TELEVISIONE

Paolo Sorrentino elegge un nuovo papa per una nuova produzione TV

Paolo Sorrentino elegge un nuovo papa, ma non si tratta del seguito dell’acclamata serie The Young Pope. Il regista Premio Oscar per La Grande Bellezza, sarà infatti impegnato nelle riprese di The New Pope, il nuovo Papa, una nuova serie, nuovamente in collaborazione con il canale americano via cavo HBO, che porterà di nuovo Sorrentino dentro le mura del Vaticano.

James Cromwell and Diane Keaton in The Young Pope (2016)

Ma non ci sarà Papa Belardo e Suor Mary, ovvero Jude Law e Diane Keaton questa volta, né, pare, si tratti di un seguito della prima fortunata serie.

I casting infatti per trovare il volto del nuovo pontefice e di tutti i personaggi che animeranno questa nuova serie sono appena cominciati. Forte della vendita in ben 110 paesi nel mondo di un telefilm ormai cult, questa nuovo serial è scritto dallo stesso Sorrentino in collaborazione con Umberto Contarello, ed è prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e co-prodotta da Mediapro. Distributore internazionale è FremantleMedia International.

Grande delusione dunque per chi aveva visto nel finale aperto di The Young Pope la possibilità di una seconda stagione che, a questo punto, sfuma completamente con questo nuovo progetto.

Ho sempre temuto i seguiti, le seconde stagioni le produzioni dovute ad un grande successo o comunque un prodotto il cui ciclo vitale sembra essersi esaurito già nel momento in cui si trasforma inconsapevolmente in un cult.

La produzione partirà alla fine del 2018.

Nel frattempo Toni Servillo, attore prediletto di Sorrentino, ha confermato da Fabio Fazio l’indiscrezione che circolava da tempo sul desiderio di girare un film intorno alla figura di Silvio Berlusconi da parte del regista napoletano. L’attore vestirà i panni del Cavaliere ed ex Premier, che per Sorrentino aveva già interpretato Giulio Andreotti ne Il Divo, e che ritorna adesso davanti alla macchina da presa dopo La Grande Bellezza.

Uncategorized

Ferzan Ozpetek: “Napoli Velata” sarà un thriller con Giovanna Mezzogiorno

È un Ferzan Ozpetek emozionante e emozionato quello che si presenta sul palco del MANN Festival, la prima edizione della sette giorni di eventi organizzata dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che terrà compagnia turisti, visitatori, napoletani e non fino al prossimo 25 aprile.

Intervistato dalla giornalista Titta Fiore, il regista di Mine Vaganti parla della sua Istanbul, così simile a quella Napoli che sarà protagonista del suo prossimo film, Napoli Velata, le cui riprese cominceranno ufficialmente il 13 maggio 2017.

Ozpetek parla di cinema, del suo naturalmente, ma anche di ciò che guarda da spettatore appassionato-esperto. Gomorra, in primis, che ammira per il ritmo e che non associa alla Napoli che invece intende raccontare; ma il regista si lascia andare anche sulle sue letture, e su come Elena Ferrante, con la sua quadrilogia di romanzi de L’Amica geniale, che presto diventerà una serie televisiva anch’essa ambientata nel capoluogo partenopeo, abbia letteralmente catalizzato la sua attenzione di lettore. Ancora una volta la protagonista dei suoi pensieri sembra sempre lei, Napoli, la città che da qualche tempo ormai sente anche un po’ sua, non solo per i suoi esordi come aiuto regista di Massimo Troisi all’inizio degli anni ’80, che ricorda con grande affetto e stima, ma anche per La Traviata che ha diretto e che ritorna per la terza volta al Teatro San Carlo proprio nelle prossime settimane.

Giovanna Mezzogiorno in “La finestra di fronte”, 2003

È sibillino Ozpetek quando parla di questo suo nuovo progetto e, a denti stretti, in merito dice: «È la storia di una donna che è Giovanna Mezzogiorno». L’attrice torna dunque davanti alla macchina da presa del regista a quattordici anni da La finestra di fronte, uno dei tanti, grandi, successi che ha messo d’accordo tutti, pubblico e critica. Ma al regista questo non sembra importare molto. L’importante è che i suoi film suscitino reazioni, finanche negative, purché non lascino lo spettatore indifferente.

