ART NEWS, LIBRI

La verità sul Caravaggio rubato in Sicilia nel libro “La tela dei boss” di Lo Verso

Si dice sia una delle opere più belle di Caravaggio. La Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi, realizzata dal pittore lombardo durante la sua fuga in Sicilia, presumibilmente tra il 1606 e il 1609. Un’opera, questa, che si distingue per lo straordinario realismo con cui è presentata la scena.

La Madonna e i santi sono ritratti con i volti cari all’artista, quelli del popolo. Sofferente la Madonna, nella sua dolcezza, che presagisce già il destino del figlio.

La natività avviene tra due santi insoliti, come San Lorenzo, omaggio alla Venerabile Compagnia dell’Oratorio a Palermo, mentre la figura a destra, cui si rivolge un insolito giovanissimo San Giuseppe (che compare di spalle), è San Francesco.

Valutato oltre 30 milioni di euro, oggi l’opera è una delle più ricercate dalla polizia di tutto il mondo. Nel 1969 infatti, a dispetto delle notevoli dimensioni, l’opera fu trafugata nella totale assenza di misure di sicurezza. Il furto è avvenuto probabilmente su commissione della mafia siciliana, e la complicità di una custode.

È da qui che parte il libro-inchiesta La tela dei boss del giornalista palermitano Riccardo Lo Verso, che ripercorre nelle sue pagine la notte tra il 17 e il 18 ottobre del ’69.

Secondo il giornalista bisognerebbe spostare le ricerche in Svizzera, seguendo la rotta di traffici illeciti che stava indagando già il giudice Giovanni Falcone. In ballo ci sarebbero ben due obiettivi, non soltanto quello di restituire l’opera di Caravaggio al mondo, oggi sostituita da una copia, ma anche arrestare Matteo Messina Denaro, ultimo “padrino” di Cosa Nostra ancora in fuga.

L’indagine e le ipotesi del giornalista sono raccolte nel suo libro, La tela dei boss, edito da Novantacento, per la collana “i libri di S“. Cinquant’anni di indagini, in cui non mancano colpi di scena, con confidenze e dichiarazioni dagli stessi padrini che hanno rotto il silenzio e che sono state raccolte in una apposita sezione del saggio.

Se volete acquistare il libro di Lo Verso, lo trovate in edicola in allegato al nuovo mensile S, ma presto arriverà anche in tutte le librerie.

Annunci
ART NEWS, LIFESTYLE

La “rivoluzionaria” prima di Andrea Chénier alla Scala il 7 dicembre a Milano

Dopo il Duomo, il secondo simbolo di Milano è senza dubbio il Teatro Alla Scala. Inaugurato il 3 agosto del 1778, ha preso il nome dalla Chiesa di Santa Maria Alla Scala che fu demolita per far posto a quello che divenne il Nuovo Regio Ducal Teatro alla Scala.

È impossibile andare a Milano e non passare davanti a questo teatro, sognando di vedere un’opera o, ancor di più, di andare alla prima il 7 dicembre, giorno in cui il capoluogo lombardo festeggia Sant’Ambrogio, inaugurando la nuova stagione.

Ho già parlato qui della stagione teatrale 2017/2018, ma la prima di quest’anno si preannuncia già “rivoluzionaria”. Rivoluzionaria innanzitutto per l’opera che è stata scelta per aprire la stagione operistica, l’Andrea Chénier di Umberto Giordano, con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Mario Martone, che racconta gli anni della rivoluzione francese e del terrore.

la soprano Anna Netrebko e il tenore Yusif Eyvazov

Ad interpretare i protagonisti Maddalena di Coigny e Andrea Chénier ci sono Anna Netrebko e il marito Yusif Eyvazov, che ben sapranno imprimere il loro amore e la loro passione nei personaggi che interpretano e cui daranno corpo e voce. È la prima volta che una coppia nella vita recita anche sul palcoscenico.

