TELEVISIONE

Tutankhamon, mini-serie sulla scoperta della tomba del Faraone-bambino su Focus TV

In un panorama televisivo sempre più frammentato e competitivo, anche FOCUS, canale-costola del magazine scientifico più famoso d’Italia, ha deciso di dedicare la sua programmazione ad una produzione non prettamente di divulgazione. Succederà lunedì 22 e martedì 23 maggio in prima serata, quando il canale del gruppo Discovery Italia trasmetterà la mini-serie Tutankhamon, kolossal in quattro puntate su di una delle scoperte archeologiche più importanti del XX secolo, la scoperta della tomba del famosissimo faraone bambino.

Diretto da Peter Webber, regista tra gli altri de La ragazza con l’orecchino di perla, lo sceneggiato arriva nel nostro paese in prima TV dopo il successo che ha riscontrato in Gran Bretagna, con una media di sei milioni di telespettatori per episodio sul canale Itv.

Sam Neill, Max Irons, and Amy Wren in Tutankhamun (2016)

Presentata in anteprima al Museo Egizio di Torino, la mini-serie è ambientata tra le sabbie e le rovine della Valle dei Re, in Egitto, e vede protagonista il giovane e fascinoso Max Irons, classe ’85, figlio del noto attore Jeremy, nei

Catherine Steadman in Tutankhamun (2016)

panni dell’archeologo  Howard Carter, affiancato da Sam Neill, veterano di pellicole-avventura e noto al grande pubblico per il suo ruolo di paleontologo in Jurassic Park, che qui invece interpreta il mecenate Lord Carnarvon. I due saranno affiancati dalla giovanissima Amy Wren, che interpreta la figlia di Carnarvon, Evelyn, mentre l’attrice Catherine Steadman interpreta la giovane Maggie.

Una serie che si propone di essere avvincente e che racconterà una pagina importante di storia dell’archeologia. L’appuntamento quindi è fissato per lunedì 22 alle ore 21.15 sul canale 56 del digitale terrestre con i primi due episodi della serie.

ART NEWS

Van Gogh: a Capodimonte i quadri “ritrovati” fino al 26 febbraio

Un’occasione davvero unica, quella del pubblico napoletano, per ammirare ben due dipinti di Van Gogh, ospiti del Museo di Capodimonte, a Napoli appunto, fino al prossimo 26 febbraio. Si tratta di due opere ritrovate dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Napoli in un covo della camorra nel settembre del 2016: «Siamo estremamente soddisfatti che le opere vengano esposte nella città dove sono state ritrovate, per celebrare il loro sicuro salvataggio – ha commentato Axel Rüger, direttore Museo di Van Gogh di Amsterdam cui i due dipinti appartengono – mettendo a disposizione le opere in primis per i napoletani, abbiamo voluto esprimere tutta la nostra gratitudine alla vostra Città e Regione, all’Italia e alle autorità italiane, specialmente la Guardia di Finanza e la Procura, e siamo anche immensamente grati ai nostri colleghi del Museo di Capodimonte».

Un modo dunque per ringraziare proprio quella città che indebitamente e inconsapevolmente le ha forse trattenute per ben quattordici anni, quando il 7 dicembre del 2002, due uomini si introducono nel museo di Amsterdam e rubano le opere.

mangiatori-di-patate-van-gogh-1885-internettuale
Mangiatori di patate, 1885

Si tratta di Spiaggia di Scheveningen prima di una tempesta del 1882 e Una congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen datato 1884-85. Opere di straordinaria importanza per comprendere il percorso artistico del maestro olandese, ancora distante dai variopinti colori delle opere di età matura, influenzato dal seicento nordico e da una vocazione frustrata di evangelizzatore. Van Gogh si esprime con una pittura di nero realismo, che arriverà all’apice con i Mangiatori di Patate.

