ART NEWS

Dentro Caravaggio, a Palazzo Reale fino al prossimo 28 gennaio

Iniziata lo scorso 29 settembre, Dentro Caravaggio è un’antologica che si propone di ripercorrere la carriera del noto pittore lombardo in maniera inedita. A Palazzo Reale a Milano fino al prossimo 28 gennaio, la mostra ha messo insieme ben venti delle opere maggiori dell’artista provenienti dai più importanti musei italiani e del mondo, mostrandone al contempo, e per la prima volta, gli esami diagnostici ai raggi X.

Non potevo esimermi dal seguire il flusso degli oltre 70.000 visitatori che, ad oggi, hanno già prenotato il biglietto d’ingresso per quello che è un vero e proprio evento d’Arte e di cultura del capoluogo lombardo.

Un’audioguida, inclusa nel biglietto, si concentra soprattutto sulla tecnica con la quale Caravaggio ha realizzato ogni singola opera: preparazioni bianche, scure o rosse diventano parte delle tele realizzate per lo più a risparmio, dove un Caravaggio povero, ma già famoso, dipinge, anzi, illumina soltanto ciò che desidera mostrare all’osservatore, incidendo con la spatola dettagli che talvolta non realizzerà mai, mentre alle parti in penombra e alle zone scure l’arduo compito di rappresentare un’indefinita quanto immaginifica scena come in un teatro-libro di ronconiana memoria.

I dipinti raccontano tacitamente la vita di un artista talentuoso e bellicoso, irascibile, che ai salotti mondani preferisce sbronzarsi in osteria tra prostitute e delinquenti, e coinvolto spesso in risse e duelli che lo porteranno a fuggire a Napoli prima e in Sicilia poi, fino a Malta trovando la morte lungo il cammino di ritorno a casa, come un tragico eroe omerico a soli trentanove anni.

La devozione per le figure, per lo più religiose, si sovrappone a volte ad una iconografia pagana, come dimostrano i torsi atletici e possenti dei due San Giovanni Battista, l’uno delle Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma, ritratto in meditazione come un novello Galata morente, con tutta la dignità e il vigore di un eroe epico che trova la salvezza nella fede, l’altro, oggi al Nelson-Atkins Museum of Art di Kansas City, più cupo, immerso in una natura oscura e simbolica.

Tratti, rimaneggiamenti, che mostrano un Caravaggio spesso in conflitto con sé stesso e con ciò che voleva rappresentare davvero, e che trova la consacrazione quando riuscirà a spogliarsi di quei timori che i sotto-strati di pittura celano e conservano: come dimostra la figura dominante dell’angelo di spalle che campeggia al centro della scena del Riposo durante la fuga in Egitto, ingrandito fino a diventare il vero protagonista del dipinto, o l’uomo di spalle nell’Incoronazione di spine di Prato.

Personaggi secondari, spesso di spalle, chinati, addirittura proni, che sovversivamente diventano i silenziosi protagonisti di una naturale quotidianità che Merisi cattura anticipando la fotografia. Lo conferma il famoso (auto)ritratto del Ragazzo morso da un ramarro, dove il soggetto pronto per mettersi in posa per farsi ritrarre è invece paradossalmente catturato in un improvviso momento di disequilibrio compositivo, di paura per quel morso che gli porta a ritrarre la mano e aggrottare le sopracciglia in un’espressione buffa, che strappa quasi un sorriso allo spettatore che vede il quadro. Un momento concitato, come quel cambio di rotta della mano sinistra, prima dipinta accanto al viso del ragazzo e poi lasciata così come oggi noi tutti la vediamo, sospesa in secondo piano.

Le opere sfilano una ad una al centro delle grandi sale di Palazzo Reale che quasi scompare nella penombra delle luci soffuse e dagli ampi pannelli che ospitano i quadri, dietro i quali, proprio come un gioco in negativo, si nascondono degli LCD che mostrano video-installazioni degli esami ai raggi X cui sono state sottoposte, rivelando piccole modifiche in corso d’opera o ripensamenti, censure o vere e proprie sostituzioni dei personaggi ritratti, giungendo persino a svelare opere precedenti, come una Madonna orante nascosta sotto la Buona Ventura Capitolina, destinate a rimanere nascoste sotto gli strati di pittura che altrimenti l’occhio umano non vedrebbe mai.