Se per Anna Netrebko è la prima volta in coppia con suo marito, questa non è la sua prima scaligera, e ritorna sul palcoscenico del famoso teatro milanese dopo il grande successo del 7 dicembre del 2015 con Giovanna D’Arco.

Per Yusif Eyvazof invece è la prima “prima” alla Scala: «Grande emozione, grande responsabilità. Paura tanta! Per me ancora più emozionante è recitare e cantare con mia moglie. C’è più complicità, l’amore è vero, il bacio è vero. Più di così?» ha detto in merito a questo suo debutto.

Le scene di Margherita Palli, i costumi di Ursula Parzak, le luci di Pasquale Mari, la coreografia di Daniela Schiavone.

Tra le curiosità di questa messa in opera la ghigliottina, usata già dal regista Martone nel film Noi Credevamo.

Rivoluzionaria è considerata anche l’opera di Giordano, presentata per la prima volta nel 1896 con un linguaggio assolutamente innovativo ai tempi che tanto si rifà anche ai nostri Verdi e Puccini.

Andrea Chénier alla Scala, foto dalle prove

Un’altra rivoluzione quest’anno è quella della RAI. La TV di Stato, dopo il successo dello scorso anno con Madama Butterfly vista in media da 2milioni 650 mila spettatori, ha deciso di trasmettere la prima su RAI1 a cura di Rai Cultura della Rete 1. La messa in onda vedrà la conduzione di Milly Carlucci e Antonio Di Bella, grazie ad una diretta che vedrà il dispiego di ben 12 telecamere in alta definizione, 40 microfoni tra la buca dell’orchestra e il palcoscenico, 20 radiomicrofoni per i solisti e il coro. Imponente lo staff di oltre 50 persone, tra cameramen, microfonisti e tecnici per le tre ore di trasmissione.

Ma queste non sono le sole rivoluzioni. Per espressa volontà di Chailly non ci saranno né interruzioni, né applausi al termine delle sei arie dell’opera: «Ma non perché l’ho voluto io – dice il Maestro – Io sono solo portatore della volontà di Giordano. E ho chiesto che l’opera venga eseguita come tale, per sottolineare la bellezza di una continuità assoluta».

ART NEWS

Teatro Alla Scala, la grande stagione lirica 2017/2018 a Milano

Si preannuncia una stagione molto ricca quella del Teatro Alla Scala a Milano, la cui inaugurazione, tradizionalmente fissata il 7 dicembre, giorno in cui si festeggia il patrono Sant’Ambrogio, vede quest’anno l’apertura con Andrea Chenier per la regia di Mario Martone. A dirigere l’orchestra per il regista de Il Giovane Favoloso ci sarà il maestro Riccardo Chailly. Ad illuminare la scena ci penserà invece l’acclamatissima soprano Anna Netrebko insieme al marito Yusif Eyvazov intonerà le arie scritte da Umberto Giordano, riportando sul teatro milanese, dove l’opera fu eseguita la prima volta nel 1896, la suggestione della rivoluzione francese e il tormentato amore tra il poeta francese, che dà il nome all’opera, e la bella Maddalena di Coigny.

Sono 15 i titoli in cartellone, che compongono il calendario 2017/2018, dove trovano posto ben otto nuove produzioni, tra cui la prima mondiale di Fin de Partie di Gyorgy Kurtag.

Die Fledermaus di Strauss diretto da Zubin Mehta, Simon Boccanegra con Leo Nucci diretto da Myung-Whun Chung, Orphée et Eurydice con Juan Diego Florez e sul podio il maestro Michele Mariotti.

Una stagione celebrativa, che vede inoltre il Don Pasquale diretto da Chailly, Francesca da Rimini di Zandonai, e una eccezionale Aida che vede la regia di Franco Zeffirelli, che festeggerà così il suo 95esimo compleanno.