spiaggia-di-scheveningen-prima-di-una-tempesta-1882-capodimonte-napoli-internettualeSpiaggia di Scheveningen prima di una tempesta è il solo lavoro dell’artista che risale al suo soggiorno all’Aia. Importante in quanto consiste in un ritorno alla pittura da parte di Vincent, dopo aver trascorso i precedenti anni dedito esclusivamente al disegno, nonché una delle due sole vedute marine dipinte in quel periodo.

una-congregazione-lascia-la-chiesa-riformata-di-nuenen-1884-van-gogh-capodimonte-napoli-internettualeUna congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen è invece il solo dipinto dell’artista che conserva ancora il telaio originale. Un’opera intima, legata al ricordo e agli affetti familiari. Il quadro infatti era stato dipinto per la madre nel 1884. La tela infatti ritrae la chiesa dove il padre di Van Gogh era stato pastore.

Inizialmente il dipinto raffigurava una figura isolata di un contadino, sostituito successivamente da un gruppo di fedeli in primo piano e delle foglie brune sugli alberi per riprodurre e restituire un’atmosfera più autunnale.

«Un’iniziativa – dice soddisfatto il direttore di Capodimonte, Sylvain Bellenger – che lancia un messaggio positivo, di speranza e riscatto importante per la Campania ma rivolto a tutti, cittadini e turisti».

ART NEWS

I Tesori Nascosti di Vittorio Sgarbi a Napoli fino al prossimo 28 maggio

Dal 5 dicembre, alla Basilica di Santa Maria Maggiore a Napoli, detta la Pietrasanta, arrivano i Tesori Nascosti di Vittorio Sgarbi. Una mostra che mette insieme opere di collezionisti privati nel cuore del capoluogo partenopeo, a due passi da San Gregorio Armeno e la storica Via dei Tribunali, l’antico decumano greco-romano che attraversa il centro storico della città.

Un’esposizione, questa, dal retrogusto civico, che mette insieme autori quali Tino di Camaino, alla corte di Roberto D’Angiò a Napoli dove è morto, Caravaggio, che soggiornò nella città di Partenope per un anno intero agli inizi del XVII secolo, o il napoletano Gemito, attivo nella città natale fino al successo dei Salons di Parigi a fine ‘800. Sono soltanto alcuni dei nomi, degli stili e delle epoche che ritroveremo nell’evento curato dal noto critico italiano che in merito ha detto: «Un luogo ritrovato di Napoli, la Basilica di Santa Maria della Pietrasanta una chiesa che è stata dimenticata, vicino a San Gregorio Armeno nel cuore di Napoli – commenta Sgarbi – e lì, in uno spazio che diventa museo, andranno i Tesori Nascosti».

La mostra infatti è allestita all’interno del complesso di Santa Maria Maggiore, primo edificio di culto, a Napoli, dedicato alla Vergine, a pochi metri dalla Cappella del Pontano e dell’adiacente Cappella del Santissimo Salvatore, dell’Arciconfraternita del Cappuccio alla Pietrasanta.

L’edificio sorge sui resti di una Basilica Paleocristiana del VI secolo, a sua volta costruita su di antico tempio di Diana, i cui marmi sono ancora incastonati nel campanile in laterizio nella piccola piazza antistante la Chiesa, risalente all’XI secolo.

basilica-di-santa-maria-maggiore-alla-pietrasanta-napoli-internettuale
La Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta di Napoli (2016) – dal profilo instagram di @marianocervone

La facciata dell’edificio è attribuita all’Architetto Cosimo Fanzago, che nella metà del XVII secolo ne diede una rilettura in chiave barocca.

Il suo soprannome, Pietrasanta, è dovuto ad una leggenda secondo la quale al suo interno sarebbe stata custodita una pietra che procurava l’indulgenza a chi la baciava. La tradizione inoltre indica la chiesa come luogo di sepoltura di Papa Evaristo, quinto Vescovo di Roma tra il 96 e il 106 d.C.