A chiudere un percorso straordinario sono ben due i dipinti napoletani che prendono parte a questa rassegna: la flagellazione di Cristo del Museo di Capodimonte e Il Martirio di Sant’Orsola delle Gallerie d’Italia, che dal 30 novembre diventerà protagonista assoluto di L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri, alle omologhe Gallerie d’Italia milanesi fino all’8 aprile.

Una mostra, questa, che getta nuove basi per gli studi caravaggeschi, e di cui comprendi l’importanza solo quando ti ritrovi faccia a faccia con la Madonna di Loreto (o dei Pellegrini), portata nelle sale direttamente dalla Basilica di Sant’Agostino in Campo Marzio a Roma; dinanzi al volto di una delle tante prostitute che Michelangelo Merisi ha reso immortali nelle fattezze delle maddalene, di eroine e di Vergini oggi note in tutto il mondo, osservi una realtà fatta di imperfezioni, di unghie sporche, di persone di spalle e pose sbagliate, una realtà fatta di le luci e di ombre, le stesse che Caravaggio ha saputo cogliere nelle sue opere senza tempo.

Per maggiori informazioni:

www.caravaggiomilano.it

Annunci
ART NEWS

Le tempere della Belle époque di Boldini a Pistoia da settembre 2017

Giovanni Boldini
(Ferrara 1842 – Parigi 1931)
La stesa dei panni (Decorazione parete sud della sala da pranzo della Falconiera)
1868

Giovanni Boldini La stagione della Falconiera è questa la rassegna che arriverà nei Musei dell’Antico Palazzo dei Vescovi a Pistoia dal 9 settembre al prossimo 6 gennaio 2018, e che farà parte del ricco programma di Pistoia Capitale Italiana della Cultura.

L’esposizione è stata fortemente voluta dal gruppo Banca Intesa come evento di spicco tra quelli del 2017.

Curata da Francesca Dini con la collaborazione di Andrea Baldinotti e Vincenzo Farinella, la mostra si propone di essere l’evento culturale più importante dell’anno.

Il titolo della rassegna prende spunto da un ciclo di pitture murali e tempera realizzate da Boldini durante il suo periodo toscano alla fine del XIX secolo a Villa La Falconiera, che apparteneva alla mecenate inglese Isabella Falconer.

Un ciclo, di cui oggi si era persa quasi la memoria e che rappresenta un unicum nella storia della pittura italiana. Boldini infatti aveva aderito alla corrente dei macchiaioli in modo del tutto personale prima del suo arrivo a Parigi nel 1871. Qui il pittore ferrarese diventerà il più noto ritrattista e al tempo stesso icona della Belle Époque.

Il ritrovamento di questo ciclo pittorico lo si deve a Emilia Cardona Boldini, vedova e biografa del maestro, la quale era a conoscenza di questo lavoro giovanile, giungendo a Villa La Falconiera sulla scia di vaghe voci. Dopo averla ispezionata completamente, trovò il ciclo pittorico in una vecchia rimessa degli attrezzi, originariamente sala da pranzo dell’antica Villa.

La vedova acquista la proprietà nel 1938, trasferendovi tutte le cose appartenute a Boldini, dalle suppellettili ai dipinti, facendone la sua dimora personale.

Oggi lo stacco di questo ciclo pittorico, che è stato restaurato e trasferito all’interno degli ambienti del Palazzo dei Vescovi a Pistoia è oggetto di studio, ma la sua storia è ancora poco nota al grande pubblico.

La mostra vuole dunque far riscoprire il noto artista italiano, e la straordinaria vicenda di questi affreschi, ponendoli al centro di un evento importante in un momento importante per la cittadina pistoiese.

Un momento di grande creatività giovanile dell’artista, che verrà degnamente celebrato con questa importante esposizione.