Leggendo le opere in cartellone si evince un ampio respiro internazionale per il noto teatro milanese, che va oltre la lirica italiana, e che vedrà anche Fierrebras di Schubert con Daniel Harding a dirigerne l’orchestra, ma anche il Fidelio, questa volta con la bacchetta di Chung, il Pirata di Bellini, Ali baba e i 40 ladroni con la regia di Liliana Cavani, Ernani di Verdi, La finta giardiniera di Mozart ed Elektra.

ART NEWS

Il Caravaggio della discordia

Da circa due giorni Il Mattino di Napoli sta versando fiumi di inchiostro gettando ombre sull’attribuzione a Caravaggio di una Maddalena Addolorata, attualmente esposta nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta nell’ambito della mostra i Tesori Nascosti, curata dal noto critico d’arte Vittorio Sgarbi.

A più riprese, il quotidiano partenopeo ha raccolto le voci dello storico dell’arte Nicola Spinosa, molto scettico a riguardo, e di Sylvain Bellenger, storico d’arte francese, da oltre un anno Direttore del Museo di Capodimonte.

Secondo Spinosa la città, già in possesso di tre Caravaggio non ha bisogno di altre (vere o presunte) opere del maestro milanese: «La gente andasse a vederle al Pio Monte, a Palazzo Zevallos e a Capodimonte» dice il critico, ritenendo che queste siano soltanto operazioni per “richiamare le folle”.

caravaggio_maddalenaaddolorata_1605-1606Dal canto suo, lo stesso Vittorio Sgarbi, curatore della mostra, tiene a precisare di non aver personalmente attribuito l’opera a Caravaggio, sul quale vige sempre l’opinabilità, ma che la paternità del quadro gli è stata attribuita da Francesco Petrucci, curatore di Palazzo Chigi, che ha riconosciuto in questo dipinto la mano del maestro lombardo.

Per Bellenger invece il problema non è tanto quello di portare altri due o tre Caravaggio nella città di Partenope, quanto quello di indagare il percorso artistico dell’artista a Napoli, senza tentativi di fare “un colpo di natura quasi esclusivamente mediatica”.

Il vero problema, aggiunge il direttore del Museo di Capodimonte, è la poca promozione del museo del Real Bosco: «Come si può accettare – si chiede Bellenger – che non ci sia nemmeno una segnalazione del museo di Capodimonte in città?».

Dunque sarebbe tutta colpa della scarsa segnaletica e della poca sensibilità da parte di enti e cittadini verso un museo, quello di Capodimonte che, oltre alla Crocifissione di Caravaggio, custodisce al suo interno i più importanti autori della scuola napoletana, Tiziano, Giotto e tanti altri autori della Storia dell’Arte italiana e non solo.

La Reggia di Versailles in Francia, dista dal centro di Parigi circa 21 chilometri, percorribili in media in quaranta minuti in auto e oltre cinquanta in treno, e quasi 20 € per accedervi. Eppure, nonostante la non facile posizione, il lungo tragitto in auto o in treno, riesce a registrare una media di cinque milioni di visitatori annui all’interno dello château e quasi otto milioni per i suoi bellissimi giardini.

I chilometri che separano il Museo di Capodimonte dal centro di Napoli sono quasi 5, che diventano appena 2 e mezzo se consideriamo come punto di riferimento il Museo Archeologico Nazionale. Con un costo di accesso al pubblico di 12 euro, riesce però a registrare soltanto poco più di 920.000 visitatori all’anno.