E sarà probabilmente così anche per Napoli Velata che, un po’ a sorpresa, Ozpetek anticipa che si tratterà di un thriller, genere decisamente diverso dai toni burleschi delle sue commedie recenti o da quelli un po’ cupi degli esordi: «Ci sono molti attori napoletani – dice senza fare nomi – questo è il momento più strano perché io ancora non ho fatto la lettura della sceneggiatura con gli attori, quella è la fase che cambia tutto, cambia il mio sguardo verso il film».

“Bisognerebbe parlare di questa città in modo diverso” continua il regista, che in qualche modo prende quasi le distanze da quella Gomorra televisiva che ammira tanto, anticipando che andrà a raccontare una città altra.

Maria Pia Calzone in Gomorra, 2014

Incalzato dalla Fiore, Ferzan svela che nel cast ci sarà anche l’attrice Maria Pia Calzone (che proprio in Gomorra era Donna Imma) e che ha fortemente voluto.

Tra le potenziali location della pellicola potrebbe esserci il Cimitero delle Fontanelle o un altro luogo che il regista non rivela: «Le Fontanelle è un posto cui io rinuncerei volentieri perché l’hanno usato tante volte. È adattissimo alla storia del film, è giustissimo. Però c’è un altro luogo che mi piace di più che non vi svelo. Se mi danno quel luogo lì, mollo immediatamente».

In chiusura Ferzan si rivela anche sorprendentemente spirituale, parlando di “segni”, coincidenze e fede, scoprendosi un perfetto devoto napoletano: «Sono andato pure subito in visita a San Gennaro».

ART NEWS

Art Déco, viaggio nei ruggenti anni. A Forlì fino al 18 giugno

Un viaggio, quello della mostra Art Deco – gli anni ruggenti in Italia, che, come un vivido racconto, proietta lo spettatore in un’altra dimensione spazio-temporale. Stampe, ma anche suppellettili, preziosi monili, passando per arredi d’epoca, automobili e treni. Sì, perché quello di Art Deco, ai Musei di San Domenico a Forlì fino al prossimo 18 giugno 2017, è la fastosa rievocazione dei primi del Novecento, quando tutto era lusso, raffinata ricerca di una bellezza colta e di un gusto che avrebbe segnato per molti decenni a venire di quel design, primigenio antesignano dell’inconfondibile stile italiano.

Lungo il percorso espositivo trova spazio anche una mastodontica Isotta Fraschini di tipo 8b, di un intenso blu cobalto, appartenuta a Gabriele D’Annunzio. Questa autovettura, che poteva sfrecciare ad una velocità di ben 150 chilometri orari, fu ribattezzata Traù dal poeta vate, in omaggio alla città martire della Dalmazia.

Lusso sempre, comunque e ovunque. Lo dimostrano gli sfarzosi arredi del Côte d’Azur Pullman Express, lussuosissimo treno francese che percorse la costa azzurra dal 1929 al 1939, accogliendo il passeggero di prima classe su comode poltrone, pregiati tavoli in legno, lampade e vetri con putti vendemmianti, e che tante stampe d’epoca ha ispirato per la sua promozione.

Tante le influenze che hanno ispirato le opere e le manifatture dell’epoca, che mostrano un’Italia compatta che avanza verso il progresso e una propria visione del futuro: dalle evidenti ascendenze orientali delle porcellane di Ginori al gusto classico delle anfore di Gio Ponti.

Uomini eleganti e donne alla moda. Non si può non pensare al Grande Gatsby lungo il percorso, con jazzistici preludi sonori dell’audioguida, che ricreano l’atmosfera mondana del ventennio, e gli ambiziosi progetti che l’architetto milanese per antonomasia, Piero Portaluppi, disegnò con grande ironia per la città di New York, di cui restano soltanto schizzi e modelli.

È una figura ambivalente quella dell’uomo che emerge da questa rassegna, ora atleta virile ora efebo aggraziato e un po’ dandy, così come le sensuali donne dagli sguardi languidi, come l’iconica Turandot del poster di Leopoldo Metlicovic del 1926.

Ma non è un caso invece che sia il conturbante volto di Wally Toscanini il manifesto-simbolo di questa grande esposizione, poiché incarna perfettamente l’essenza regale e ribelle di questo secolo: figlia del noto compositore Arturo, Wally è stata ritratta da Alberto Martini come una giovane regina di Saba, con il viso contornato di gioielli e perle, adagiata su di una chaise longue con un bellissimo abito di seta gialla. Questo grandioso pastello era stato commissionato dall’amante della donna, il conte Emanuele Castelbarco, sposato e di diciotto anni più grande, che ricorse a tale espediente per incontrare segretamente la giovane durante le ore di posa. I due, su suggerimento di Gabriele D’Annunzio, presero la cittadinanza ungherese, affinché il conte divorziasse e fosse libero di sposare la giovane e bella Toscanini.