Giovanni Boldini
(Ferrara 1842 – Parigi 1931)
Ritratto di Telemaco Signorini
1870
Giovanni Boldini (Ferrara 1842 – Parigi 1931) Alaide Banti in abito bianco 1866

Il percorso comprende sedici dipinti realizzati da Boldini durante il suo soggiorno toscano, che provengono da collezioni pubbliche e private: tra questi Marina, custodita a Milano, che ha una sua trasposizione a tempera proprio nel ciclo della Falconiera. I visitatori potranno vedere anche i ritratti di Telemaco Signorini e Cristiano Banti, della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti a Firenze, artisti elegantissimi molto legati a Boldini, che continuarono a sostenerlo anche dopo il suo soggiorno toscano.

Non poteva mancare il Giovane paggio che gioca con un levriero del 1859, molto innovativo per la posa e per i colori.

La mostra sarà corredata da un catalogo a cura di Francesca Dini come la mostra, edito da Sillabe.

I ritratti di Boldini raccontano volti, fatti e vizi di una società: «La mostra su Boldini consegue due obiettivi essenziali – ha spiegato Alessio Colomeiciuc, presidente di Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia, promotrice del progetto espositivo – non solo arricchisce il ventaglio delle iniziative di valorizzazione del patrimonio artistico pistoiese proponendo il nome di un pittore di sicuro successo, ma garantisce anche la migliore celebrazione di un episodio unico nella storia dell’arte dell’Ottocento italiano, rappresentato dalle suggestive Tempere murarie eseguite da Boldini all’interno della villa Falconiera. Sono lieto che la nostra banca abbia saputo, anche in questa occasione, coniugare l’attività creditizia con la promozione culturale del territorio, rendendo possibile un progetto di grande qualità e bellezza come questa mostra inedita».

ART NEWS

Dentro Caravaggio, mostra epocale a Palazzo Reale a Milano dal 29 settembre

Si intitola Dentro Caravaggio, e non sarà una semplice mostra, ma un evento unico e irripetibile che metterà insieme, per la prima volta, ben 20 opere del maestro milanese provenienti dai più importanti musei italiani e del mondo. Tra gli enti che impreziosiranno la mostra con i loro prestigiosi prestiti, sono ben due le gallerie napoletane che in qualche modo prendono parte all’evento: il Palazzo Zevallos-Stigliano, con quello che è considerato l’ultimo quadro del maestro, Il Martirio di Sant’Orsola, che sarà possibile vedere nell’ambito della mostra L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri presso le Gallerie d’Italia (Piazza Scala) con un ingresso ridotto per chi visita questa mostra, e il Museo di Capodimonte, che custodisce invece la Flagellazione di Cristo, dipinta da Caravaggio per la cappella della famiglia De Franchis nella Chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli. Queste due opere, insieme a quelle di Galleria degli UffiziPalazzo Pitti e Fondazione Longhi a Firenze, e a quelle della Galleria Doria PamphiljMusei CapitoliniGalleria Nazionale d’Arte Antica-Palazzo CorsiniGalleria Nazionale d’Arte Antica-Palazzo Barberini di Roma e molti altri, fanno parte di un evento straordinario che illumina le sale di Palazzo Reale a Milano.

Caravaggio, Martirio di Sant’Orsola, Palazzo Zevallos-Stigliano. Napoli

Dal Metropolitan Museum of Art di New York, che in Italia ha già portato i Musici (a Napoli fino a luglio), arriverà invece la Sacra famiglia con San Giovannino, la National Gallery di Londra presterà la sua Salomé con la testa del Battista, mentre il Museo Montserrat di Barcellona sarà presente con il suo San Girolamo.

Ma sarebbe prolisso, e forse un po’ noioso, fare uno sterile elenco completo dei tanti musei che prendono parte a questa rassegna, che aprirà le sue porte al pubblico il prossimo 29 settembre, giorno in cui cade anche il 446esimo compleanno del maestro italiano, e che farà di Milano, casa natale dell’artista, capitale dell’arte rinascimental-barocca fino al 28 gennaio 2018.