Poca promozione nel cuore del centro storico della città o scarsa attenzione alla comunicazione da parte del museo? Benché con alcuni eventi, come il prestigioso prestito di Vermeer, La donna con il liuto, dal Metropolitan di New York, Capodimonte stia riuscendo ad attirare l’attenzione dei giornali e addetti ai lavori, al museo pare ancora mancare quel quid che lo renda attraente per il grande pubblico. Se il Museo Archeologico è, nominalmente, associato all’archeologia, il Museo di Capodimonte, per un turista, è soltanto l’ennesimo museo nel mondo dalle collezioni indefinite. I turisti infatti non immaginano l’importanza degli autori che esso racchiude e custodisce: da Giotto a Tiziano, da Caravaggio a Warhol. Tutta colpa della poca attenzione che Capodimonte presta alla comunicazione e i social. Lo dimostra un logo non proprio avveniristico, che somiglia ad un effetto Wordpad degli anni ’90, lo dimostra anche il non aver fatto di alcun autore il proprio “manifesto”.

Si pensi alla Gioconda e a Leonardo Da Vinci, inconsciamente associati al Museo del Louvre, o alla Ragazza col Turbante (più nota ormai come Ragazza con l’Orecchino di Perla) di Vermeer, simbolo del Mauritshuis in Olanda.

Non una mancanza di rispetto verso le altre opere e ben altri autori, ma la volontà di trasformare nella propria “icona” un’immagine immediatamente riconoscibile, e che attragga i visitatori per una fama che va oltre gli stili pittorici o il valore in sé dell’opera stessa.

È questa la strategia, che Bellenger ha definito “Operazione San Gennaro”, utilizzata dalla Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta e dalla mostra i Tesori Nascosti: un’opera, un nome, che più di altri possa attirare il pubblico. Rendersi immediatamente riconoscibili, trasformando una sola opera nella “copertina” di un’antologia di ben altri e tanti autori di grande valore e talento.

Lungo il percorso espositivo infatti non c’è soltanto Caravaggio, ma autori quali Tiziano, Guercino, lo Spagnoletto, i quali però senza la giusta spinta probabilmente non avrebbero destato la curiosità ed il successo che la mostra invece sta riscuotendo in queste settimane.

È facile invece per un turista riconoscere il percorso caravaggesco a Napoli, a cominciare dal Pio Monte della Misericordia, prestigiosa quadreria partenopea, che prende proprio il nome dall’opera omonima del maestro lombardo, o a Palazzo Zevallos-Stigliano a Via Toledo, che dell’ultimo Caravaggio, Il Martirio di Sant’Orsola, ha fatto la sua punta di diamante.

caravaggio_-_la_morte_della_vergineSe, come annunciato da Vittorio Sgarbi lo scorso 5 dicembre, dovesse dunque arrivare l’Adorazione dei Magi al museo d’arte contemporanea MADRE, nulla toglierebbe agli altri Caravaggio in città, arricchendo un percorso storico-artistico cui si dovrebbe invitare i visitatori a scoprire con maggior sinergia e meno senso di competizione, poiché se tradizionalmente consideriamo Caravaggio un contemporaneo precursore della fotografia, è già per questo “moderno”, senza la necessità di ricercare forzatamente altri dialoghi con le collezioni permanenti del Museo Donna Regina.

Per quanto concerne invece l’autenticità dell’opera della Maddalena Addolorata, attualmente esposta alla Pietrasanta, non è possibile attribuirla con certezza certo, ma non è altrettanto possibile sconfessarla. Sì, è vero, forse Caravaggio non ha mai fatto studi preparatori delle sue opere, né ha mai replicato sé stesso, ma non è possibile escludere a priori che, in una determinata fase della sua carriera e ricerca artistica, per un motivo che oggi ancora ignoriamo, non ne abbia sentito il bisogno, e che dunque la Maddalena alla Pietrasanta non sia l’eccezionalità del caso. Se così fosse, sarebbe per questo motivo di grande e forse maggiore valenza artistica. La mancata documentazione scritta dunque può essere spiegata da quello che l’artista credeva solo un lavoro “estemporaneo” di preparazione per un’altra opera, la Morte della Vergine al Museo del Louvre a Parigi, dove la stessa Maddalena è posta in primo piano al capezzale della Vergine al centro della scena, e che questo dipinto potesse dunque servirgli per ritrarre una delle tante donne che hanno affollato la sua vita ed il suo letto.

