LIFESTYLE

CEWE, un fotolibro per ripercorrere l’itinerario delle vacanze

Con l’arrivo dell’estate pensiamo già alla meta delle nostre vacanze. Se alcuni dovranno aspettare ancora qualche settimana, molti, archiviati esami e lavoro, si stanno già godendo il sole, postando le prime, immancabili, immagini sui social. Smartphone, instagram e filtri alla mano, per dare sfogo alla propria creatività e, giorno dopo giorno, raccontare le proprie esperienze e luoghi visitati.

Forse non tutti sanno che da qualche tempo c’è un modo per farlo con originalità. La fotografia digitale ci ha senza dubbio dato quell’immediatezza che la pellicola analogica non aveva, eppure ci ha tolto, al tempo stesso, quel fascino senza tempo di sfogliare e toccare con le nostre mani le immagini che produciamo. Quelle dei nostri figli, dei posti in cui siamo stati, dei cuccioli che giocano al parco.

Se volete recuperare la sensazione di sfiorare con le vostre dita le immagini delle vacanze, mentre bevete gli ultimi mojito con gli amici, allora CEWE è quello che fa per voi.

Si tratta di un servizio di stampa on-line, che vi consente, tra l’altro, di creare e impaginare dei bellissimi fotolibri.

Oltre a tutte le immagini che desiderate, CEWE vi permette anche di poter includere nel vostro fotolibro anche delle mappe, per tracciare l’itinerario dei vostri viaggi, o semplicemente ricordare dove si trovava il ristorantino di quella cenetta speciale che non dimenticherete mai più.

Farlo è molto semplice. Grazie ad internet e a Google Maps, potrete infatti cercare i luoghi o gli indirizzi esatti dei posti che vi interessano. Sarà possibile selezionare con precisione l’area che vi interessa, zoomando su di una zona specifica o spostare e allineare la parte di cartina che desiderate.

Potrete scegliere tra diversi stili di rendering grafico, per mostrare un’intera città o anche i suoi rilievi e paesaggi circostanti. Dopo averla aggiunta al vostro fotolibro, potrete impaginarla come più vi piace all’interno della vostra composizione, muovendovi liberamente tra i margini delle pagine a vostra disposizione.

Grazie a questa nuova funzione, sarà così possibile ripercorrere quell’avventura on-the-road sulla Route66, tracciare la vostra Parigi-Dakar, ma anche ricordare i punti che avete visitato durante i vostri viaggi e vacanze.

Per creare e impaginare i vostri bellissimi album fotografici, CEWE mette a disposizione un software gratuito, facile ed intuitivo, che è possibile utilizzare da qualsiasi piattaforma: che si tratti di un PC, un tablet o persino uno smartphone, potrete così divertirvi a creare il vostro album comodamente dalla sdraio sotto al vostro ombrellone.

Se volete capire meglio come funziona, ecco un tutorial video:

Annunci
INTERNATTUALE

Ecco il metodo per essere felici

Forse non lo sapete, ma oggi è la Giornata Internazionale della Felicità. Se siete scettici, come lo ero io qualche anno fa, sappiate che lo scorso anno cadeva addirittura di lunedì! Non oso immaginare chi possa sentirsi davvero felice di lunedì.

È vero, non è facile essere felici, e il più delle volte sarete tentati dal non esserlo, da quel cinismo che si fa smaccato realismo, sfociando talvolta nel pessimismo più nero. Tuttavia, qualche anno fa, oltre allo stracitato Mangia Prega Ama (per il quale Elizabeth Gilberth dovrebbe ormai riconoscermi una percentuale sulle vendite del suo libro), qualche tempo fa ho letto un articolo del New York Times molto interessante.

L’articolo, scritto da Tara Parker-Pope per la rubrica benessere del giornale americano, è un vero e proprio prontuario per la felicità.

Sembra probabilmente banale dirlo, ma non c’è qualcuno o qualcosa che possa rendervi davvero felici.

Spesso desideriamo avere più cose, essere più ricchi, più belli, più amati, e ricerchiamo all’esterno, nel mondo che ci circonda ciò che in realtà manca dentro di noi. Perché queste sono in realtà sensazioni che dobbiamo innanzitutto sentire nella nostra mente, nel nostro cuore, nella nostra anima.

Secondo l’articolo della Parker-Pope infatti, il primo passo è proprio questo: combattere i pensieri negativi con l’ottimismo.

