TELEVISIONE

Le piccole grandi bugie di Nicole Kidman e Reese Witherspoon

A metà tra mistery e dramma, con qualche tocco di humor nero, è arrivato anche in Italia Big Little Lies, Piccole grandi bugie, nuova mini-serie di Sky Atlantic HD che vede il debutto televisivo di Nicole Kidman e Reese Witherspoon. Le due attrici premio Oscar, oltre che volti, sono anche le produttrici di questo serial in onda sul canale americano HBO.

Insieme alle due interpreti ritroviamo Shailene Woodley, protagonista di Colpa delle Stelle e della serie sci-fi cinematografica Divergent, e la candidata all’Oscar Laura Dern.

Ispirato al romanzo omonimo di Liane Moriarty, edito in Italia da Mondadori, il telefilm si apre con un misterioso omicidio e un’indagine in corso.

Premetto di non aver letto il romanzo, anzi, di non averne neppure mai sentito parlare a dispetto delle sei milioni di copie vendute in tutto il mondo, quindi non so quanto il telefilm sia fedele alle pagine del libro, ma ho amato ogni singola caratterizzazione dei personaggi.

Un cast di tutto rispetto, che porta sul piccolo schermo equilibri e drammi delle relazioni inter-familiari di tre donne molto diverse tra loro: Celeste (la Kidman) è una bellissima donna sui cinquanta sposata con un uomo più giovane, Madeline (Witherspoon) che soffre la crescita delle sue figlie accanto alla compagna dell’ex marito, e infine Jane (Woodley), madre single con un misterioso passato alle spalle.

Leggo dal web che la sostanziale differenza tra il romanzo e la produzione televisiva è l’ambientazione: Australia per il primo, Monterey in California la seconda.

Gli episodi sono tutti diretti dal regista canadese Jean-Marc Vallée, che tra i suoi successi annovera anche l’intenso e pluripremiata pellicola Dallas Buyers Club.

Nicole Kidman in Big Little Lies (2017)

Questa produzione conferma l’inversione di tendenza cui assistiamo da qualche anno. È sempre più sottile infatti la linea di demarcazione tra cinema e buona televisione, e sono sempre di più i premi Oscar votati al piccolo schermo per produzioni di nicchia o lunga serialità. In principio fu Meryl Streep che nel 2003 ritornò alla televisione per Angels in America, poi fu la volta di Glenn Close con The Shield, Kathy Bates in Harry’s Law e ancora Jessica Lange con American Horror Story, sono sempre di più gli attori e le attrici che alternano o preferiscono con nonchalance il tubo catodico. Merito, forse, della qualità sempre più alta, di una maggiore libertà, di un pubblico ben più ampio per un rilancio della propria immagine.

La prossima sarà Susan Sarandon che proprio accanto alla Lange reciterà in Feud, antologica che farà rivivere il mito della rivalità tra Bette Davis e Joan Crawford, portando in TV anche Catherine Zeta-Jones.

Laura Dern, Reese Witherspoon, and Shailene Woodley in Big Little Lies (2017)

Big Little Lies ha un respiro autorale, ma non stanca lo spettatore con pause o silenzi esasperanti e esasperati.

È raggiante la Whitherspoon nel ruolo un po’ nevrotico di mamma dell’alta borghesia, così come la Kidman, un po’ prigioniera nel ruolo di invidiata donna perfetta, che dietro le apparenze nasconde l’ombra della violenza domestica. Era difficile per la giovane Shailene riuscire a brillare accanto a due star come la Kidman e la Whiterspoon, eppure la giovane attrice riesce a ritagliarsi i suoi momenti, nonostante il suo sia un ruolo solo in superficie dimesso e di secondo piano.

Il telefilm indaga i rapporti dell’animo umano, quelli interpersonali, la famiglia, l’amore, l’amicizia tra donne.

Senza ansie, né smanie da puntata successiva, Big Little Lies riesce comunque a incuriosire il lettore che non vede l’ora di scoprire, nei prossimi episodi, chi sia l’assassino e chi la vittima, a chi appartenga la verità e a chi queste piccole grandi bugie.

INTERNATTUALE

Professione “influencer”: cosa si nasconde davvero dietro al successo delle webstar

Noti sul web soprattutto ai giovanissimi, sono per lo più sconosciuti al grande pubblico. Nomi da milioni di follower e visualizzazioni on-line, che poco o nulla dicono nella vita reale. Sono le webstar, abbastanza famosi su internet da essere considerati “influencer”, in grado con un solo post di influenzare i loro fan, ma ancora poco noti fuori dal loro ambiente di riferimento. Vere e proprie celebrità del settore che pian piano invadono anche la vita fuori dal web, con contratti milionari per libri, moda, programmi televisivi.