La mostra è interessante perché insieme alle opere, saranno esposte anche le rispettive immagini radiografiche, che consentiranno al pubblico di seguire di ogni opera la concezione iniziale che ne ha avuto Caravaggio fino alla realizzazione finale: «Sono emerse così – afferma in merito la curatrice Rossella Vodret – alcune costanti nelle modalità esecutive di Caravaggio, ma sono venuti anche alla luce elementi esecutivi inaspettati e finora del tutto sconosciuti: dagli strati di pittura sono affiorate una serie di immagini nascoste. Inoltre è stato sfatato il mito che Caravaggio non abbia mai disegnato, dacché sono apparsi tratti di disegno sulla preparazione chiara utilizzata nelle opere giovanili».

Grazie a una serie di riflettografie e radiografie, che penetrano in diversa misura sotto la superficie pittorica, si è potuto seguire il procedimento creativo di Caravaggio, quelli che sono stati pentimenti, rifacimenti, aggiustamenti nell’elaborazione della composizione dell’immagine.

Emblematico è il San Giovannino di Palazzo Corsini, dove le analisi della tela hanno mostrato la presenza del simbolo iconografico dell’agnello che successivamente è stato eliminato.

Dal 2009 infatti il MiBACT, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Romano e con l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, promuove una approfondita ricerca sulla tecnica pittorica di Caravaggio.

Organizzata e prodotta da Comune di Milano-CulturaPalazzo Reale e MondoMostre Skira, la mostra vede la collaborazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che trova gli allestimenti dello Studio Cerri & Associati.

Per quanto concerne le attività diagnostiche e l’esposizione partner è il Gruppo Bracco.

A corredare ulteriormente le sale di Palazzo Reale, alcuni preziosi documenti dall’Archivio di Stato di Roma e di Siena, che andranno meglio a raccontare l’esperienza umana e artistica di Caravaggio.

Curata dalla Vodret, coadiuvata da un prestigioso comitato scientifico presieduto da Keith Christiansen, la mostra ruota essenzialmente intorno a due cardini: le indagini diagnostiche e le nuove documentazioni critiche fatte sulle opere di Caravaggio, e le nuove ricerche documentarie che hanno  riscritto la cronologia giovanile dell’artista..

Un evento che idealmente si propone di riprodurre la prima epocale mostra sull’opera di Caravaggio del Novecento, a cura di Roberto Longhi, che nel 1951, proprio a Palazzo Reale a Milano, consentì all’Italia e al mondo di riscoprire l’immortale arte di Caravaggio.

TELEVISIONE

Paolo Sorrentino elegge un nuovo papa per una nuova produzione TV

Paolo Sorrentino elegge un nuovo papa, ma non si tratta del seguito dell’acclamata serie The Young Pope. Il regista Premio Oscar per La Grande Bellezza, sarà infatti impegnato nelle riprese di The New Pope, il nuovo Papa, una nuova serie, nuovamente in collaborazione con il canale americano via cavo HBO, che porterà di nuovo Sorrentino dentro le mura del Vaticano.

James Cromwell and Diane Keaton in The Young Pope (2016)

Ma non ci sarà Papa Belardo e Suor Mary, ovvero Jude Law e Diane Keaton questa volta, né, pare, si tratti di un seguito della prima fortunata serie.

I casting infatti per trovare il volto del nuovo pontefice e di tutti i personaggi che animeranno questa nuova serie sono appena cominciati. Forte della vendita in ben 110 paesi nel mondo di un telefilm ormai cult, questa nuovo serial è scritto dallo stesso Sorrentino in collaborazione con Umberto Contarello, ed è prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e co-prodotta da Mediapro. Distributore internazionale è FremantleMedia International.

Grande delusione dunque per chi aveva visto nel finale aperto di The Young Pope la possibilità di una seconda stagione che, a questo punto, sfuma completamente con questo nuovo progetto.

Ho sempre temuto i seguiti, le seconde stagioni le produzioni dovute ad un grande successo o comunque un prodotto il cui ciclo vitale sembra essersi esaurito già nel momento in cui si trasforma inconsapevolmente in un cult.