La basilica è stata per lungo tempo oggetto di veri e propri atti vandalici: lasciata all’incuria del tempo e all’indifferenza di cittadini assuefatti all’overdose d’Arte della città, è stata anche arbitrariamente utilizzata come crossodromo urbano.

In un’ottica di recupero dell’edificio, la Curia di Napoli ha affidato la basilica al Dottor Raffaele Iovine, imprenditore napoletano, oggi Presidente della Fondazione Pietrasanta.

«Grandi capolavori della pittura italiana e soprattutto napoletana – prosegue il critico nella presentazione del progetto – che non si vedono, ma non sono nascosti o privati per cupidigia, ma appartengono a fondazioni, collezioni, istituzioni bancarie che hanno un loro patrimonio, ma non hanno un proprio museo come Palazzo Zevallos, che sia il luogo naturale in cui farli vedere».

Ed è proprio un istituto bancario, il gruppo CREDEM, il main sponsor di questo evento, che si preannuncia tra i più interessanti, se non IL più interessante del calendario culturale napoletano, e che gode del patrocinio dell’Arcidiocesi della Città di Napoli, della Regione Campania e del Comune e della città Metropolitana di Napoli.

La mostra sarà presentata alla stampa lunedì 5 dicembre, cui parteciperà Vittorio Sgarbi, guida d’eccezione per i presenti di questi capolavori, il Presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, l’assessore alla cultura Nino Daniele, il produttore esecutivo della mostra, Gianni Filippini, il presidente del Gruppo Credem, e il Dottor Raffaele Iovine.

Napoletani e turisti potranno invece ammirare queste straordinarie opere a partire da martedì 6 dicembre fino al prossimo 28 maggio 2017.

Una selezione molto attenta quella del noto critico italiano, che ha idealmente percorso la storia dell’arte dal ‘300 al ‘900, che costituiscono un museo vero e proprio, una temporanea pinacoteca in cui le opere, non legate ad una storia predefinita, sono affiancate con l’intento di aprire uno squarcio su opere nascoste, ma non per questo clandestine, ritrovate in una Chiesa ritrovata.

ART NEWS

Ritratto in due parti: Antinoo a Palazzo Altemps a Roma fino al 15 gennaio

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Antinoo raffigurato come Osiride, al British Museum

È una delle poche icone dell’arte antica giunte fino a noi. Il suo volto è considerato un canone di bellezza in tutto il mondo. Sto parlando di Antinoo, giovane amante sfortunato dell’Imperatore Adriano, che morì prematuramente annegato nelle acque del Nilo. E se molti libri di storia romana/archeologia ancora oggi liquidano il giovane con l’appellativo di “favorito” dell’imperatore, opere come Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar ne hanno fatto uno dei simboli dell’omosessualità contemporanea.

Alla figura di questo giovane innamorato, la cui leggenda ne attribuirebbe la scomparsa ad un tentativo fallito di castrazione per preservare l’efebica bellezza, è dedicata oggi una bellissima mostra.

Antinoo. Un ritratto in due parti. È questo il nome della rassegna che fino al 15 gennaio 2017 mette insieme due frammenti in relazione tra loro, un volto e un busto, identificati come il ritratto del giovane amante dell’imperatore. L’uno conservato all’Art Institute di Chicago, l’altro al Museo Nazionale Romano. Entrambi trovano adesso posto nella mostra di Palazzo Altemps.

Quello di Antinoo è un volto assorto, malinconico, dai folti riccioli e una straordinaria bellezza. Un’icona, la sua, che ha attraversato ben tre Stati, dopo la morte, incarnando i culti locali che vanno dall’ideale bellezza greca alla personificazione del Dio Osiride in Egitto. È probabilmente facile capire, guardando la molteplice e varia ritrattistica antica, come abbia fatto Adriano, l’imperatore romano così tanto affascinato dalla Grecia, ad invaghirsi di questo giovane di origine orientale. Oggi quel volto dell’originaria collezione di Villa Ludovisi, acquisita dal museo romano agli inizi del ‘900, ritrova anche il suo busto, che alla fine dell’800 invece ha attraversato l’oceano per far parte della collezione del primo presidente dell’Art Institute di Chicago.