ART NEWS

Al Lago d’Iseo si cammina sull’acqua con Christo

Diventato persino di tendenza su twitter, The Floating Piers è la nuova opera che l’artista bulgaro Christo ha ideato con la sua compianta compagna d’arte, Jeanne-Claude scomparsa nel 2009, già negli anni ‘70, e che oggi vede ufficialmente la luce, diventando la prima opera su larga scala dell’artista da The Gates del 2005. Una passerella galleggiante di colore giallo, lunga tre chilometri, che percorre tutto il lago Lago d’Iseo, dando ai visitatori, non soltanto la possibilità di interagire con l’opera camminando letteralmente sull’acqua, ma anche di raggiungere per la prima volta a piedi l’isolotto al centro dello specchio d’acqua bresciano. Il percorso infatti collega Sulzano con Monte Isola e l’Isola di San Paolo.

The Floating Piers project Christo - internettualeCostata 15 milioni di euro, non sono mancate le polemiche su di un budget così oneroso per quella che è un’opera d’arte contemporanea, alle quali, durante la presentazione lo stesso artista ha risposto: «Abbiamo usato i nostri soldi, né delle banche né di nessun altro. Soldi che arrivano dalla vendita di opere d’arte originali, che faccio con le mie mani, non ho assistenti. Tutto è fatto da me».

E alla stampa, accorsa a vedere questa colossale realizzazione ha subito suggerito: «La passerella non dovete guardarla in fotografia, bisogna camminarci sopra».

Nessun biglietto d’accesso. Passeggiare su questi 220.000 cubi di polietilene non costa nulla e da oggi, 18 giugno, fino al prossimo 3 luglio (tempo permettendo) lo si potrà fare 24 ore su 24, vivendo un’esperienza unica: «Non ci sono biglietti – dice l’artista – nessun orario di apertura, nessuna prenotazione o proprietario. The Floating Piers è un’estensione delle strade e appartiene a tutti».

Dopo questi sedici giorni di esposizione, durante i quali chiunque potrà accedervi, il materiale sarà rimosso e completamente riciclato.

Per l’artista non è la prima esperienza italiana questa: negli anni ’70, infatti, aveva ideato Wrapped Medieval Tower a Spoleto nel 1968, Wrapped Monuments a Milano nel 1970 e The Wall – Wrapped Roman Wall in Rome 1973-1974.The Floating Piers Lago d'Iseo Italia Christo Wolfang Volz - internettuale

ART NEWS, CINEMA

Debutta il 24 maggio a Roma “La Traviata” di Sofia Coppola con i costumi di Valentino

Debutta il 24 maggio al Teatro Costanzi di Roma La Traviata di Verdi, che vede alla regia l’italoamericana premio Oscar Sofia Coppola.

L’Opera e il cinema, due realtà parallele che s’incontrano di tanto in tanto come pianeti che danzano nello spazio. Ed è una Traviata molto attesa quella della regista al suo debutto nella lirica, che si avvale delle scenografie di Nathan Crowley, già scenografo de Il Cavaliere Oscuro, e dei costumi di uno dei massimi nomi dell’haute couture italiana, Valentino, che per l’occasione è ritornato personalmente a disegnare i costumi dei ruoli principali, lasciando invece a Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, direttori creativi della sua maison, i costumi di Flora e del coro, realizzati in collaborazione con la sartoria del Teatro dell’Opera.

Marie Antoinette Sofia Coppola Traviata Opera Roma - internettualeUn’idea che nasce dallo stesso Valentino Garavani, che ha fortemente voluto la regia della Coppola dopo averne ammirato la trasposizione in chiave pop della biografia della regina di Francia in Marie Antoinette con Kirsten Dunst.

La storia è ormai un classico. La giovane, ma cagionevole, Violetta Valéry, corteggiata donna della nobiltà parigina di metà Ottocento, si innamora per la prima volta, ricambiata, del giovane Alfredo, la cui relazione è fortemente osteggiata dal padre di lui, che si oppone all’idea che il figlio possa sposare una donna dal torbido passato.

