LIFESTYLE

Da Cosnature il siero anti-età vegan che aiuta a combattere i primi segni del tempo

Sole, mare, caldo. Ma anche inquinamento e cambiamenti stagionali. I millennials come me sanno bene che, superata la boa dei trenta, bisogna far fronte allo stress cui è costantemente sottoposta la nostra pelle e i primi, visibili, segni del tempo. E se nelle foto delle vacanze possiamo rimediare con un filtro instagram e qualche app dello smartphone, lo specchio al mattino ci ricorda invece che nella vita vera non c’è Photoshop, e che dobbiamo cominciare a correre ai ripari e prenderci cura di noi stessi, prima che sia troppo tardi.

Mi sono accorto col tempo dell’importanza di valutare bene un cosmetico e, in tempi di siliconi e prodotti inutilmente aggressivi, scopro il valore di applicare sul viso una crema completamente naturale.

È così che ho scoperto CosNature Naturecosmetik, brand teutonico, già sinonimo di garanzia, che crea i suoi prodotti esclusivamente con ingredienti naturali, compatibili con le più avanzate tecnologie della cosmesi e compatibili con l’ambiente. A riprova di ciò il logo “Vegan” ben visibile sulla confezione, per sottolineare ulteriormente una produzione completamente biologica.

Ho così provato il multi anti-aging serum Sand Dorn, letteralmente Spina di Sabbia.

Un flacone da 30 ml di siero, per cominciare a combattere le prime rughe e linee sottili, ma anche una pelle disidratata e cedevole. Insomma un vero toccasana, soprattutto dopo l’estate in cui tendiamo (in)consapevolmente a sacrificare la salute della nostra pelle per un po’ di tintarella.

Ho lavato bene il viso e ho steso un po’ di prodotto sulle mani. Da subito mi è apparso un fluido, morbido, odoroso, in cui il sentore forte dell’arancio (che ne caratterizza anche parte della confezione) si confonde con il burro di karité e l’olio di jojoba che lo compongono.

Un concentrato di Vitamina E, del coenzima Q10 e di acido ialuronico rigorosamente organico, che ho chiaramente percepito sulla mia pelle come un massaggio invisibile.

Un trattamento che col tempo aiuta la naturale rigenerazione cellulare della pelle, riducendo le rughe e aumentandone l’originaria elasticità.

È leggero a contatto con la pelle, eppure non inconsistente, lo senti, sai che c’è.

Non ingrassa la cute come alcuni prodotti, e non la lascia unta, pesante, oleosa al tatto. Si assorbe entro pochi minuti, e ti senti di nuovo pulito, leggero, fresco.

Percepisco quasi la pelle distendersi, dopo un leggero massaggio affinché la crema sia stesa bene.

Dopo averlo applicato sul viso, insistendo sulle zone che io ritengo più fragili, l’ho lasciato asciugare godendo di questo profumo che ha continuato ad inebriarmi, pago di stimolare la mia pelle in quel suo naturale processo di produzione di collagene, sentendomi già ringiovanire.

Annunci
LIFESTYLE

Blowhammer, brand dello urban-style italiano

Quando indossi una t-shirt Blowhammer è come sentirti avvolto da un morbido abbraccio. È così che mi sono sentito indossando una maglietta che, ne sono sicuro, sarà senza dubbio il trend di questa estate e senza dubbio un must da indossare per sentirsi alla moda. Non solo perché il brand ha dedicato la stampa di un modello di punta ad una scimmia, sdoganata da Gabbani un po’ su tutte le reti, ma anche perché l’ha declinata in un colore a metà tra l’azzurro e l’acquamarina, cui fa da sfondo un intenso antracite.

Blowhammer è un giovane brand italiano che nasce proprio nel maggio del 2013 e si è proposto di creare uno stile underground distante da quello statunitense/estero cui siamo abituati, ma che avesse personalità e carattere e di distinguesse per la sua italianità.

Mi sono divertito molto ad andare in giro per la città avvertendo questa sensazione di indossare qualcosa di originale ed esclusivo eppure allo stesso tempo alla moda e giovane. Mi sono cimentato nel fare qualche scatto nel centro storico di Napoli, a due passi da San Gregorio Armeno, coniugando questo stile urban con la storia della città di partenope.

A creare questo marchio sono stati tre giovani poco più che ventenni, uniti soltanto da passione, entusiasmo, determinazione. Erano scarse le possibilità di investimento in promozioni e campagne e si riassumevano per lo più nel passaparola dei social. Facebook soprattutto, ma anche Instagram.

Dal 2014 però il fatturato del brand è cresciuto di oltre il 1000%, passando dai 5 dipendenti iniziali alle 25 figure professionali che con lo stesso entusiasmo e la stessa passione continuano a dare vita ai prodotti che oggi è possibile acquistare on-line.

Il risultato sono collezioni che prendono spunto anche dalla natura, dagli animali, dall’arte fondendo opere quali il David di Michelangelo a forme e geometrie moderne, o ricreando con scimmie e colori giochi a metà strada tra moda urbana e pop-art.

www.blowhammer.com

LIFESTYLE

E. Marinella lancia “Archivio”, la nuova collezione di cravatte vintage

Nato nel 1914 da Eugenio Marinella a Napoli, l’omonimo brand di cravatte artigianali, E. Marinella, si è trasformato in breve tempo in un vero e proprio must per i gentiluomini dell’aristocrazia partenopea, esportando il proprio stile in tutto il mondo dalla bottega in Piazza Vittoria a Napoli. Oggi allo storico negozio nella città del sole, si affiancano altri cinque monomarca nel mondo, da Milano a Londra, da Lugano a Tokyo, e con reparti in store che varcano l’oceano, fino ad arrivare negli Stati Uniti, attraversando tutto il vecchio continente.