Ci vorrà l’ipotesi dell’egittologo Raymond Johnson dell’Università di Chicago nel 2005, e gli studiosi del J. Paul Getty Museum, quasi dieci anni dopo, per confermarlo.

I due frammenti, ricostruiti in fedelissimi calchi in gesso 1:1 sono così idealmente composti, ricostruendo idealmente l’aspetto originario dell’opera di età romana.

Alla morte di adriano il mito del giovane svanì con lui. Occorsero gli studi antiquari di J.J. Winckelmann, padre della moderna archeologia, sedotto dalla bellezza di quella scultura romana dal sapore greco. L’immagine di Antinoo riprende vita, e si fa visione erotica, vagamente sensuale, capace di ispirare i versi malinconici di Irwing, di Wilde, di Pessoa.

A rendere omaggio al giovane è oggi questo evento promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma e dal Museo Nazionale Romano insieme ad Electa. L’iniziativa è a cura di Alessandra Capodiferro.

Se la storia omosessuale tra l’Imperatore di Roma e il giovane non destò scandalo, molto stupore suscitò invece il lutto dell’imperatore e condottiero, che volle trasformare la figura del giovane in Dio, diffondendone il culto in tutto l’impero: da Roma alla Grecia, passando per l’Egitto: Osiride, Dioniso, Apollo, Asclepio fino alle divinità agresti minori. Sono tante le iconografie attraverso le quali è passato il volto di Antinoo, rosa di gozzana memoria, rimpianto di quell’imperatore che dall’alto del suo trono trascorse il resto dei suoi giorni, come un Petrarca ante saecula, nel dispiacere di ciò che poteva essere e non è stato.

ART NEWS

Sala nuova per la “Tomba del Tuffatore” nel Museo di Paestum

Il tuffatore dell’omonima tomba ritorna finalmente a casa. Dopo essere stato parte della mostra itinerante Mito e Natura che l’ha portato da Milano a Napoli, il noto affresco, stacco di una tomba a cassa magnogreca datata tra il 480 e il 470 a.C., sarà nuovamente esposto nell’originario Museo Archeologico di Paestum in una rinnovata sala dedicata a Mario Napoli, che l’ha scoperta nel 1968 a Tempa del prete, a pochi chilometri da Paestum.

A darne notizia un emozionato direttore del museo, Gabriel Zuchtriegel, che in merito a questo restauro ha detto: «Esprime la nostra filosofia che ci guiderà per i prossimi anni».

Una filosofica spending review, che aborra grossi e costosi interventi di restauro, a vantaggio di una “riqualificazione del ricchissimo patrimonio archeologico, architettonico e artistico che abbiamo” dice Zuchtriegel.

La ristrutturazione della sala Napoli infatti è avvenuta grazie alla donazione di 25.000 euro da parte di un privato, Antonio Palmieri, della tenuta Vannullo.

La tomba del tuffatore al museo di PaestumLa tomba del tuffatore consta di alcune lastre calcaree in travertino locale, interconnesse al momento del ritrovamento e opportunamente staccate. Il pavimento invece era costituito dello stesso basamento roccioso di cui è fatta la tomba.

La raffigurazione di questa cassa funeraria ricorda molto quella dei crateri a figure rosse greci, ritraendo, sulle pareti lunghe, degli uomini con delle kylikes in mano, distesi sulle tipiche klinai, durante un simposio, un tradizionale banchetto greco. Altri invece impugnano degli strumenti musicali e sono intenti a rallegrare i commensali.