I ruggenti anni ’20 sono vicini a noi contemporanei più di quanto il loro mito intramontabile non suggerisca già, con una piccola dose di trasgressione, gli amori clandestini e il loro inconfondibile stile Art Déco.

ART NEWS

Il Museo Poldi Pezzoli a Milano, tra Dante e la Storia dell’Arte Italiana

Proseguendo il mio itinerario alla scoperta delle Case Museo di Milano, lo scorso weekend ho avuto il piacere di visitare il Museo Poldi Pezzoli, in Via Manzoni, 12.

Il Museo è un palazzetto nobiliare costruito nel XVII secolo, è stato riadattato dall’architetto Simone Cantoni in stile neoclassico, che lo aveva ampliato con un grande giardino interno all’inglese, ricco di statue e fontane. Gli ultimi lavori risalgono al 1857, quando viene arricchito da una fontana barocca, che va a completare lo scalone monumentale. È questo che mi accoglie all’ingresso e cattura immediatamente la mia attenzione, così come la curiosità che porta immediatamente a domandarmi come mai Gian Giacomo Poldi Pezzoli, proprietario dell’immobile, sentisse l’esigenza di ascoltare il gorgoglio dell’acqua all’interno della sua dimora milanese. Ma è la stessa casa che sembra rispondermi, con questo scrosciare rilassante che sembra darmi il benvenuto.

mariano-cervone-fontana-barocca-museo-poldi-pezzoli-internettualeCompletamente distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale, della casa originale restano soltanto delle fotografie, che provano a darci un’idea dei sontuosi interni, mentre i pochi arredi superstiti sono oggi inconsapevoli pezzi del percorso museale, come il mastodontico specchio del Salone Dorato. Sì, perché dal 1851 la Casa, per volontà dello stesso Pezzoli che aveva predisposto un lascito all’Accademia di Brera, diventa ufficialmente un museo.

 museo-poldi-pezzoli-vetri-internettualePasseggiando in ambienti che oggi rievocano volontariamente il Medioevo e Dante, è possibile ammirare la vasta collezione d’arte che Gian Giacomo, morto a 57 anni nel 1879, ha accumulato nel corso della sua breve vita. Tanti gli artisti della storia dell’arte italiana che trovano posto all’interno del museo: da Perugino a Piero della Francesca, da Botticelli a lo Spagnoletto. Un florilegio di autori, cui fa da simbolo, come Monna Lisa al Louvre, il profilo nordico del Ritratto di Giovane Dama di Piero Del Pollaiolo.

mariano-cervone-ritratto-di-giovane-dama-piero-del-pollaiolo-1470-1472-museo-poldi-pezzoli-internettualeParticolarmente interessante è la Sala degli Orologi, dove è possibile ammirare dei capolavori di orologeria meccanica, di ogni forma e foggia, purtroppo fermi, che con le loro lancette fisse sembrano ostinarsi a rimandarci a un’epoca il cui fascino è più vivo che mai.

In linea con la sala dei pizzi, quella delle stoffe c’è la temporanea dedicata a Il Gioiello Italiano del XX secolo, esposizione che ripercorre la creatività del nostro Paese nell’alta gioielleria, con oltre 150 pezzi che vanno dall’Art Déco degli inizi del secolo scorso fino alle multiformi e colorate creazioni degli anni ’80. Tiare, bracciali, orecchini, spille, collane. Un percorso che attraversa il gusto squisitamente italiano del nostro artigianato orafo.

Ma è ampio e variegato il percorso museali, che oltre a dipinti e ori, comprende anche una suggestiva Sala delle armi, con armature che guardano il visitatore come un esercito di cavalieri invisibili, e spade che fanno riflettere sulle diverse tipologie e tecniche di combattimento.

museo-poldi-pezzoli-sala-degli-orologi-internettualeUna pagina di storia, non solo della città di Milano, ma dell’intero paese.

Molto bella la terrazza al primo piano dell’edificio, che quasi sembra suggerire la creazione di un caffè letterario, dove invitare i visitatori a disquisire d’arte sorseggiando tè.

Per uno studente di storia dell’arte come me è entusiasmante trovarsi dinanzi a tante opere note, intraviste soltanto attraverso le fotografie di un libro. Il Poldi Pezzoli è un piacevole ritorno a un’epoca di grande fermento culturale di cui dovremmo ricordare più spesso di esserne i discendenti.