A dirigere l’orchestra ci sarà invece il maestro cremonese Jader Bignamini, direttore associato della Verdi di Milano. A interpretare Violetta ci sarà Francesca Dotto e Maria Grazia Schiavo, mentre Alfredo avrà il volto, e la voce soprattutto, di Antonio Poli, Arturo Chacón-Cruz e Matteo Desole.

E se per ora nulla o poco è dato sapere, di una cosa è certo il Ministro Dario Franceschini che in questi giorni ha incontrato la Coppola: «Un accostamento di sicuro successo che si potrebbe ripetere anche in futuro» e che per ora sarà replicata per quindici volte fino al prossimo 30 giugno.

Quella che si preannuncia come una sontuosa messa in scena della nota opera verdiana, si propone di avvicinare i giovani al mondo della lirica, con la freschezza apportata dalla regista di film cult quali Il Giardino delle Vergini Suicide e Bling Ring, e l’estro creativo, tutto italiano di Valentino Garavani e della sua prestigiosa casa di moda che aggiungono alla storia ispirata al romanzo La Signora delle Camelie del francese Alexandre Dumas (figlio) un tocco glamour e contemporaneo.

Maggiori informazioni al link.

ART NEWS

Caravaggio lascia Brera: due giornate gratuite per “salutare” la cena in Emmaus

P1080719

Caravaggio lascia Brera. La Cena in Emmaus, celebre dipinto di Michelangelo Merisi custodito nel museo milanese, lascerà le sale del seicentesco edificio fino al gigno 2016. Ad annunciarlo James Bradburne, nuovo direttore del museo.

Datata 1606, è la seconda versione di una tela che Caravaggio dipinse qualche anno prima, nel 1601, custodita oggi alla National Gallery di Londra. Ma mentre nella prima versione i colori erano molto più vivaci, con una rappresentazione del Cristo più paffuta e piuttosto androgina, raffigurato come il “buon pastore” delle opere paleocristiane, e una maggiore dinamicità nella scena e nei movimenti dei personaggi.

Forse intenzione dell’artista in questa prima versione dell’opera, era quella di non rendere immediatamente riconoscibile Gesù, se non per il gesto della mano, proprio come accadde, secondo il Vangelo di Luca, a Cleofa e ai discepoli, increduli di rivedere Cristo dopo la sua crocifissione, riconoscendolo nel gesto di spezzare il pane.

Nella seconda versione, quella di Brera, Caravaggio prosegue il suo percorso di “semplificazione” delle sue opere, a vantaggio dei personaggi centrali dell’evento. I colori si spengono, così come le luci. Cristo qui è meno androgino, e ha adesso le fattezze di un uomo stanco, intento a benedire e spezzare il pane sotto gli occhi attoniti dei presenti. Il pane qui è già spezzato, il pasto molto più frugale e, anziché la ricca canestra di frutta della prima versione, troviamo soltanto pochi elementi, tra cui un piatto e una brocca, forse col vino.

La passione per i dettagli va scemando, e lascia adesso il posto all’intensità della scena, alle espressioni dei volti, alla centralità del Cristo.

L’opera andrà in prestito al Museo di Belle Arti di Caen (Francia), dando così avvio ad una politica di scambi di opere con partner esteri. Da oltralpe infatti arriverà Lo Sposalizio della Vergine del Perugino, che sarà contrapposto all’omonima versione del suo allievo, Raffaello, conservata a Brera.

Per celebrare questo passaggio, sabato 14 e domenica 15 novembre Brera ha indetto due giornate eccezionali con ingresso gratuito, un’occasione da non perdere per “salutare” un’opera straordinaria, nell’attesa di ammirare il derby, tutto artistico, del Perugino e il suo allievo Raffaello.