Tomba del Tuffatore, dal profilo instagram @marianocervone
Tomba del Tuffatore, dal profilo instagram @marianocervone

Il noto tuffatore, un virile uomo nudo ritratto nell’atto di lanciarsi in acqua, rappresenta la copertura. Fortissima la valenza simbolica, metafora di un trapasso ultraterreno. La stessa piattaforma da cui si lancia l’uomo della tomba rappresenterebbe le colonne di Ercole, confine dello scibile umano, che termina là dove comincia l’ignoto del mondo dei morti.

Un’opera squisitamente locale, che risente tuttavia dell’influenza greca, nelle fattezze esotiche degli uomini che la animano, la cui somiglianza si fa lampante se si confronta quest’opera con la Tomba della Caccia e della Pesca di Tarquinia.

Il nuovo allestimento della Tomba del Tuffatore vedrà l’affiancamento della cosiddetta Tomba delle Palmette, scoperta tempo fa, ma ancora oggetto di studi.

ART NEWS

Animali fantastici e dove trovarli, ai Musei di Scienze Naturali e Fisiche di Napoli

Animali fantastici e dove trovarli. Potrebbe intitolarsi così questo post, come il film di David Yates ispirato all’omonimo libro di J.K. Rowling, perché anche a Napoli, città del mare, del sole e dell’arte, è possibile trovarne. Un’avventura per far divertire i più piccoli e istruire i più grandi. Sto parlando dei Musei delle Scienze Naturali e Fisiche dell’Università Federico II.

Nel cuore di Napoli, a due passi da Piazzetta Nilo, i musei trovano i loro ambienti in alcuni dei complessi architettonici più belli e suggestivi della città. Le sole sedi da sole basterebbero a giustificare l’esiguo costo del biglietto. A cominciare dal Museo di Paleontologia, all’interno del seicentesco Chiostro dei Santi Marcellino e Festo, adiacente alla chiesa omonima. Una struttura in cui si respirano le sontuose influenze spagnoleggianti realizzate dall’architetto Giovanni Vincenzo Della Monica, già autore del Chiostro di San Gregorio Armeno.

Sede universitaria dal 1907, il chiostro ospita in un corpo di fabbrica fossili e ritrovamenti di pregio, alcuni davvero straordinari.

musei-di-scienze-naturali-e-fisica-unina-internettualeSono oltre 50.000 i reperti che compongono una collezione davvero unica. Tra i più famosi c’è senza dubbio l’Allosauro, erroneamente considerato dai più piccoli un T-REX, il cui ritrovamento è avvenuto in una zona di confine degli Stati Uniti tra il Wyoming e lo Utah nel 1993. Uno scheletro in perfetto stato di conservazione, di circa 600 kg, la cui testa, per il peso è stata posta in una teca a parte, lasciando una più leggera ricostruzione a comporre uno scheletro per lo più originale, sospeso da cavi d’acciaio, per non danneggiare il pregiato pavimento maiolicato ad opera di Giuseppe Massa, celeberrima bottega per le più note e colorate maioliche del Chiostro di Santa Chiara. Un connubio unico che unisce epoche e luoghi lontani, creazioni della natura e opere dell’uomo, per offrire, in un solo sguardo, l’interezza della storia fino ai giorni nostri.

Lungo il percorso espositivo sono tanti i fossili che possono catturare l’attenzione di grandi e piccini, come il piccolo Ciro, simpatico soprannome dello scientifico Scipionyx samniticus, in onore di un paleontologo che per primo segnalò la presenza di fossili nella zona di rinvenimento di questo piccolo dinosauro, nel sud del nostro paese.

Ma c’è anche un cucciolo di mammut rimasto prigioniero tra i ghiacci e alcuni scheletri della famiglia dei sirenidi, da cui originò la leggenda delle donne di Andersen dalla voce melodiosa per metà pesce.

Sì, perché nel Museo di Paleontologia storia e leggenda si mescolano in un percorso lungo milioni di anni.