La produzione partirà alla fine del 2018.

Nel frattempo Toni Servillo, attore prediletto di Sorrentino, ha confermato da Fabio Fazio l’indiscrezione che circolava da tempo sul desiderio di girare un film intorno alla figura di Silvio Berlusconi da parte del regista napoletano. L’attore vestirà i panni del Cavaliere ed ex Premier, che per Sorrentino aveva già interpretato Giulio Andreotti ne Il Divo, e che ritorna adesso davanti alla macchina da presa dopo La Grande Bellezza.

ART NEWS

La Basilica di San Benedetto a Norcia messa in “gabbia”

A quasi un mese dalla terribile scossa di terremoto che ha colpito nuovamente il Centro Italia, a Norcia, piccolo comune nella provincia di Perugia, si pensa non soltanto al benessere dei cittadini sopravvissuti al sisma, ma anche al recupero delle sue prestigiose opere d’arte. A cominciare dalla Basilica di San Benedetto, gravemente distrutta dalla scossa dello scorso 26 e 30 ottobre.

Oggi alle ore 12 sono cominciati i lavori della messa in sicurezza della facciata superstite e parte della cosiddetta “vela”. È stata infatti costruita una “gabbia”, una grande struttura di tubi innocenti alta circa 18 metri, che avrà il compito di garantire l’equilibrio alle parti dell’imponente struttura che ancora sono rimaste in piedi.

Secondo la leggenda la Basilica sorge dov’era la casa natale dei Santi Benedetto e Scolastica, nati nel 480 d.C. A farne menzione è lo stesso Gregorio Magno nella sua opera i Dialoghi. Elevata a rango di Basilica da Papa Paolo VI nel 1968, dagli anni 2000 essa è sede della comunità monastica maschile benedettina Maria Sedes Sapientiae.

L’attuale nucleo del complesso ecclesiastico risale al XIII secolo, quando l’impianto fu notevolmente ampliato.

Oggi dell’importante struttura perugina restano soltanto la facciata e l’abside. Il corpo centrale è stato per lo più distrutto dal crollo dell’adiacente campanile che ha travolto la chiesa riducendola ad un cumulo di macerie.

gabbia-basilica-san-benedetto-norcia1L’importante opera di manutenzione e recupero è stata realizzata in appena un mese e mezzo dall’accaduto, a pochi metri di distanza dalle stesse macerie dell’antica basilica di origine Medievale.

A collocare questa struttura tubolare a ridosso della facciata sarà una grande gru, già collocata a Piazza San Benedetto.

Il responsabile del nucleo interventi, Luca Nassi, ha detto ad ANSA: «Ci sarà in pratica – ha aggiunto – una unica struttura che abbraccerà la facciata sui due lati impedendo qualsiasi movimento. A quel punto sarà possibile rimuovere in sicurezza i detriti e le macerie della basilica».

A tenere salda la struttura saranno due piattaforme in cemento realizzate a ridosso del sagrato della basilica.

I finanziamenti per questa importante operazione di recupero storico-artistico e culturale sono del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

CINEMA

“Napoli velata”, il prossimo film di Ferzan Ozpetek completamente girato a Napoli

È un festival del cinema ricco di sorprese, quello di Venezia 73, che oltre i film in concorso vede l’annuncio di interessanti titoli di prossima produzione. Se Paolo Sorrentino infatti ha annunciato il titolo del suo prossimo film, Loro, biopic assolutamente non autorizzato incentrato sulla vita dell’ex Premier Silvio Berlusconi, anche Ferzan Ozpetek, in questi giorni al Lido come Presidente di Giuria del Premio MigrArti al miglior documentario, ha già annunciato il titolo del prossimo set che lo vedrà impegnato dietro la macchina da presa.