Ognuno di noi ha pensieri negativi. Ne abbiamo di continuo. Siamo più propensi a pensare di poter essere investiti da un’auto che dal vincere alla lotteria: spesso rimuginiamo sulla nostra vita, sulle cose che non vanno, sulle cose che ci mancano, su esperienze brutte fatte nell’arco della nostra esistenza (bullismo a scuola, traumi vari, tradimenti). È intrinseco della nostra specie, fa parte dell’evoluzione: pensare a queste cose per evitarle in futuro. Tuttavia questo non deve precludere un allenamento per la nostra mente a pensare anche in positivo.

Il trucco non sta nel cercare di fermare a tutti i costi i pensieri negativi. Dire a se stessi “Non devo pensarci”, un po’ come faceva Rossella O’Hara che diceva “ci penserò domani”, farà soltanto sì che vi affliggerete ulteriormente per il vostro problema.

“Non ho soldi”, “ho problemi a lavoro”, “Nessuno mi ama” diventeranno soltanto mantra negativi che si ripeteranno in loop come una vera e propria ossessione.

TRATTATI COME UN AMICO:

Spesso, quando un amico ci parla di un suo problema, riusciamo ad essere più obiettivi, perché agiamo a cuor leggero, siamo più distaccati, razionali, e abbiamo una chiara visione del problema. Quando si tratta di noi stessi invece tutto sembra complicarsi. Provate a trattarvi come un amico, e datevi i consigli che dareste ad un vostro amico con lo stesso problema e, soprattutto, seguite il vostro consiglio.

Pensate anche alle tante cose buone che avete fatto, al cammino percorso finora, agli obiettivi raggiunti. Sovvertite il pensiero negativo con un socratico interrogativo: chiedetevi come potreste risolverlo, come mai provate delle sensazioni negative a riguardo, cosa potreste fare per superare un ostacolo. Insomma concentratevi su di una possibile soluzione. È in questo modo che sfiderete il pensiero negativo, e compirete il vostro primo passo verso una vita felice.

RESPIRAZIONE CONTROLLATA:

È scientificamente dimostrato che una buona respirazione apporta benefici anche all’insonnia, stati di stress post-traumatico, deficit dell’attenzione.  Lo stesso film con Julia Roberts del 2010 rende poco ciò che nel romanzo della Gilberth è spiegato più ampiamente. Ma uno dei fondamenti dello yoga è proprio il controllo del respiro (o pranayama). Lo stesso Buddha praticava il controllo del respiro per meditare e raggiungere l’illuminazione.

RISCRIVI LA TUA STORIA:

Una delle più grandi conquiste dell’umanità è la scrittura. Scrivete. Ma non ripercorrete tutto ciò che vi angoscia. È dimostrato che tenere un diario per 15 minuti al giorno può aumentare il vostro livello di felicità e benessere: scrivete dei vostri sogni, di ciò che volete realizzare, di ciò che avete già. Se cercate l’amore, non ricercatelo a tutti i costi come un tesoro da scovare. Lavorate su voi stessi, sul sentirvi in sintonia e in pace con il mondo che vi circonda.

MUOVITI:

Pensate solo all’ottimismo e il buon umore che vi dà un viaggio, una gita fuori porta, uscire anche solo per un gelato. Non fermatevi. Non restatevene chiusi in casa a rimuginare su ciò che non va. Godetevi un giorno di sole, scoprite la bellezza di un museo, camminate tra la gente.

PRATICA L’OTTIMISMO:

Siate ottimisti. Coltivate l’ottimismo. Essere ottimisti non significa ignorare la realtà o avere la testa tra le nuvole, ma significa sperare per il meglio, confidare in quel lavoro che cercate, in quel momento che riuscirete a superare, in quell’amore che senza dubbio troverete. E allora sì, che sarete completamente felici. Dovete soltanto crederci.

E se volete un consiglio pratico per iniziare, provate con un Happiness Jar. Vi racconto cos’è QUI.

INTERNATTUALE

Instagram: da Forbes i dieci migliori consigli per aumentare la visibilità e i follower

Come si fa ad avere successo su instagram?

In un momento storico in cui il lavoro ristagna, è internet la vera gallina dalle uova d’oro. Sono in molti infatti a domandarsi come avere successo on-line. YouTube, blog, facebook sono i social deputati a cercare fortuna e fama, con la speranza di riuscire a incanalare il giusto flusso di follower. Tra i più gettonati instagram, il social dedicato alle sole fotografie, che si è trasformato negli anni nel vero alleato di fotografi e fashion blogger. Qui in molti provano a trovare la popolarità postando le proprie immagini, provando, puntualmente, quel senso di frustrazione e impotenza che arriva quando la propria immagine staziona intorno ad una decina scarsa di like.

Per coloro che hanno avuto la fortuna di iscriversi agli albori del 2010, anno di nascita del noto social network, le cose erano molto più facili. I diversi algoritmi e la poca diffusione sui soli utenti iOS (ovvero iPhone) ha fatto sì che i “pochi” profili potessero accrescere immediatamente di popolarità, ricevendo un bel po’ di like e follower.