È un compendio di etnie e espressioni culturali ed artistiche diverse quello del Museo di Antropologia, con manufatti e oggetti d’uso quotidiano che rappresentano le prime conquiste dell’Uomo, mentre il Real Museo Mineralogico ha sede nella prestigiosa Biblioteca del Collegio Massimo dei Gesuiti, che presenta ancora le vestige dei fasti borbonici, con una vasta collezione di pietre, fossili e minerali suddivisi in collezioni i cui nuclei hanno avuto origine nel XVIII secolo.

In quello che era il vecchio refettorio dei gesuiti, trova invece posto il Museo di Fisica, quello più recente, la cui fondazione risale soltanto al 1983, con una vasta collezione di strumenti che ci hanno permesso la misurazione fisica degli eventi che hanno portato e portano al progresso.

museo-di-zoologia-unina-internettualeÈ uno scrigno prezioso il Museo di Zoologia, che affonda le sue radici nel XIX secolo, di cui, le teche in legno sono una chiara impronta di quel 1813 in cui è stato fondato.

museo-di-zoologia-conchiglie-unina-internettualeMastodontiche le collezioni di vertebrati che troneggiano nel grande salone oblungo del museo, contornati da esemplari in pelle che comprendono gran parte del regno animale in più di mille esemplari: dai leoni a una grande varietà di uccelli, passando per crostacei e altri abitanti del mondo marino fino a una degli ultimi acquisti, come il cucciolo di una giraffa.

I Musei di Scienze della Natura e della Fisica sono la scoperta di un mondo altro che ci ha preceduti e ancora oggi ci circonda, ricordandoci di preservarne integralmente la sua bellezza.

Per maggiori informazioni:

www.cmsnf.it

LIBRI

La “Malamusica” di Michelangelo Pascali, analisi sociale tra neomelodia e criminalità

Pscali Malamusica Neomelodia e Legalità libro cover copertina - internettualeA due anni dal suo esordio, la serie Gomorra, ispirata al romanzo omonimo di Roberto Saviano, è ritornata in questi giorni sugli schermi Sky, e con sé ha riportato in auge tutta una fenomenologia della “mala”, dai modi di dire del clan Savastano, che si fanno gergo popolare persino tra i ragazzini, alla colonna sonora diventata cult: musica rigorosamente neomelodica, in dialetto napoletano, che canta spesso la disperazione e i nuovi drammi dell’hinterland napoletano contemporaneo. È probabilmente quello che prova ad indagare Michelangelo Pascali nel volume “Malamusica” dal sottotitolo Neomelodia e Criminalità (Liguori Editore), illustrando al lettore la stretta connessione tra musica neomelodica e criminalità, e di quanto la seconda influisca ed influenzi fortemente la prima.

L’approccio è quello scientifico, di chi, con onestà intellettuale, si pone con rigore metodologico dinanzi ad una materia di studio e ricerca le evidenze: «Ogni fenomeno non si rende completamente trasparente al nostro sguardo e ogni cosa invita a trascendere le apparenze» suggerisce la studiosa Luigina Mortari.

La ricerca di Pascali dunque mira a portare alla luce il lato nascosto delle cose, il loro intimo significato non sempre evidente. Ed è su queste basi che poggia lo stesso titolo del volume, Malamusica, che nasconde in sé stesso vari strati di significato: “mala” infatti come degrado sociale e morale, che fa di quel mal comune mezzo gaudio, un unico disastro collettivo verso cui cammina la società contemporanea percependolo come uno stato di benessere comune, il massimo grado di felicità cui si può ingannevolmente tendere.

Un malessere corrosivo che fa di modelli malati degli esempi da imitare: e così il “guappo” è sinonimo della persona furba, che sa affrontare di petto la vita e le persone, così come i “boss”, visti come autorità massime che trovano nella violenza, spesso nella “vendetta”, nell’omicidio e nella criminalità la propria forma di giustizia.