Ultimate le riprese di Rosso Istanbul, film tratto dal suo omonimo romanzo girato nella sua città natale, con un cast turco la cui uscita, in Turchia, è prevista per febbraio 2017, il regista di Mine Vaganti è già proiettato sul suo prossimo film da girare, che lo riporterà di nuovo nel nostro Paese.

ferzan-ozpetek-in-istanbul-kirmizisi-rosso-istanbul-internettualeNapoli velata, questo il titolo del film che probabilmente riusciremo a vedere solo nel 2018. Ozpetek infatti sta attualmente lavorando alla sceneggiatura insieme a Gianni Romoli, già a lavoro con il regista in quello che per molti è il suo capolavoro, Le fate ignoranti, ma anche nell’acclamato Cuore sacro. Facile dunque intuire i toni della pellicola che, dopo Allacciate le cinture, potrebbe portare il regista a indagare ancora le atmosfere un po’ cupe e misteriose degli esordi: «Spero proprio di iniziarne le riprese la prossima primavera, subito dopo l’uscita nelle sale di ‘Rosso Istanbul’» scrive questa mattina Ozpetek sui social.

Che il film alluda anche alla Cappella San Severo e al suo famoso Cristo Velato? Non possiamo saperlo. Di certo il titolo lascia intendere una presenza predominante della città, la quale tra vicoli vedute e monumenti saprà senza dubbio rappresentare la scenografia e l’ideale protagonista silenziosa della prossima pellicola del regista naturalizzato italiano.

Il film, di cui Ozpetek non ha reso noto la trama e il cast che lo comporrà, sarà interamente girato nel capoluogo partenopeo agli inizi del prossimo anno, e sarà realizzato dalla R&C Produzioni: «Dopo Roma e Lecce, anche Napoli mi abita dentro da sempre, soprattutto dopo ‘La Traviata’ al San Carlo – ha scritto oggi il regista su facebook – Devo tornarci per restituirle quel pezzo di cuore che le ho rubato».

ART NEWS, CINEMA

Debutta il 24 maggio a Roma “La Traviata” di Sofia Coppola con i costumi di Valentino

Debutta il 24 maggio al Teatro Costanzi di Roma La Traviata di Verdi, che vede alla regia l’italoamericana premio Oscar Sofia Coppola.

L’Opera e il cinema, due realtà parallele che s’incontrano di tanto in tanto come pianeti che danzano nello spazio. Ed è una Traviata molto attesa quella della regista al suo debutto nella lirica, che si avvale delle scenografie di Nathan Crowley, già scenografo de Il Cavaliere Oscuro, e dei costumi di uno dei massimi nomi dell’haute couture italiana, Valentino, che per l’occasione è ritornato personalmente a disegnare i costumi dei ruoli principali, lasciando invece a Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, direttori creativi della sua maison, i costumi di Flora e del coro, realizzati in collaborazione con la sartoria del Teatro dell’Opera.

Marie Antoinette Sofia Coppola Traviata Opera Roma - internettualeUn’idea che nasce dallo stesso Valentino Garavani, che ha fortemente voluto la regia della Coppola dopo averne ammirato la trasposizione in chiave pop della biografia della regina di Francia in Marie Antoinette con Kirsten Dunst.

La storia è ormai un classico. La giovane, ma cagionevole, Violetta Valéry, corteggiata donna della nobiltà parigina di metà Ottocento, si innamora per la prima volta, ricambiata, del giovane Alfredo, la cui relazione è fortemente osteggiata dal padre di lui, che si oppone all’idea che il figlio possa sposare una donna dal torbido passato.

A dirigere l’orchestra ci sarà invece il maestro cremonese Jader Bignamini, direttore associato della Verdi di Milano. A interpretare Violetta ci sarà Francesca Dotto e Maria Grazia Schiavo, mentre Alfredo avrà il volto, e la voce soprattutto, di Antonio Poli, Arturo Chacón-Cruz e Matteo Desole.

E se per ora nulla o poco è dato sapere, di una cosa è certo il Ministro Dario Franceschini che in questi giorni ha incontrato la Coppola: «Un accostamento di sicuro successo che si potrebbe ripetere anche in futuro» e che per ora sarà replicata per quindici volte fino al prossimo 30 giugno.