ART NEWS, CINEMA

Piero Portaluppi: l’architetto simbolo di Milano raccontato in un film al cinema da marzo

La Fondazione Piero Portaluppi celebra il cinquantenario dalla morte del noto architetto milanese di cui porta il nome, con un documentario, L’Amatore, in uscita nelle sale italiane da marzo 2017. Presentato al Festival del Cinema di Locarno lo scorso agosto, il film è un’opera girata dallo stesso Portaluppi nel 1929, anno in cui l’architetto acquistò una cinepresa, filmando la realtà che lo circondava e da cui, probabilmente, traeva ispirazione per le sue architetture.

Lo scorso anno ho avuto l’opportunità di vedere ben due costruzioni di Portaluppi interamente disegnate da lui. Per chi ha avuto modo, come me, di visitare queste architetture, come la bellissima Casa Boschi-Di Stefano o la straordinaria Villa Necchi (di cui sono stato ospite), entrambe a Milano, si sarà probabilmente fatto l’idea di un uomo a tratti un po’ serioso, estremamente creativo, di talento, che propagava la passione per il suo lavoro attraverso infinitesimali dettagli che rendono uniche le sue creazioni, e ne hanno fatto delle vere e proprie icone del ventennio fascista durante il quale l’architetto milanese ha mosso i suoi passi.

Linee pulite, forme, colori, geometrie. Sono senza dubbio questi gli elementi che hanno caratterizzato l’inconfondibile mano di Portaluppi, che ha saputo coniugare la voglia di modernità della sua epoca con quel fascino classico senza tempo, sapendosi adattare con maestria alle diverse atmosfere degli ambienti che creava. Che fosse un appartamento nel cuore del capoluogo lombardo o una villa, Portaluppi sapeva distinguersi nella sua (im)percettibile maniera.

Piero Portaluppi con la sua cinepresa
Piero Portaluppi con la sua cinepresa

Portaluppi diviene in poco tempo l’architetto dell’alta borghesia. La sua vita può essere quasi suddivisa in due tempi: in un primo momento il successo, le donne, il talento, l’adrenalina degli anni ruggenti; all’improvviso però Piero sembra perdere tutto. Suo figlio muore nei mari di Algeri. La sua vena creativa inesorabilmente si spegne.

È lo stesso Portaluppi a raccontarci la sua storia, attraverso le riprese in 16mm montate con cui filmava la sua vita, rivenute dal nipote omonimo, Piero Portaluppi, all’interno di una cassapanca.

L’immagine che ne viene fuori è quella di un uomo brioso, ironico, di fascino, che amava la vita e sapeva godersela.

Ai filmati originali si alternano le riprese odierne delle sue architetture, che si trasformano in questo documentario in contenitori silenziosi di un’epoca, espressione di pietra di un paese che svela la propria identità mutevole attraverso le architetture e le sue costruzioni.

maria-mauti-lamatore-piero-portaluppi-internettuale
Maria Mauti, la regista

A dirigere la pellicola Maria Mauti, già collaboratrice del canale satellitare Sky Classica HD, autrice di produzioni legate alla musica contemporanea italiana, al teatro d’opera e alla danza, che debutta con quest’opera nel lungometraggio: «Quando più di dieci anni fa un pronipote di Piero Portaluppi scoprì le cento bobine dentro una cassapanca, fu dato a me il compito di visionare tutto questo materiale – racconta la regista – mi sono avvicinata non sapendo cosa avrei potuto incontrare, con il pudore che sentiamo quando ritroviamo i diari segreti di una persona e ci chiediamo se abbiamo il diritto di addentrarci nella sua vita. Nello stesso tempo siamo sedotti dall’opportunità di guardare nell’intimità di qualcuno».

Una vera e propria indagine su di un percorso artistico e personale, in cui emerge la vera persona e personalità del celebre architetto: «Portaluppi è un personaggio potente e scomodo, pieno di luci e ombre. Di lui ci interessa mostrare il lato personale, “guardare dentro l’uomo”, rispettandone il mistero. E poi Portaluppi porta con sé l’eccellenza e la fragilità di una classe sociale che raramente è oggetto di racconto, l’alta borghesia. È l’emblema di una città, Milano, che qui si mostra fuori dagli schemi che tutti conoscono».

CINEMA, LIFESTYLE

Animali Notturni: arriva finalmente al cinema il secondo film dello stilista Tom Ford

tony-susan-adelphi-animali-notturni-libro-film-internettualeFilm di questo weekend è stato Animali Notturni. A quasi sette anni da A Single Man, lo stilista Tom Ford si è rimesso dietro la macchina da presa. Ed è un ritorno felice, il suo, che con questa pellicola, presentata in anteprima alla 73esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia lo scorso settembre, ha ricevuto la nomination al Leone d’Oro, aggiudicandosi il Leone d’Argento – Gran premio della Giuria.