Lo dimostrano i tre fenomeni del momento, la fashion blogger Chiara Ferragni, e i YouTuber Francesco Sole e Sofia Viscardi, ultima, di una serie di celebrity spuntate improvvisamente dal web.

Chiara FerragniNota per la sua attività di fashion blogger, Chiara Ferragni ha fondato il suo sito, The Blond Salad, soltanto nel 2009: «Eravamo fidanzati e abbiamo iniziato con 500 euro – ha raccontato l’ex della Ferragni, Riccardo Pozzoli, lo scorso anno al settimanale Grazia – ora fatturiamo 6 milioni l’anno».

Alla domanda su quale sia il segreto di un successo, tutto italiano, a livello planetario, l’uomo risponde: «E chi lo sa! In realtà non c’è una spiegazione logica. Ci vogliono costanza, dedizione, precisione. Ma anche con tutto questo, non è detto che arrivi il successo. Il carisma mediatico è qualcosa di inspiegabile».

Ma davvero basta semplicemente il carisma per avere tanto successo?

Ad appena un anno dal lancio del suo sito, la Ferragni nel 2010 aveva già firmato una linea di scarpe, comparendo in programmi televisivi come i TRL Awards di MTV: «Non veniamo da famiglie con problemi economici, ma non siamo ricchi – dice Pozzoli a chi malignamente crede che dietro questo fenomeno mediatico ci sia altro – fa parte della mentalità italiana credere che il successo debba per forza arrivare da una scorciatoia […] mia madre ha una boutique a Magenta, in provincia di Milano, mio padre vende auto e moto d’epoca. Il padre di Chiara è un dentista di Cremona».

Quello che però Pozzoli si dimentica di dire è che la madre di Chiara è la scrittrice Marina Di Guardo, che ha a lungo lavorato nel mondo della moda, ed ha raccolto foto ed esperienze in un altro blog molto seguito, The Travel Passion: «Ho iniziato molto giovane a lavorare per lo show room di Blumarine, mi occupavo delle vendite per l’Italia e, parlando bene l’inglese, il francese e un po’ di tedesco, di quelle per l’estero. Curavo anche i rapporti con la stampa e organizzavo la campagna vendite» ha detto la stessa Di Guardo sul blog Mamme con i tacchi a spillo, e ha aggiunto: «La mia Chiarotta ha respirato aria di moda sin da piccolissima».

Oggi, casualmente, “Chiarotta” è uno dei nomi più importanti del mondo della moda. Può decretare il successo o il fallimento di un capo con una sola foto su instagram, ed ha un nutrito gruppo di follower sui social che sfiorano gli 8 milioni. Ha collaborato con tutti i marchi più prestigiosi dell’haute cuture, è apparsa in programmi televisivi statunitensi come Project Runway e ha pubblicato il libro The Blond Salad (Mondadori).

Forse Chiara sarà dotata di talento, gusto e, soprattutto, una innegabile bellezza, ma il dubbio, per chi tenta con meno successo di trovare la propria strada on-line, resta: l’insalata della bionda sarebbe stata altrettanto invitante se fosse stata figlia del nullatenente proletariato?

Francesco Sole - internettualeMa quello della Ferragni non è il solo caso. Tra le webstar improvvisamente assurte alla celebrità televisiva, quello di Gabriele Dotti, in arte Francesco Sole è il nome più sospetto. La sua pagina facebook vanta oggi 1.600.000 follower, conquistati a suon di like a foto e, soprattutto, video dall’apparente aspetto casareccio, semplice, ma in realtà sin troppo curati dal punto di vista tecnico. Possibile che uno sconosciuto investa tanto e diventi in poco tempo una celebrità?

Alla fonte del suo successo ci sarebbe in realtà il talent scounting di Francesco Facchinetti, il quale, insieme a Selvaggia Lucarelli e a un’altra sua scoperta del web, Frank Matano, hanno condiviso i post della pagina di Sole, accrescendone immediatamente la popolarità e il successo mediatico, che gli sono valsi la co-conduzione di Tú sí que vales in coppia con Belen Rodriguez e, manco a dirlo, la pubblicazione di ben due libri. Sempre per Mondadori.

Immediate le proteste del popolo della rete rete che con l’hashtag #SelvaggiaNonMentire ha tentato, inutilmente, di spingere la giornalista a dire che dietro il suo endorse spontaneo ci fosse in realtà di più.

Sofia Viscardi Succede - internettualeUltimo caso quello di Sofia Viscardi, diciotto anni appena, alla quale il magazine PANORAMA dedica questa settimana un servizio a sei colonne dal titolo La ragazza da un milione di follower.