Per quanti desiderano affrontare questo fenomeno musicale e sociologico, l’autore presenterà il suo volume martedì 17 maggio al Palazzo Pacanowski a Napoli, alle ore 13.30. Con lui saluteranno i presenti il Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza Federico Alvino, il Coordinatore del Dottorato di ricerca in “Diritto e istituzioni economico-sociali” Francesco Di Donato, in un dibattito che sarà animato da Federico Vacalebre, giornalista de Il Mattino e personalità di spicco dell’ambito giuridico e giornalistico, moderati da Alberto De Vita, Ordinario di Diritto penale, Università degli Studi “Parthenope”.

Un appuntamento da non perdere per i cultori della musica, della giurisprudenza, della sociologia.

ART NEWS

La verità sul Caravaggio da 120 milioni di euro ritrovato in una soffitta in Francia

Caravaggio Giuditta Oloferne 2016 - internettuale

Ha fatto subito il giro del mondo la notizia del ritrovamento di un Caravaggio in una vecchia soffitta in Francia. Grande giubilo per chi credeva di aver ritrovato un capolavoro inedito del grande maestro italiano, immediate invece le reazioni di critici ed esperti che sono divisi sull’autenticità del quadro, che raffigura Giuditta che decapita Oloferne.

Trovato in una vecchia soffitta di Tolosa, il dipinto è stato due anni al vaglio degli esperti, che l’hanno attentamente esaminato prima di pronunciarsi. Qualche giorno fa, Eric Turquin, mercante d’arte francese, ha presentato l’opera, asserendo che si tratterebbe di un vero Caravaggio. Il dipinto resterà nella galleria dell’uomo fino ad un suo acquisto, il cui prezzo, secondo una stima del critico, oscillerebbe intorno ai 120 milioni di euro.

La sua attribuzione al maestro italiano resta tuttavia oggetto di dibattito tra gli esperti: «Basta guardare la qualità dell’immagine: la forza, l’energia, la violenza, l’oscurità – ha detto Torquin – per vedere che è il centro di una controriforma che non può essere stata fatta da nessun altro se non Caravaggio».

Anche l’ex Direttore del Museo di Capodimonte, Nicola Spinosa, esperto caravaggesco, avalla l’autenticità del dipinto, asserendo, in una valutazione del 2015 scritta per Torquin che lo stile dell’opera “ci permette di identificarlo come un Caravaggio originale che pensavamo fosse finora perduto”.

Più scettica invece l’esperta Mina Gregori, che avanza dubbi sulla paternità del dipinto: «Conosco il quadro – ha riferito in una mail al New York Times lo scorso mercoledì – e credo sia un lavoro interessante» ma l’esperta dice che potrebbe trattarsi di un falso in stile caravaggesco opera del pittore fiammingo Louis Finson.

Anche i laboratori di ricerca del Louvre sembrano serbare dubbi, senza giungere ad alcuna attribuzione definitiva del dipinto.

Torquin ha fatto sapere che il proprietario, non reso noto, ha rinvenuto il dipinto dietro una porta chiusa a chiave, che ha forzato per riparare una perdita d’acqua all’interno dell’edificio. Il dipinto potrebbe essersi trovato in Spagna nel XVIII secolo, dice il critico d’arte, poiché la famiglia è discendente di un ufficiale di Napoleone e potrebbe aver acquistato lì il dipinto.

Anche un altro esperto caravaggesco, John Gash, docente presso l’Università di Aberdeen in Scozia dice che potrebbe trattarsi di un autentico Caravaggio che, secondo alcuni atti, lo stesso autore avrebbe venduto a Finson a Napoli intorno al 1607.

Riallacciandosi alla Gregori, anche Gash dice: «L’alternativa sarebbe che si tratta di una copia di Finson, che era un copista incallito, ma qui penso che la qualità sia migliore».