Ancora una volta è un libro ad ispirare la seconda fatica cinematografica dello stilista di Gucci, che sceglie il romanzo Tony e Susan di Austin Wright edito in Italia da Adelphi.

Se nella prima pellicola c’era il fascino di una bellissima Julianne Moore, è un’altra rossa, Amy Adams, ad animare la fantasia dello stilista che qui è anche sceneggiatore.

Non ci sono le solitudini di uomini soli qui. Il secondo film di Ford è un omaggio all’arte contemporanea e al cinema del passato. Una gallerista, la Adams, è ossessionata dalla violenza del romanzo scritto dal suo ex marito, interpretato da Jake Gyllenhaal, un thriller violento, che lei crede una velata minaccia e una chiara volontà di vendetta.

jake-gyllenhaal-in-animali-notturni-2016-internettualeRicorda molto le atmosfere di Arancia Meccanica e Funny Games, Animali Notturni, che trova il talento dello stilista nell’elegante overture di Abel Korzeniowski che accompagna i titoli di testa, componendo una colonna sonora che non maschera, ma enfatizza ogni espressione attoriale dei suoi protagonisti.

È un racconto nel racconto, una narrazione che si fa via via inspiegabilmente violenta, tesa, di una violenza gratuita e inspiegabile, che diventa paranoia.

Come recita il titolo, animali notturni, i protagonisti di questa vicenda si muovono e vivono di notte: notturne sono le letture di Susan, che come in una sorta di Eyes Wide Shut contemporaneo vive, pagina dopo pagina, le fantasie scritte del marito fino a farle sue; notturna è la storia narrata da Tony nel suo libro, su di un’imprecisata statale verso il Texas, tra i Motel tanto cari alla cinematografia statunitense e il lusso di una villa e gli ambienti dell’alta borghesia.

I costumi sono quelli di Arianne Phillips, già collaboratrice di Ford-regista e costumista di Madonna, che reinterpreta, senza eccessi, il glamour della moda con piccoli sprazzi di stravagante eleganza.

amy-adams-in-animali-notturni-2016-internettualeIntensa Amy Adams che vive sulla propria pelle le inquietudini cui, specularmente, Gyllenhaal dà il volto.

Se fate parte di quelli che cercano un senso ad ogni pellicola come a quest’opera, sappiate che Hitchcock non aveva sempre ragione dicendo che “il cinema è la vita con le parti noiose tagliate” e che talvolta un film, proprio come la vita che imita, può apparentemente non avere un senso, se non quello di trasmettere delle sensazioni. E se l’intento di Ford era quello di trasmettere delle sensazioni più che una narrazione coerente, l’obiettivo con questo film è pienamente raggiunto.

MUSICA

Ecco “le migliori” di Mina e Celentano

Mina e Celentano ritornano con Le migliori. A quasi vent’anni dal loro primo album di duetti, era il 1998 quando uscì Mina Celentano, la Tigre di Cremona e il Molleggiato presentano questo secondo lavoro discografico in tandem, che, tra indiscrezioni e rinvii, i fan hanno aspettato oltre un anno. Niente paperini questa volta, nessuna versione cartoon simil fumetto-Disney. I due cantanti ci mettono la faccia, e poco importa se è frutto di Photoshop, perché lo fanno a loro istrionico e ironico modo, un po’ provocatorio, apparendo in copertina a metà strada tra mannequin e entraineuse. Sì, perché è probabilmente questo il senso di quest’album. Come “prostitute” musicali, le dodici nuove canzoni del disco devono essere di tutti e andare con tutti. Dev’essere questo il messaggio che segretamente lega copertina e titolo, trasformandosi in colpo di genio. E a giudicare da un primo ascolto la mission è decisamente riuscita.

mina-celentano-le-migliori-album-cover-copertina-recensione-internettualeAnticipato dalla spagnoleggiante Amami qualche settimana fa, l’album è uscito ieri, ed è subito una sorpresa. Sì, perché se il lead-single strizzava l’occhio a quella radiofonica strategia commerciale, gli altri brani invece sono la naturale evoluzione di due percorsi musicali che ritornano ad intersecarsi. Se il brano Acqua e sale era specchio fedele degli anni ’90, con Le migliori Mina e Celentano si rinnovano, pur restando fedeli a sé stessi.