Dall’aprile del 2012, quando instagram si è aperto anche ad Android, le cose son un po’ cambiate. Gli utenti erano circa 25.000.000 e riuscire a farsi notare era un po’ più complicato.

Non bastavano più le classiche foto di gattini e tramonti: instagram si è trasformato in una piattaforma con del potenziale.

Oggi gli iscritti sono circa 300.000.000 con una media di 95.000.000 di foto condivise al giorno. Difficile dunque in un oceano fotografico come questo riuscire a catturare l’attenzione dei tanti.

Cominciamo subito col dire che non esiste una formula magica. Diffidate dunque da video, tutorial, trucchi ed espedienti vari. Ma sfatiamo subito un altro mito: le sole foto belle da sole non bastano.

In molti infatti dicono che bastino delle belle foto a creare un naturale engagement con il vostro profilo. Se fosse vero, i fotografi professionisti allora avrebbero tutti una corsia preferenziale. La verità è che molti profili oggi COMPRANO un pacchetto di utenti e di like dai BOT.

instagressUno dei più noti è instagress, sito attraverso il quale è possibile sottoscrivere un pacchetto in abbonamento, automatizzando commenti, like e follow su hashtag o geolocalizzazioni precise. È questo il “robot” che lavora al vostro posto facendo girare il vostro profilo. Sì, perché si stima che ogni cento like ci siano sei nuovi utenti in più che decidono di seguirvi.

Ma abbonamenti a parte, quali sono le “tecniche” per avere una maggiore visibilità?

La prima regola è non postare foto altrui. Se condividete la foto di Mario Testino o di Bar Rafaeli augurandovi che il loro nome apporti un maggior flusso sul vostro profilo, vi sbagliate. La prima regola è quella di essere originali: uno scorcio, una strada, una via, persino un banalissimo caffè, purché vostri, saranno senza dubbio più efficaci della foto rubata da internet e condivisa per puro amore o spirito di emulazione.

NO a gattini. Il gattino può apportare un po’ di like in un singolo post, ma se il vostro profilo è costellato di gatti alla lunga stancherà e anche i seguaci che avete conquistato vi “defolloweranno”.

NO a selfie selvaggi. A meno che voi non siate Mariano Di Vaio in Armani o Belen Rodriguez a Formentera, è inutile postare un vostro selfie ogni tre ore per dire cosa state facendo, sperando che la vostra faccia abbagliata da filtri sia notata.

instagram app LG telefonia - internettualeQualche consiglio per tentare di incrementare il proprio traffico arriva dalla rivista di economia e finanza statunitense Forbes che ha svelato 50 tips. Ecco i dieci migliori:

  1. Usare degli hashtag di scambio. È probabilmente la prima regola, quella di ricorrere agli ormai consueti #FF, #instafollow, #l4l, #tagforlikes e #followback per far capire agli utenti che like e follow saranno ricambiati (e ricambiateli).
  2. Mettete like alle foto degli altri utenti, interagendo. Neil Patel ha infatti stimato che ogni 100 like ci sono più di sei nuovi utenti che vi seguono.
  3. Mettete almeno 100 like al giorno random. Secondo una stima approssimativa, sono 6.1 utenti in più ogni cento mi piace che mettete.
  4. Utilizzare gli hashtag più usati per risalire nella ricerca come #love, #instagood, #tbt and #photooftheday
  5. Il sito americano consiglia di postare alle 2 del mattino o 5 del pomeriggio; in Italia gli orari migliori sono le 14.00 e le 19.00
  6. Molti sottovalutano il potere delle didascalie, ma una bella descrizione della vostra immagine più riuscire a creare engagement più di un hashtag. Includete anche qualche domanda per creare interazione.
  7. Postate di domenica. Il sito di economia e finanza consiglia la domenica come giorno per avere una maggiore visibilità; mentre le immagini postate il mercoledì creano molto più engagement.
  8. Siate consistenti. È inutile postare mille immagini che non hanno nessuno scopo se non quello di condividere l’ennesimo inutile selfie o foto fatta per caso. Fate capire che i follower contano per voi, postando cose interessanti da vedere.
  9. Seguite le persone suggerite, seguite quelle con interessi comuni ai vostri, condividete il vostro profilo sui vostri canali social. Fate rete. Si tratta di un social, quindi social(izzate).
  10. Non eccedete con i filtri: se sono stati proprio i filtri ad aver fatto la fortuna di instagram all’inizio, oggi, paradossalmente, in controtendenza pare che siano proprio le foto senza filtri quelle che creano un maggior interesse.