Quella che si preannuncia come una sontuosa messa in scena della nota opera verdiana, si propone di avvicinare i giovani al mondo della lirica, con la freschezza apportata dalla regista di film cult quali Il Giardino delle Vergini Suicide e Bling Ring, e l’estro creativo, tutto italiano di Valentino Garavani e della sua prestigiosa casa di moda che aggiungono alla storia ispirata al romanzo La Signora delle Camelie del francese Alexandre Dumas (figlio) un tocco glamour e contemporaneo.

Maggiori informazioni al link.

ART NEWS

La pinacoteca Francesco Podesti di Ancona riapre al pubblico dal 9 giugno

Pinacoteca Ancona sala Pietro Zampetti - internettualeDal prossimo 9 giugno Ancona avrà di nuovo la sua Pinacoteca. Chiusa al pubblico dal 2012, per sottoporre l’edificio a lavori di adeguamento alle attuali norme vigenti, la Pinacoteca civica Francesco Podesti sarà finalmente restituita al suo pubblico. A farne l’annuncio il sindaco della città, Valeria Mancinelli, la quale ha detto: «La riapertura restituisce ai cittadini il loro patrimonio storico e culturale».

Degli originari quasi 4000 mq per ora saranno aperti al pubblico solo 1400 circa, di cui 650 fanno sostanzialmente parte di Palazzo Bosdari, sontuoso edificio rinascimentale appartenuto all’omonima nobile famiglia della Repubblica di Ragusa, le cui origini sarebbero addirittura serbo-croate.

Gli altri 700 metri quadri, che comporranno questa prima parte del nuovo percorso di visita, fanno parte dell’ampliamento dagli spazi dell’adiacente Palazzo Bonomini. Entro l’anno troveranno una nuova sistemazione anche il chiostro e il portone principale dell’antica costruzione residenziale, che comprende anche la biglietteria e la sala conferenze, per un totale di altri 500 metri quadri che si andranno ad aggiungere a quelli finora recuperati e già fruibili.

Per la parte che rimane invece bisognerà attendere l’arrivo di nuovi fondi che ne consentano la ristrutturazione e riapertura. L’ingresso al museo è stato temporaneamente posto in Vicolo Foschi, per un percorso di visita che affiancherà alle opere d’arte del passato quelle della scena artistica contemporanea.

Uncategorized

La storia dei ragazzi del Siani per salvare la Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi a Napoli

La Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi è parte di un complesso monastico sito in Piazzetta Monteoliveto a Napoli, e rappresenta uno straordinario esempio dell’arte rinascimentale partenopea che si manifesta in un tripudio di stucchi, sculture e pitture.

In occasione del Maggio dei Monumenti è promossa la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Salviamo Sant’Anna dei Lombardi”: l’accesso alla Chiesa ha eccezionalmente un costo di 5 euro (3, ridotto) per finanziare i lavori di restauro che andranno ad interessare gran parte della struttura danneggiata dall’incuria del tempo. In compenso però la visita guidata è offerta dagli alunni dell’Istituto Giancarlo Siani.

Sant'Anna dei Lombardi Napoli navata centrale - internettualeI ragazzi accolgono i visitatori con il sorriso e, suddivisi in 7-8 guide per altrettante parti dell’edificio, lo illustrano nell’ambito di un “progetto scuola” che mette in comunicazione le ultime classi del liceo turistico con quella che potrebbe essere la loro professione futura, per un riuscito e felice esperimento di tirocinio.

Il percorso di visita parte dall’esterno, dall’architettura, dalla fondazione nel 1410 per volere di Gurello Origlia, protonotario del re Ladislao di Durazzo, e dalla sua facciata in piperno grigio, caratterizzata da un arco, nel cui atrio c’è il monumento sepolcrale dell’architetto Domenico Fontana. Si passa poi all’interno, all’organo d’inizio Seicento che sovrasta la navata principale dalla controfacciata, contornato da angeli ad opera di Battistello Caracciolo sotto il quale si possono ammirare gli altari dedicati alle famiglie Ligorio e Del Pezzo, con le bellissime sculture di Madonne, Santi e Bambini finemente scolpiti rispettivamente da Giovanni Da Nola e Girolamo Santacroce.