E loro, che hanno cantato alcune tra le più belle canzoni d’amore della musica italiana, non potevano che celebrare ancora questo nobile sentimento anche in nuovo lavoro, come dimostrano le ballad È l’amore, Se mi ami davvero, Ti lascio amore, in cui i due interpreti giocano con il ritmo, i vocoder, le influenze latineggianti e velati omaggi alla canzone italiana.

Un album che non ha paura di sperimentare, sfociando persino nel reggae travolgente di Ma che ci faccio qui. Bellissima la rarefatta ballad Sono le tre.

Formula che vince insomma non si cambia: come nel loro primo lavoro insieme anche in questo album trovano posto delle tracce soliste, in cui vengono fuori le loro anime. La voce di denuncia di Celentano ritrova il tema della guerra ne Il bambino col fucile, cantando gli orrori dei bambini-soldato. Temi, questi, che sono stato il filo conduttore dell’artista dei suoi ultimi concerti all’Arena di Verona.

Mina invece ritrova la sua vena un po’ malinconica, che da Veleno (2002) caratterizza la sua voce e la sofferenza di testi che parlano di amori spesso tormentati, con il brano Quando la smetterò, in cui la voce è nuda, scevra da artifizi elettronici, accompagnata solo dal pianoforte.

Bellissimi gli ultimi duetti che chiudono una tracklist perfetta: Come un diamante nascosto nella neve, brano dal ritornello orecchiabile, ma dal testo non banale, e il remix di Prisencolinensinainciusol, omaggio ad un grande successo di Celentano del 1972, in cui Adriano parodiava l’allora nascente moda della musica angloamericana con una lingua inventata, che qui incontra la produzione di Benny Benassi e il featuring d’eccezione di Mina.

Ma aspettate a fiondarvi a comprarlo. Secondo alcune indiscrezioni, l’album potrebbe avere a breve una seconda edizione natalizia, che includerà due nuovi inediti, forse due brani composti da Caparezza e Giuliano Sangiorgi, oltre che al primo album di duetti del 1998.

Con questo lavoro i due cantanti italiani hanno dimostrato alle nuove generazioni che si può essere musicalmente all’avanguardia e al tempo stesso sperimentare nuovi sound senza per questo snaturarsi, con la classe, e forse la consapevolezza, di essere due numeri uno che, non paghi di aver già fatto la storia della musica, hanno ancora voglia di riscriverla.