Lo stile di Marinella era fortemente influenzato dalle tendenze della moda uomo britannica. Nel tempo però l’assunzione di artigiani camiciai parigini, ha permesso al marchio di insegnare le proprie tecniche di produzione del suo modello.

Dal 1999 è Maurizio Marinella a tenere il timone di un’azienda che oggi è un vero marchio di lusso della moda uomo mondiale, che vede il suo centro operativo ancora oggi sorgere sulla Riviera di Chiaia di Napoli.

e-marinella-cravatte-collezione-archivio-2016-internettualeSono tanti i politici e gli uomini illustri e regnanti che hanno indossato e indossano creazioni Marinella: dall’ex Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton a Silvio Berlusconi, da Gianni Agnelli alle teste coronate come Carlo d’Inghilterra, il Re Juan Carlos di Spagna o il Principe Alberto di Monaco.

Non solo cravatte. Oggi la linea-uomo Marinella comprenda borse, orologi, colonia, accessori e gemelli per vestire un uomo che esige la qualità dell’artigianato che si evolve senza dimenticare le proprie origini, e aggiungendo, ad un universo popolato solo da uomini, accessori, profumi, sciarpe e borse anche per la donna che, al pari del suo uomo, sogna di indossare lo stile, squisitamente napoletano, di un’opera d’arte che si fa moda senza tempo.

Oggi Marinella riscopre le proprie origini, lanciando una nuova linea di cravatte realizzata con fantasie vintage che vanno dagli anni ’30 al 1980, rinvenute nell’archivio di Napoli. È da qui che nasce la collezione ARCHIVIO, che è indaga il recupero dei materiali dell’antica boutique napoletana, realizzando veri e propri oggetti di culto da indossare e collezionare.

Marinella lancia questa nuova collezione con uno spot su YouTube che è un vero inno alle proprie origini, al barocco e ad una città, Napoli, che ha portato con orgoglio nel mondo.

Stampate su seta lavorata a mano, le fantasie sono state rinvenute da Maurizio Marinella in uno dei suoi viaggi in Inghilterra, dove suo nonno Eugenio e poi suo padre Luigi si recavano personalmente per scegliere fantasie e tessuti con cui erano realizzate camicie e cravatte: «È stato commovente trovare questo tesoro nascosto, una testimonianza tangibile della nostra lunga tradizione – ha raccontato Maurizio – non ho potuto fare altro che utilizzare queste fantasie per dar vita ad una collezione unica ed irripetibile, un vero must per gli amanti della moda e del vintage».

LIFESTYLE

Gutteridge, taglio moderno e gusto classico. Per l’uomo che non rinuncia all’eleganza

È uno dei marchi d’eccezione della sartoria napoletana. La sua storia potrebbe essere la trama di un serial tv sulle boutique d’alta moda. Gutteridge, inglese d’origine ma partenopeo d’adozione, è stato fondato nel 1878. È nella Napoli post-risorgimentale, ancora memore della sua grandezza quale Capitale del Mezzogiorno, che il giovane Michael Gutteridge ha voluto infatti aprire il suo primo magazzino a Piazza Dante, dove lui, genero di un noto produttore di stoffe in Scozia, avvia un florido commercio di tessuti in lana e cotone.

Il successo è tale da aprire un secondo negozio nella fervida Via Toledo, ancora oggi punto nevralgico del centro storico e commerciale della città, in quello che è l’attuale Palazzo Zevallos di Stigliano, oggi museo delle Gallerie d’Italia.

È in questo negozio che accresce la fama del nome Gutteridge, al punto che Matilde Serao, in uno dei suoi libri, racconta la storia di un commesso della prestigiosa boutique.

Il successo è tale da allargare l’offerta all’abbigliamento, mantenendo un inconfondibile stile sartoriale.

Vero luminare nel commercio, il marchio Gutteridge & Co. è il primo ad adottare la vendita per corrispondenza, per fidelizzare una clientela che ormai non è solo italiana, ma Europe.

Tra gli anni ’60 e ’70, benché la maggior parte dei napoletani ne storpino il nome chiamandolo “Guttrìg’”, diventa un vero e proprio punto di riferimento per l’acquisto dei tessuti di qualità.

Sopravvissuto a guerre mondiali e crisi economiche, il marchio è riuscito a mantenere intatta l’essenza del fascino degli storici locali di Palazzo Stigliano.

Entrare in un negozio Gutteridge è oggi un’esperienza sensoriale, come varcare uno stargate che riporta in un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Inconfondibile il profumo della maison, misto a quello delle stoffe, dei filati, e dei colorati tessuti di pullover in cashmere e pantaloni, che avvolgono il cliente dai loro scomparti in legno.

Qualità, gusto e prezzo si incontrano nella raffinata lavorazione sartoriale dei capispalla, nell’estro variegato delle sue calzature, nell’eleganza dei suoi accessori, nelle pregiate camicie, depositarie di quel sogno che Michael portò con sé a Napoli dalla lontana Scozia.

Invariata la gentilezza degli addetti alla vendita che ti accolgono come un ritorno in famiglia, accompagnandoti nella scelta giusta e che meglio si addice a qualsiasi stagione e occasione.

Le creazioni di Gutteridge sono veri e propri modi di vivere, che avvolgono il corpo e vestono l’anima. Taglio moderno e gusto classico, è questo il binomio che fa di un abito Gutteridge un capo senza tempo, per la gioia dell’uomo che vuole essere al passo con i tempi senza mai rinunciare alla propria eleganza.