Sant'Anna dei Lombardi organo controfacciata - internettualeI ragazzi si scambiano non senza imbarazzo il testimone di monumento in monumento, mentre sfilano dinanzi agli occhi attoniti dello spettatore affreschi di Giuseppe Simonelli e dipinti di Francesco Solimena. I più ardimentosi mostrano un piglio internazionale, cimentandosi con nonchalance in guide in lingua.

La visita culmina con la Cappella del Vasari, in cui il bianco delle volte si tinge dei vivaci colori delle allegorie, affrescate sui soffitti dell’ex refettorio, le cui pareti sono coperte, a mo’ di studiolo, dalle tarsie di Fra Giovanni da Verona che alternano santi a vedute seicentesche della città di Napoli.

L’emozione e l’entusiasmo che riescono a trasmettere i ragazzi del Siani valgono da sole il costo del biglietto d’ingresso. Tra emotività, qualche piccola incertezza e una gran carica di adrenalina tipica dell’adolescenza, i ragazzi mostrano con passione le diverse cappelle e navate di Sant’Anna dei Lombardi, in una ininterrotta suggestione di forme, colori, volti che si rincorrono. E allora sì, salvate Sant’Anna dei Lombardi, visitatela, ma fatelo nei weekend, quando dalle 9 alle 13 i ragazzi dell’Istituto Siani potranno accompagnarvi con la loro passione lungo i suoi ambienti rinascimentali.

ART NEWS

Da Tiffany a Roma: una mostra per festeggiare un nuovo store nella capitale

Jackie Kennedy and her two year old daughter Caroline Anno: 1960
Jackie Kennedy e la sua bambina Caroline a due anni
Anno: 1960

L’immagine di Audrey Hepburn che cammina alle prime luci dell’alba per le strade di New York per far colazione dinanzi alle vetrine di Tiffany è diventata il simbolo dell’America che sogna. Erano i primi anni ’60 e gli Stati Uniti celebravano i primi 125 anni di quella che sarà considerato da molti il gioielliere per antonomasia. Sono trascorsi quasi 180 anni dalla storica fondazione della sede newyorkese nel 1837 e da allora ne ha fatta di strada Tiffany & Co., non solo nell’immaginario collettivo delle scrittrici che tanti romanzi gli hanno tributato sulla falsariga di Truman Capote, ma delle tante donne che continuano a sognare guardando le vetrine delle sue gioiellerie, proprio come la Hepburn nel film di Blake Edwards.

La fama dei suoi pacchetti è tale da battezzare un colore, il blu Tiffany, per molti verde, la caratteristica colorazione di acquamarina con cui da quasi duecento anni sono avvolti le prestigiose creazioni. Non semplici gioielli, ma vere e proprie opere d’arte osannate in tutto il mondo come icone di stile e di design.

Oggi la celebre gioielleria americana si appresta a festeggiare l’apertura di un secondo punto vendita a Roma, e lo fa con l’inaugurazione di una mostra fotografica, The Female Portrait: Photography by American Women, a Palazzo Ruspoli fino al prossimo 29 maggio.

Curata la Denis Curti, la mostra ripercorre alcune delle donne che hanno indossato negli anni le straordinarie creazioni della maison, catturate dall’occhio delicato di altre donne, come la celebre fotografa statunitense Eve Arnold.

È l’America di Camelot, l’epoca d’oro in cui John Kennedy era presidente e sua moglie Jackie, impeccabile nei suoi tailleur, era considerata una vera icona di stile ammirata in tutto il mondo. Lo dimostra una tenera foto della First Lady con sua figlia Caroline bambina, intenta ad aiutare sua madre a sistemare dei fiori in un vaso su di un tavolo della Casa Bianca.

Uno sguardo nostalgico con intento celebrativo e la voglia di guardare ad un futuro che non dimentica mai il proprio passato, per continuare a perpetuare il sogno americano e non solo.