ART NEWS

Alla scoperta della bellissima Villa Necchi Campiglio a Milano

È una visita che inizia con il sentore degli aranci, quella di Villa Necchi Campiglio a Milano, location d’eccezione del film Io sono l’Amore di Luca Guadagnino del 2009.
tilda-swinton-io-sono-lamore-villa-necchi-campiglio-set-internettualeÈ il profumo delle marmellate del FAI, il Fondo Ambiente Italiano, che ha ereditato la villa nel 2001, che raccoglie fondi a favore del patrimonio italiano vendendo prodotti squisitamente tipici del nostro Paese.
Varcata la soglia della biglietteria, vero bazar di prelibatezze e volumi d’arte, è lo sgorgare dell’acqua che accoglie me e chi come me scopre questo luogo per la prima volta, attoniti da tanta equilibrata bellezza. Sì, perché è questa la prima cosa che viene in mente osservando la villa la cui costruzione affonda le radici nel razionalismo degli anni ’30: un deciso, simmetrico, ordinato equilibrio di forme.
villa-necchi-scale-portaluppi-internettualeNessun rifacimento a stili architettonici del passato, nessuna volontà di ricreare atmosfere di epoche lontane. Villa Necchi Campiglio, che prende il nome dalle sue proprietarie, le sorelle Nedda Necchi e Gigina Necchi in Campiglio, è uguale a nessun altra costruzione milanese. Il merito non poteva che essere del noto architetto lombardo, Piero Portaluppi, che ha avuto libera fantasia di agire lungo i 4000 metri quadri della proprietà con giardino, disegnando e arredando ogni singola, dando adito a tutto il suo estro creativo.
Le due sorelle, industriali tessili di Pavia, stanche della vita di provincia, decisero di farsi costruire una casa nel cuore di Milano, affidandosi completamente al Portaluppi, che si occupò di ogni dettaglio della casa, mobilia inclusa.
I soffitti, la bellissima balaustra in legno dell’ingresso principale, le porte, gli stessi mobili, rimandano l’uno all’altro come in un gioco di specchi, in cui ognuno riprende e riflette, a volte distorcendo altre volte fedelmente, i dettagli dell’altro.
villa-necchi-soggiorno-internettualePreziosi i materiali utilizzati, che vanno dai variegati legni: il palissandro, il rovere, la radica di noce, il pioppo, la quercia, il castagno fondono le sfumature dei loro colori e le nervature dei corpi legnosi per ricreare quel retrogusto marino che si respira nei tondeggianti finestroni-oblò dei bagni, nel parquet dell’ingresso che, come un foyer precede i palcoscenici soggiorni che si aprono ai lati, percorre tutto il piano come il ponte di una nave.
Rombi, spirali svasticheggianti di memoria greca, cerchi si ripetono lungo le pareti della casa senza stancare il visitatore, che continua ad ammirare questo architettonico scrigno di design di avanguardia.
Suggestioni, queste, arricchite da soffitti che ricreano cieli stellati, in richiami astronomici e astrologici che fondono scienza e superstizione.
villa-necchi-bagno-moda-di-carta-2016-internettualeTante le innovazioni dell’epoca, a cominciare dalla piscina riscaldata all’aperto, la prima privata a Milano, o i riscaldamenti della villa, ancora oggi in funzione, proseguendo con le porte scorrevoli a scomparsa totale, per culminare con quelle in zinco rinforzate, ma elegantemente disegnate, della veranda che, all’occorrenza, può completamente aprirsi sul giardino.
Quasi impercettibile la musealizzazione, che ha lasciato gli ambienti e gli arredi per lo più intatti. Come il soggiorno, i cui divani di un giallo ocra contrastano con il severo camino in marmo anch’esso opera del Portaluppi.
Ci sono voluti più di quindici anni prima che le sorelle decidessero di dare nuovo brio allo stile forse troppo lineare del Portaluppi, affidandosi tra il ’48 e il ’55 all’architetto Tomaso Buzzi, che portò una nuova linfa vitale all’opera del collega, con tocchi baroccheggianti.
villa-necchi-ingresso-portaluppi-internettualeSpeculare la casa al piano superiore, che come uno specchio riflette gli appartamenti privati delle due sorelle: quello di Gigina, sposata con Angelo Campiglio, la cui camera da letto matrimoniale è arricchita da tende e stoffe preziose, e quella di Nedda Necchi, nubile, che racconta di una donna sola, ma bella, profondamente devota, ma non per questo estranea al richiamo del lusso e del mondo della moda di Hermes, Chanel, Céline e Gucci che ancora si affacciano dalle grucce del suo imponente armadio.
Entrambe le camere sono corredate da meravigliose camere da bagno identiche, con marmi preziosi, doppio lavabo, com’era d’obbligo ai tempi, e suppellettili che sono ancora lì a raccontarci questa quotidianità.
Un gusto che si ripete persino nella camera della governante, il cui bagno, al pari dei padroni, riprende questo tema da crociera cui il Portaluppi aveva votato questa sua costruzione.
Uno stile italiano non scevro però di influenze francesi, come quelle degli orologi parigini, dalle porcellane cinesi e persino “cineserie”.
Villa Necchi si trasforma in un museo nel museo, se si pensa agli arazzi, ai Sironi, ai Tiepolo, ai Canaletto che adornano le pareti della casa.
villa-necchi-moda-di-carta-isabelle-de-borchgrave-soggiorno-internettualeLe stanze della casa sono abitate dagli abiti di carta dell’artista Isabelle De Borchgrave, la cui personale, Moda di Carta, sarà visibile, negli ambienti di Villa Necchi fino al prossimo 31 Dicembre 2016. Abiti che ripercorrono l’evoluzione dell’abbigliamento femminile, dialogando perfettamente con gli ambienti della casa, facendo rivivere una quotidianità non molto lontana. È facile immaginare delle donne di alto rango che conversano in salotto prendendo il tè o che passeggiano per i saloni, guardando i coloratissimi modelli dell’artista, il cui laboratorio di stoffe-carta è dischiuso, come una sorpresa alla fine del percorso di visita guidato che culmina nel sottotetto.
E si arricchirà ulteriormente la villa il prossimo week-end, quello del 5 e 6 novembre, che ospiterà Manualmente 2016. Carta. Mostra mercato degli artisti artigiani della carta a cura di Angelica Guicciardini, che per questa quinta edizione vedrà protagonista il mondo della carta con creazioni di venti artisti-artigiani selezionati tra le eccellenze italiane. Un’occasione unica per scoprire, insieme ad un luogo dalla suggestione unica, la straordinaria duttilità della carta e i suoi molteplici usi attraverso tecniche semplici e raffinate.