ART NEWS

“Restituzioni”: alle Gallerie d’Italia di Milano una mostra da non perdere

0205 MAZZOLA-ANNUNCIAZIONE

Caravaggio, Rubens, Perugino sono soltanto alcuni dei nomi che entrano a far parte di una grande mostra, Restituzioni, alle Gallerie d’Italia da venerdì 1 aprile fino al prossimo 17 luglio 2016. Sono 145 infatti le opere sottoposte ad interventi di restauro, che sono oggi, letteralmente, restituiti, da qui il titolo della rassegna, al pubblico in tutto il loro splendore grazie al gruppo bancario Intesa Sanpaolo.

In questa edizione, la diciassettesima, una novità rispetto alle precedenti: nel percorso di visita sono state incluse anche opere provenienti anche dalle sedi delle Banche estere del Gruppo.

La bellezza ritrovata. Caravaggio, Rubens, Perugino, Lotto e altri 140 capolavori restaurati, questo il titolo completo della mostra, fa parte di un programma nato nel 1989 ad opera di Carlo Bertelli e Giorgio Bonsanti.

Restituzioni, insieme a Gallerie d’Italia (nelle sedi di Milano, Napoli e Vicenza) entra a far parte dei progetti di Intesa per la valorizzazione dei siti archeologico sul territorio italiano, e la valorizzazione dei più interessanti reperti. I pezzi infatti vengono selezionati in relazione alla necessità e urgenza di restauro. Obiettivo ultimo il recupero dei manufatti maggiormente rappresentativi del patrimonio storico-artistico italiano.

Epoche, ma anche tecniche diverse come pittura su tavola e tela, affreschi, mosaici, scultura in marmo

o pietra, in bronzo, manufatti tessili, oreficeria.

Sono 54 i nuclei di opere d’arte interessati, per un totale di 145 pezzi provenienti da Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto e quest’anno eccezionalmente anche la Repubblica Slovacca.

La mostra rappresenta senza dubbio un’occasione unica per ammirare tutte queste opere in un unico percorso espositivo, scoprendo al contempo le raffinate tecniche dell’arte del restauro.

All’interno di Gallerie d’Italia una sala è interamente dedicata al restauro, così che il visitatore possa scoprire e vedere con i propri occhi il recupero degli affreschi dell’inizio del XII secolo della Chiesa di San Pietro all’Olmo (Milano), dove la restauratrice compone un’immagine di 10.000 frammenti ritrovati nel sottosuolo della Chiesa, come un puzzle di cui non si conosce l’immagine completa.

Dal sito ufficiale, www.restituzioni.com, è infatti reperire oltre che informazioni sui reperti, anche il loro excursus di restauro, fino al loro ritrovato splendore.

ART NEWS, CINEMA

“Firenze e gli Uffizi in 3D/4k” al cinema. Inno alla bellezza

FIRENZE E GLI UFFIZI 3D/4K ? VIAGGIO NEL CUORE DEL RINASCIMENTO

Arte e nuove tecnologie continuano ad intrecciarsi per la gioia di quanti hanno voglia di scoprire il bello, e così dopo lo straordinario successo al cinema lo scorso anno con Musei Vaticani 3D, suggestivo documentario alla scoperta dei più grandi capolavori di musei romani visibili anche in tre dimensioni, arriva quest’anno Firenze e gli Uffizi in 3D/4k. Prodotto ancora una volta da Sky 3D, il documentario è stato presentato in anteprima mondiale ieri nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio nel capoluogo Toscano. Il documentario, che uscirà in 240 sale cinematografiche italiane il 3, 4 e 5 novembre, percorre un ideale giro turistico nella cittadina toscana che va da Palazzo Vecchio alla Galleria degli Uffizi, passando per il Museo del Bargello alla Galleria dell’Accademia.

Una visione che quest’anno si avvale non solo della straordinaria profondità del 3D cinematografico, ma anche dell’altissima risoluzione del 4k, per una visione delle opere senza precedenti, alla scoperta di artisti come Tiziano, Botticelli, Caravaggio, Raffaello: «Non è un film – ha commentato il sindaco di Firenze, Dario Nardella – ma è un inno alla bellezza».