti e designer si sono lasciati ispirare negli anni dal mondo dell’arte, diventandone parte e, al contempo, (nuova) espressione. Lo sapevano bene le Sorelle Fontana negli anni ’50, antesignane del fashion che per la loro prima collezione avevano trovato linfa vitale in colori e forme dell’arte rinascimentale. Ispirando negli anni a venire altri creatori della moda internazionale. Ultimo nome ad aggiungersi ai cultori dell’arte è il marchio italiano OVS, che ha ideato e creato una capsule collection, con la supervisione di Davide Rampello, il quale insieme al suo team ha selezionato le opere cui ispirarsi per questa linea a sostegno dell’iniziativa Arts of Italy. Un progetto di sensibilizzazione e tutela del patrimonio artistico del nostro paese e della sua valorizzazione.

Il brand, reinterpretando alcuni capolavori musivi italiani, ha creato nuove texture, forme e stampe alla moda, certo, ma dal sapore classico. E così i mosaici della Cattedrale di Salerno si trasformano in motivo policromo per gonne e abiti ondeggianti, o rosone in pietra della Chiesa di San Pietro di Tuscania diventa la trama di un raffinato pizzo macramè. Una collezione per la donna, ma anche per l’uomo, con colori più caldi e meno vivaci della Casa romana di Spoleto, mentre le prospettive barocche della cupola di Sant’Ivo alla Sapienza di Roma si ripetono all’infinito sulle t-shirt dall’attitude street.

La collezione sarà messa in vendita dal prossimo 20 maggio solo in alcuni store selezionati del gruppo, mentre dal 19 sarà possibile acquistarla sul portale internet ovs.it

Parte del ricavato andrà a finanziare i restauri dei capolavori dell’arte italiana che l’hanno ispirata: «Il progetto Arts of Italy è nato dal desiderio di porgere un omaggio alla bellezza che incontriamo ogni giorno nelle piazze, nelle chiese, nei paesaggi italiani – ha detto Stefano Beraldo, amministratore delegato di OVS – L’idea di cercare spunti creativi nelle opere d’arte ha appassionato subito il nostro team di designer. Ho chiesto al mio amico Davide Rampello la supervisione artistica, per garantire un percorso di grande qualità».

A dare sostegno non solo alla campagna pubblicitaria, ma una vera e propria sensibilizzazione per l’arte, alcuni volti noti del mondo del cinema, della letteratura, dell’arte contemporanea, della moda catturati dall’obiettivo di Pierpaolo Ferrari: dalla scrittrice Chiara Gamberale all’attrice Margareth Madé, dal critico Achille Bonito Oliva alla stilista Marta Ferri, passando per il compositore Giovanni Allevi che dirigerà in anteprima mondiale la sua cantata sacra “Sotto lo stesso cielo” per soli, coro e orchestra, in un concerto speciale per lanciare il progetto Arts of Italy il prossimo 4 maggio all’Auditorium di Milano, portando sul palcoscenico oltre 100 musicisti.

Ma il progetto si fa anche social, permettendo di farne parte con l’hashtag #OVSArtsOfItaly e un videocontest: chiunque infatti potrà girare un filmato che racconti la “sua” bellezza italiana.

I primi tre classificati, selezionati da una giuria di esperti, tra cui anche Davide Rampello, Gaetano Pesce e Achille Bonito Oliva, riceveranno un premio in denaro e vedranno il loro cortometraggio proiettato in occasione della prossima edizione della Mostra del cinema di Venezia. Successivamente, attraverso un’operazione di crowdfunding fino alla fine dell’anno, si raccoglieranno fondi destinati a recuperare, restaurare, valorizzare le opere raccontate nei video.