Per maggiori informazioni:
www.faiperme.it
fainecchi@fondoambiente.it
www.modadicarta.it

INTERNATTUALE

In un mondo di robot, che fine faranno i rapporti umani?

Quando nella tua carriera di studente credi di averle viste più o meno tutte, devi ricrederti. C’è sempre qualcosa, un cambiamento, una innovazione, una piccola grande rivoluzione che, a dispetto dei tempi che cambiano e dello stare “a passo”, ti fa sempre esclamare “stavamo meglio quando stavamo peggio!”. È successo pagando il MAV delle tasse universitarie.

Negli anni siamo passati dalla spedizione delle tasse a domicilio a doversele stampare praticamente da soli, con notevole risparmio da parte dell’Istituto Universitario di stampa e spedizioni di plichi alti dieci fogli contenenti tutte le fasce di contribuzione per ogni singolo studente. Un bel risparmio? Certo, almeno per la carta, i cui fogli in eccesso risparmiati potranno così liberamente diventare pagine di libri di Barbara D’Urso. Gli studenti invece al danno di doversi produrre i MAV da pagare in Banca, hanno visto aggiungersi la beffa di una tassa, quella regionale, più che raddoppiata, passando dagli originali 60 € di qualche anno fa agli attuali 140: alla faccia del diritto allo studio!
Ma questa ormai è storia vecchia. Tuttavia dev’essere entrata nel mood risparmio anche Banca Intesa, ex Banco di Napoli e di altre città che, unite adesso sotto un’unica denominazione, hanno deciso di risparmiare in toto anche il costo dei propri dipendenti.

banca-intesa-casse-automatiche-internettualeA quanto pare infatti, in una primordiale ottica sperimentale, la Banca ha pensato bene di fare degli ignari studenti cavie per il suo nuovo progetto: macchine automatizzate all’interno dei suoi uffici al posto degli sportellisti. Roba che non avrebbe immaginato nemmeno il Dottor Emmett L. Brown in Ritorno al Futuro.

Attraverso quella che in gergo viene chiamata “interfaccia”, abbastanza intuitiva, e un ormai familiare schermo touch è possibile selezionare l’operazione richiesta. Nel nostro caso, quello del pagamento di una tassa, uno scanner ottico leggerà il modello cartaceo identificandolo, nel 99% dei casi in modo errato, così lo studente o chi per lui, si ritroverà o a non poter pagare o a pagare erroneamente per qualcun altro se il codice identificativo della propria tassa non è letto in modo in esatto. Problemi, questi, che si possono evitare con un po’ di accortezza, con una semplice correzione manuale, ma immaginate di aver dato per caso la tassa a vostra madre, che su WhatsApp scrive ancora come parla Lapo, o che per caso una persona agée non avvezza alle nuove tecnologie si ritrova davanti questa sorta di televisore LCD che non parla nemmeno.

Un momentaneo guasto della macchina e venti minuti dopo, ero ancora in fila per sole due persone.

Nel mio caso ho avuto la simpatica assistenza di un uomo che, in modo del tutto galante, ha elegantemente flirtato con una laureanda che mi precedeva in fila. E proprio questo, mentre inserivo il mio MAV, e correggevo il codice puntualmente inesatto, e imparavo a cavarmela da solo, mi ha portato a chiedermi: che fine faranno un giorno i rapporti umani se tutto diventasse robotico? Che fine farà la verve e la simpatia di quest’uomo che con garbo mi spiega cosa fare. Dove andranno a finire i rassicuranti sorrisi e la gentilezza?

D’accordo, Banca Intesa è tra le poche banche italiane più grandi al mondo, e di certo, come raccontava quell’uomo, potrebbe anche permettersi di fare a meno anche dei propri dipendenti. Ma in un mondo completamente automatizzato da freddi macchinari, che fine faranno le interazioni tra gli esseri umani?

Senza contare i potenziali posti occupazionali che tendono a diminuire, con annessa ricollocazione all’interno dell’azienda per chi sportellista lo è già.

Viviamo in un mondo, quello dei social, in cui l’amicizia, è soltanto uno scambio di like e commenti, dove misuriamo l’autostima con i cuori che riceviamo su instagram, e i tweet hanno preso il posto delle chiacchiere al Bar. In un’Era già abbastanza virtuale, con casse amiche al supermercato, distributori di benzina automatici, mini-market senza dipendenti, computer e molto altro, c’è proprio bisogno di altra automazione?