Sofia pubblica ogni lunedì sul suo canale YouTube dei brevi video in cui parla con disinvoltura di se stessa e dei piccoli grandi problemi della sua vita di adolescente: come scuola e compiti. Ogni clip è curata sia nell’audio, con tanto di jingle simil sit-com in background, sia nella parte grafica. Ogni video ha una media di mezzo milione di visualizzazioni, ed ha portato anche Sofia alla pubblicazione di un romanzo, Succede, sempre per Mondadori editore.

Tra i successi della ragazza, che ha mosso i primi passi on-line soltanto tre anni fa, ad appena quindici anni, c’è l’intervista allo scrittore di Gomorra. Un caso? Probabilmente no.

Come si legge dallo stesso articolo su Panorama, Sofia è figlia d’arte: “suo papà ha un’agenzia di eventi, è grazie a una festa organizzata da lui che ha conosciuto e intervistato Roberto Saviano”.

Ma nel mare delle possibilità della rete, è davvero possibile trovare ancora il petrolio della notorietà?

Come mai alcuni video su YouTube racimolano appena qualche centinaio di visualizzazioni ed altri crescono in maniera esponenziale? Perché un blog, anche se scritto bene, non riesce mai ad emergere dall’anonimato dei “tanti”?

Che sia “carisma” come ha detto Pozzoli della Ferragni, una “faccia furba” come dice la Lucarelli di Sole o la “costanza” che si legge nell’articolo sulla Viscardi, queste qualità da sole di certo non bastano. L’Itali è piena di giovani di belle speranze e di talento che smanettano ogni giorno su smartphone e PC sgomitando inutilmente per farsi notare sul web. Internet è un animale vorace che fagocita in fretta i pesci piccoli e, senza una spinta iniziale (economica o di popolarità), li cannibalizza gettandoli nel dimenticatoio.

È molto più probabile invece che dietro questi “fenomeni virali” si nascondano piccoli investimenti a basso rischio da parte di colossi più grandi per testare in sordina il “personaggio” del momento. Si prosegue per un po’ sul web, per fidelizzare uno zoccolo duro di pubblico e si finisce col trovare uno sbocco altrove: in libreria, in televisione, nella pubblicità. Chiaro che dev’esserci anche un talento di fondo e un riscontro di pubblico, ma è altrettanto vero che senza una precisa strategia di lancio si finirebbe nel dimenticatoio nel giro di pochi post “felici”.

Bisogna dunque sfatare il mito di queste Cenerentole del web, perché non ci sono scarpette di cristallo e lieti fini in queste favole contemporanee, ma solo nuove strategie di marketing per garantire vendite e audience.

CINEMA

The Dressmaker, il nuovo film con Kate Wislet: il diavolo è tornato davvero?

Kate Winslet The Dressmaker poster - internettuale - CopiaPropagandato dal trailer come una nuova commedia glamour-chic, The Dressmaker è in realtà un buon dramma con sprazzi di humor sorretto dal premio Oscar Kate Winslet, il cui sottotitolo, il diavolo è tornato, forte del tema della moda che ritorna, è soltanto un modo per ricollegarlo idealmente a quello che fu Il Diavolo veste Prada del 2006.

Sulla falsariga di Dogville, il film parla della designer di moda Tilly Dunnage, che ritorna dopo anni nella sua cittadina di origine nel deserto australiano, pronta a vendicarsi dei torti subiti nell’infanzia dai suoi abitanti e a far luce su di un omicidio che ha sconvolto la piccola comunità prima che lei la abbandonasse per partire per l’Europa.

Convinta di essere maledetta, Tilly proverà anche a riconquistare la fiducia delle concittadine vestendole come modelle di Parigi, e a ritrovare l’amore grazie a Teddy McSwiney, interpretato dall’aitante Liam Hemsworth, che presta il volto e soprattutto il corpo al bell’operaio australiano che turba i pensieri e il cuore della protagonista.

Con la Winslet un cast di ottimi attori, dalla due volte candidata all’Oscar Judy Davis, nel ruolo di sua madre, a Hugo Weaving.

The Dressmamaker Kate Winslet libro book mondadori - internettualeDiretto dalla regista Jocelyn Moorhouse, il film è tratto dall’omonimo romanzo di Rosalie Ham edito in Italia da Mondadori. Per chi si aspetta il nuovo cult à la Meryl Streep e Anne Hathaway probabilmente resterà deluso, perché in realtà il diavolo non è affatto tornato. Ma se desiderate guardare una pellicola che possa emozionarvi e comunque divertirvi facendovi riflettere sul chiacchiericcio e la diffidenza delle persone che a volte possono ferire come coltelli, allora The Dressmaker vi mostrerà quanto la vendetta sia un piatto che va servito freddo e che a volte è la sola scelta che rimane.